Anzola dell'Emilia
Anzola dell' Emilia Stampa
Arte e Restauro - Luoghi d'arte
Scritto da AA. VV.   

Anzola dell'Emilia: le origini

Fonte:  Gruppo di ricerca storico-archeologica del Centro Culturale Anzolese

Fino a una trentina d' anni fa, era abbastanza diffusa la convinzione che il paese avesse avuto degli insediamenti abitativi solo dopo la centuriazione romana del territorio padano, e che il primo consistente villaggio basso-Medievale si fosse aggregato all'interno della cinta muraria del castello di Unciola , fra il X° e l'XI° secolo.
Per la verità, alcuni scavi effettuati dall' anzolese Torquato Costa (la cui figura sarà tratteggiata più avanti) avevano riportato alla luce dei reperti archeologici che presumevano degli insediamenti abitativi già in epoca pre-romana, ma la casualità dei ritrovamenti non aveva consentito di approfondire la loro datazione in modo più preciso, anche se l' intuizione che nel territorio adiacente all'attuale via Emilia (Zona Palazzina di Sopra e Palazzina di Sotto, zona Confortino e zona Cà Rossa ad Anzola) vi potessero essere degli antichi villaggi dell'età del ferro (3.000-3.200 anni fa) veniva presa in seria considerazione.

Fig 1: Ipotesi dell'antico insediamento anzolese di 3000 -3200 anni fa

Sarà solo negli anni fra il 1981 e il 1982, che alcuni ritrovamenti casuali effettuati dagli anzolesi Claudio Chiarini, Anna Zucchelli, Stefano Veronesi, Giovanni Albertini e Nadia Guidetti (ritrovamenti conseguenti alle opere di scavo delle fondamenta dello stabile di via Calanchi - via XXV aprile e prontamente segnalati alle Autorità competenti) creeranno i presupposti per una campagna di scavi iniziata una decina di anni dopo.
L' area interessata dagli scavi  fece riaffiorare una quantità molto consistente di ceramiche, ed altre suppellettili, a testimoniare l'esistenza  di un insediamento abitativo da considerarsi come un vero e proprio villaggio terramaricolo . Quindi, si possono oggi avanzare alcune ipotesi anche se un po ardite: la prima, che la via Emilia non sia stata costruita completamente dai romani, ma che questi ultimi abbiano allargato, sistemato e resa agevole un tracciato viario che, seppure in forma primitiva, probabilmente esisteva già. La seconda, che l'abbandono delle terre anzolesi a nord della via Emilia sia stato causato dalla grande crisi che seguì la caduta dell'Impero romano e dall'invasione dei barbari provenienti dal nord Europa, nonchè dal progressivo allagamento delle campagne dovuto alla non manutenzione dei corsi d acqua e alla particolarità del terreno pianeggiante ed argilloso. La terza, che il progressivo ripopolamento della campagna dovuto all'opera di bonifica dei monaci benedettini intorno all'anno Mille, abbia ridato vita e fertilità a zone abitate fin dai primordi.

Fig: 2 Capanne delle Terramare di Montale (MO) Fig 3: Sistema di difesa: fossato e palizzata

La ricostruzione delle abitazioni dell' epoca è, chiaramente, su basi ipotetiche, ricavata dall'analisi dei dati rilevati dagli scavi e dalla posizione di ciò che si presume fossero i pali di sostegno delle capanne.
I villaggi avevano una dimensione iniziale di circa 2 ettari, aumentata successivamente fino a 15/20 ettari per consentire la costituzione di aggregati con un economia più complessa e con maggiori possibilità di difesa.
Gli insediamenti erano costituiti da abitazioni a probabile carattere unifamiliare, di pianta quadrangolare, con lunghezze che variavano da 8/9 metri fino a 20 metri. La pavimentazione era di terra battuta, con pareti a graticcio intonacato, e tetto di paglia sorretto da pali.
Una caratteristica di tutte le capanne era quella di essere sollevate da terra, per meglio difendersi dagli animali, dall'umidità e dalle acque.
L' immagine di questa capanna (fig. 2) è ricavata dalla ricostruzione di case della Terramara di Montale, in provincia di Modena

In questa ricostruzione (fig. 3) grafica è rappresentato il sistema difensivo dell'ipotetico villaggio di Anzola, costituito da un fossato colmo di acqua che lo circondava completamente. Vi era, inoltre, una palizzata che dava ulteriore sicurezza e sorreggeva una delle grandi porte che regolavano l'accesso al villaggio.
Da considerare che questo antico sistema di organizzazione e difesa degli insediamenti abitativi umani, durerà fino agli anni in cui l' avvento delle artiglierie renderà obsoleti i castelli protetti da mura possenti (secolo XVII d.C.).
La ricostruzione del sistema fossato-terrapieno-palizzata-porta d ingresso, è ricavata dal parco archeologico di Montale, in provincia di Modena

Questa immagine popone la ricostruzione ambientale dell'area prospiciente il villaggio terramaricolo di Anzola. E vista da nord-ovest'(cioè dall'attuale borgata Martignone).

Il sostentamento alimentare era garantito dalla caccia e dalle prime organizzate forme di sfruttamento agricolo del terreno, che si avvaleva di attrezzi per dissodare il terreno (aratri e vomeri) composti da legno e corna di animali come il cervo, nonché degli animali (bovini) largamente utilizzati nell'aratura dei campi. 

I terreni adatti alle coltivazioni venivano ricavati dal disboscamento di ampie zone con boschi o foreste, utilizzando il legname per la costruzione dei villaggi e destinando le radure alle coltivazioni dei cereali (quali grano, orzo e miglio) e degli ortaggi.

L' attività agricola si avvaleva di tecniche che entreranno nella plurimillenaria tradizione colonica locale, quali lo sfruttamento intensivo dei terreni attraverso l'uso di strumentazioni (seppure primitive) adatte alle singole colture (falcetti, picconcini, zappe_), e la rotazione periodica delle specie seminate. Quest'ultima tecnica, ancora oggi largamente usata nelle campagne, consentiva di mantenere elevata la produttività del terreno.
L' alimentazione era integrata anche dal consumo dei frutti selvatici, come le mele selvatiche, le ciliegie e le more, che nascevano in modo spontaneo.
Accanto allo sviluppo dell'agricoltura nascono le prime, seppure rozze e primitive, tecniche per trasformare i semi dei cereali in farine commestibili, attraverso l'uso di grandi macine in pietra che trituravano i semi tramite il loro ripetuto schiacciamento. E questo poteva avvenire all'esterno della famiglia per grandi quantità, o all'interno di essa per modiche quantità. Ancora oggi, presso i popoli più primitivi, l'attività delle donne è largamente dedicata a questo aspetto della nutrizione familiare. 


I reperti frutto di recenti scavi

Gli scavi attuati nella zona archeologica hanno riportato alla luce oggetti ornamentali composti da ceramiche o da gusci di molluschi fossili, nonchè parti di attrezzi per il lavoro dei campi, ed oggetti di uso domestico, ottenuti dalla lavorazione delle corna degli animali selvatici che in quel tempo popolavano la zona (quali cervi, ed altri ungulati...).

Anzola dell'Emilia

Ma la quantità più ampia e interessante dei reperti è costituita da migliaia di manufatti ceramici, composti da argilla lavorata a mano, essiccata e cotta con il calore del fuoco, che costituiscono il vero tesoro degli scavi anzolesi.

I pezzi ritrovati integri, o parzialmente integri, sono pochissimi, ma costituiscono una gamma talmente vasta ed eloquente degli usi etnici e tribali dell'età del Bronzo, che se attentamente studiati rappresentano un interessantissimo quadro dei costumi e delle tecniche degli anzolesi di 3.000 anni fa.

Fig 4: Oggetti rinvenuti negli scavi

I prodotti ceramici dell'epoca si dividevano essenzialmente in due grandi categorie, e ognuna rispondeva ad usi molto diversi. Vi erano i vasi destinati al consumo di cibi e bevande, ottenuti con un impasto argilloso fine, sottile, ben levigato e destinato a caratterizzare le scodelle, le tazze, le ciotole, i boccali e le altre suppellettili del desco familiare o collettivo.

Gli orci, gli orcioli, i tegami, i vasi, i pentolini e le scodelle usate per la cottura o conservazione dei cibi e delle bevande, presentavano un impasto più grossolano e superfici molto più grezze.
Una caratteristica importante, e variamente assortita, è costituita dalle decorazioni che abbellivano i vari tipi di ceramiche, differenziandosi in abbellimenti grossolani, o molto fini, a seconda dell'uso a cui era destinato il manufatto di terracotta.
Le decorazioni, inoltre, erano legate alla tradizione artigianale della tribù e potevano variare molto fra una comunità e l'altra. Le bugne (grossi rilievi posti sulla superficie esterna), parimenti ai cordoni che si intrecciavano in motivi variamenti decorativi, erano caratteristici delle ceramiche ad impasto grossolano, mentre le ceramiche più fini erano decorate con solcature (o incisioni) ottenute usando le unghie, un piccolo ciottolo o strumenti di legno od osso.
Ma la più ampia varietà di ceramiche ritrovate ad Anzola riguarda le anse delle suppellettili in terracotta (cioè le loro impugnature, o più volgarmente, i manici), che spaziano dalle forme più semplici a quelle più strane e decorative. Esse potevano esse a nastro o a nastro rialzato, così come potevano assumere le forme più varie e artisticamente complesse, con appendici o sopraelevazioni plastiche che le abbellivano e le caricavano di significati tribali attinenti alla caccia, ai bovini e al loro uso per rendere fertili i campi con l'aratura.
 l ritrovamento ad Anzola di numerosi pesi e fusaiole (in pietra e terracotta) utilizzati nei telai primitivi, congiuntamente ad aghi e pettini da telaio in osso, fanno presumere che in quella società primitiva si praticasse già la tessitura dei filati, utilizzando largamente la lana.

Anzola dell'Emilia

Per la verità, i materiali organici come i tessuti non si ritrovano quasi mai, se non in condizioni climatiche particolari (assenza dell'ossigeno che ne favorisce la decomposizione, condizioni di grande aridità o in casi di congelamento plurimillenario), quindi occorre ricostruire in modo scientifico questo aspetto della vita primitiva.
La veste, o più propriamente il mantello, che presentiamo qui a lato, è detto abito di Muldbyerg ed è chiaramente una ricostruzione ad uso didattico. Comunque, la tessitura operata nel villaggio ritrovato ad Anzola era su telaio verticale, e la tensione dei fili che componevano la trama del futuro tessuto era ottenuta appendendo ai vari fili dei pesi di forme e misure variabili, con un tipo di intreccio e lavorazione successiva che, seppure modernizzato, si è praticato nelle campagne fino al secolo scorso.

Fig 5: Un ipotetico capo di vestiario

Così come è importante il ritrovamento delle fusaiole , che avendo un buco centrale che facilitava la bilanciatura e regolarità del fuso, testimoniano come nella manifattura delle nostre campagne la tradizione avesse radici addirittura pre-romane.

Camillo Costa, da tutti conosciuto come Torquato, è stato il primo studioso e ricercatore anzolese ad avere legato il proprio nome alle prime ricerche archeologiche nel nostro territorio.

Nato ad Anzola il 28 luglio 1854 e morto il 19 marzo 1932, fu diversissimo dal nonno e dal padre, che erano dei sagaci amministratori ed uomini d' affari, e fin da ragazzo ebbe una spiccata sensibilità artistica e una decisa volontà di conoscere tutto ciò che riguardava il passato delle nostre terre, interessandosi con impegno e passione ai primi studi sull'archeologia.
All' età di 16 anni si interessava già di antichità, raccogliendo frammenti di coccio e di selci, e successivamente individuò ed esplorò diverse terremare. O, quanto meno, quelle che egli definì terremare, non dimenticando che purtroppo incorse in un errore nella loro datazione e li descrisse come insediamenti dei Galli Boi.
Comunque, i reperti ritrovati lo spinsero ad intensificare le ricerche ed approfondire gli studi sui ritrovamenti di altri ricercatori dell'epoca, collaborando con essi dal 1873 (epoca che sotto l'aspetto archeologico era ancora largamente pioneristica) al 1927, in qualità di membro effettivo della Regia Deputazione di Storia Patria.

Fig 6: Camillo Costa

 

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information