Home Anzola dell'Emilia La Storia di Anzola
La Storia di Anzola
La storia di Anzola Stampa E-mail
Arte e Restauro - Luoghi d'arte
Scritto da AA. VV,   
Indice
La storia di Anzola
Il Medioevo
Dal XV al XVII secolo

Anzola Emilia: la Storia 

Fonte: Gruppo di ricerca storico-archeologica del Centro Culturale Anzolese 

 
Il Periodo Romano

La costruzione della Via Emilia,  La centuriazione del territorio, gli insediamenti abitativi


Intorno al 1200 a.C., gli abitanti delle terremare abbandonarono lentamente le nostre zone, forse in seguito a qualche mutamento geologico avvenuto altrove che rese inospitale il territorio e lo trasformò in una zona semi-paludosa fino agli anni dell'occupazione romana. E i recenti ritrovamenti archeologici ci dicono che non vi furono successivi insediamenti significativi, o di una certa consistenza, relativi alla civiltà villanoviana (età del Ferro, IX secolo a.C. circa) o a quella degli etruschi.

Anzola dell'Emilia

E solo con la romanizzazione del territorio padano che avvengono anche ad Anzola i primi sostanziali cambiamenti territoriali e sociali, poiché dopo la fondazione della colonia chiamata Ariminum (Rimini), avvenuta nel 268 a.C. e trasformata nel punto di arrivo dell'antica via Flaminia (fatta costruire dal censore Gaio Flaminio nel 220 a.C. collegando Roma a Rimini), l'espansionismo romano si volse verso il nord fondando Placentia (Piacenza) e Cremona (anno 190 a.C.), poste a controllo dei guadi più importanti sul fiume Po.
Già nell'anno 187 a.C. il console Marco Emilio Lepido aveva dato inizio alla rapida costruzione di una strada che proseguisse il tracciato della via Flaminia dall'Adriatico al Po, con un tracciato che attraversava completamente la valle Padana. Questa via Aemilia era una strada larga, rettilinea, ben lastricata, adatta al rapido spostamento delle truppe e dei carriaggi, e uscendo da Bononia verso Modena attraversava il territorio che oggi compone il Comune di Anzola dell'Emilia.
Nell'immagine sono riprodotti due miliari , che altri non erano se non dei cippi in pietra che venivano collocati ai lati della strada ogni milium (corrispondente a circa 1478 metri). Essi recavano incisa la distanza di quel punto da Roma, o da altre località, e il nome dell'imperatore, o magistrato, che aveva fatto costruire la strada stessa.

Fig. 6: Pietre miliari

Il miliario più piccolo ha incisa la distanza da Roma (pari a 268 miglia) e il nome di Marco Emilio Lepido, e quello più grande (ritrovato nei pressi del fiume Reno) riporta una lunga iscrizione che ricorda il riassetto della via consolare da Rimini al fiume Trebbia, avvenuta nell'anno 2 a.C.

L' espansionismo romano non portò sulle nostre terre solo la dominazione militare, ma impose un riassetto del territorio che interessò in modo principale le campagne e le terre abbandonate e incolte.
Il disegno attuato fu quello di organizzare lo sfruttamento agricolo delle campagne per fornire autosufficienza a queste ultime e a creare risorse per le città, mentre queste ultime divennero dei grandi centri di servizi per il contado.
Il metodo impiegato fu quello, già adottato con successo altrove, della centuriazione, che consisteva nella divisione dei terreni mediante un reticolo ortogonale (detto limites) che creava una maglia quadrata di circa 710 metri per lato. Le aree venivano ulteriormente suddivise in parcelle da circa 2 jugeri l'una ed assegnate alle famiglie coloniche per lo sfruttamento agricolo. E chiaro che le zone principalmente interessate furono quelle adiacenti alla via Emilia, e le tracce dell'antico reticolo romano sono ancora oggi visibili in molte divisioni poderali anzolesi.
Soggetti privilegiati di queste assegnazioni di terreni furono i legionari veterani, che dopo vent anni di servizio avevano diritto a un lotto coltivabile.

Nell' immagine sotto sono indicate le tracce della presenza romana nella zona dell'odierna via Terremare, e in particolare nell'area che oggi costituisce il parcheggio del supermercato Coop.

Nella zona già interessata dagli scavi archeologici sono state ritrovate le tracce di un fossato romano contenente materiali di quel periodo, così come sono riaffiorati i resti di due pavimenti in opus signinum (una specie di palladiana dell'epoca) nel terreno oggi occupato dal giardino pubblico A.Fantazzini . La campagna di scavi ha inoltre riportato alla luce un pozzo con un piano di frammenti di laterizi (fra le ultime abitazioni e l' argine del torrente Martignone) e un cumulo di laterizi di copertura (coppi e tegole), identificati come ciò che restava dal probabile crollo di un abitazione strutturata in legno.

A puro titolo di curiosità, indichiamo che l' attuale fonte battesimale della chiesa parrocchiale del capoluogo pare non sia nato come tale, ma adattato a questa funzione da un reperto artistico molto antico, forse risalente al periodo tardo-romano.
Infatti, esso è una delle pochissime cose che rimangono dell'antichissima chiesa plebanale di Anzola, della quale si parla già nel secolo XII° e ricostruita a partire dal 1638, e la foggia artistica del fonte battesimale, così come l' assenza nelle sculture di simboli della liturgia cristiana, tende ad avvalorare questa ipotesi. Che è, ripetiamo, solo un' ipotesi.

Fig. 7: Tracce della presenza romana



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi1041
mod_vvisit_counterIeri1481
mod_vvisit_counterQuesta settim.5964
mod_vvisit_counterSettim. Preced.11530
mod_vvisit_counterQuesto Mese28488
mod_vvisit_counterMese Preced.50024
mod_vvisit_counterTotale visite6296347

Online : 19
Today: Lug 18, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information