Arte e Restauro
Restauro Archeologico Stampa
Arte e Restauro - Arte & Artigianato
Scritto da Sergio Sallustri   

Restauro Archeologico

Fonte: www.gatc.it  Responsabile: Sergio Sallusti

 

Innanzitutto sembra opportuno precisare cosa s intenda per "restauro"; volendoci rifare alle definizioni riportate in varie epoche dai dizionari italiani pi√Ļ noti, pur con talune diversit√†, appare abbastanza chiaro in tutte che restaurare vuol dire, in definitiva, rimettere nelle condizioni originarie un opera, danneggiata dal tempo o da altre cause, mediante opportune operazioni di riparazione e reintegro.

 

 

Nei secoli scorsi purtroppo l' idea di ripristinare al massimo l' originaria bellezza di un opera, ha portato a rifacimenti e sovrapposizioni che hanno creato solo danno all' opera originaria facendone spesso perdere del tutto la sua peculiarit√†. Gi√† dalla fine dell'800 per√≤ ha preso sempre pi√Ļ coscienza la teoria che un restauro dovesse riguardare solo la materia dell'opera d arte e non l'immagine. Ci√≤ vuol dire che un intervento di restauro conservativo deve lasciare chiaramente in evidenza le parti integrate consentendo una corretta interpretazione storico-artistica del pezzo senza arbitrarie riprese delle immagini o disegni esistenti.

 

 

Gli oggetti da restaurare, possono essere diversi e di diversa natura, vanno infatti da oggetti di impasto rosso bruno, di bucchero pi√Ļ o meno sottile, di olle, anfore e quant altro.

Piuttosto che parlare del restauro in assoluto, pensiamo sia pi√Ļ interessante legarlo all'attivit√† che precede il restauro stesso, legata al rinvenimento dei reperti presso le aree di scavo, piuttosto che alla mera riparazione di un oggetto danneggiato. In quest'ottica la presenza di un tecnico di restauro sul cantiere di scavo, che collabori con l'archeologo, √® di fondamentale importanza, per evitare il rischio di interventi che possano in qualche modo rivelarsi dannosi quando non distruttivi dei reperti rinvenuti. Per seguire pi√Ļ agevolmente il lavoro di restauro che, per quanto sopra accennato, inizia gi√† in fase di scavo, √® opportuno considerare le seguenti sintetiche fasi di restauro.

 

Rinvenimento

I pezzi rinvenuti durante lo scavo, salvo che non necessitino fin da allora di interventi particolari di cui parleremo pi√Ļ avanti, debbono essere raccolti in cassette separate che riporteranno per ciascun gruppo di reperti l'indicazione della zona del ritrovamento; dato questo indispensabile all'archeologo per l'identificazione e la datazione del sito. Successivamente le cassette verranno consegnate al restauratore.

 

Pulitura dei frammenti

Si procede qu√¨ndi alla pulitura dei singoli frammenti con un primo lavaggio con acqua di rete (perch√© contenente sali) usando spazzolini molto morbidi e ponendo la massima cura per non danneggiare con rigature o peggio asportando figure o iscrizioni. Dopo il primo lavaggio pulire ancora con acqua demineralizzata e quindi con acqua distillata. Meglio sarebbe pulire i reperti con una spugna morbida. Evitare per quanto possibili d√¨ lavare frammenti dipinti, i quali peraltro andrebbero consolidati al pi√Ļ presto.

 

Suddivisione dei frammenti

I frammenti puliti dovranno poi essere suddivisi innanzitutto per tipo di ceramica quale ìmpasto, bucchero ecc., e quindi risuddivisi per pezzi dello stesso tipo (manici con manici, bordi con bordi ecc.).

 

Riconoscimento dei pezzi

Inizialmente sono stati messi insieme varie tipologie di oggetti: Kantaros, Kylix, Kyatos, Oinochoe ecc., man mano che gli stessi venivano rinvenuti. Successivamente sarà necessario assemblare solo oggetti dello stesso tipo, suddividendo ed estraendo solo quei pezzi che appartengono ad uno stesso tipo di oggetto.

 

Assemblaggio dei pezzi

Usando del nastro adesivo bianco del tipo da carrozziere, si procede ad un primo assemblaggio dei pezzi individuati costituenti un unico oggetto; ove √® possib√¨le sar√† bene posizionare il nastro adesivo all'interno dell'oggetto, con ci√≤ risulter√† pi√Ļ facile riconoscere gli eventuali pezzi mancanti da inserire.

 

Siglatura dei pezzi assemblati

Dopo l'assemblaggio dei frammenti, gli stessi andranno siglati al fine di un pi√Ļ facile e rapido riconoscimento durante la fase di incollaggio. La siglatura viene effettuata con inchiostro di china bianco o nero a seconda del tipo di oggetto (bucchero o terracotta). Per la siglatura si pu√≤ usare anche un pennarello a base d acqua che si toglie facilmente. Preparazione della scheda del restauro- Per ogni oggetto assemblato si deve procedere alla compilazione di una scheda che conterr√† nella prima parte il luogo di provenienza dell'oggetto, il numero di catalogazione, l'attributo o titolo (ad es. Kantaros), la data d inizio del lavoro di restauro, il tipo di materiale (ad es. bucchero).

Nella seconda parte della scheda vanno annotate le varie operazioni di restauro dal momento della presa in consegna dei pezzi, i materiali usati per il restauro e le fotografie prima durante e alla fine del restauro stesso. E buona norma documentare, prima durante e dopo ogni fase del restauro, il lavoro eseguito con delle fotografie e diapositive.

 


 

Ripulitura dei pezzi

 

 

I vari pezzi assemblati e siglati, vengono di nuovo staccati per procedere ad una ulteriore e pi√Ļ accurata pulizia. Viene usato il bisturi per togliere le incrostazioni residue, per pulire le linee di frattura e togliere tutto ci√≤ che fa spessore e non permetterebbe una precisa adesione dei vari pezzi. In questa fase si usa anche un bastoncino avvolto nel cotone ed imbevuto d acqua, insistendo soprattutto dove si trova ancora del terriccio o comunque accumulo di materiali estranei.

 

Una particolarissima attenzione va posta nell'uso del bisturi, perché un uso improprio potrebbe danneggiare definitivamente il pezzo in lavorazione.

 

Posizionamento dei pezzi ed incollaggio

L incollaggio dei pezzi precedentemente individuati, deve avvenire sempre iniziando dal fondo con andamento circolare a salire. Una volta ricomposto ed incollato l'oggetto, o parte di esso, viene posto in una vaschetta contenente sabbia, cercando di individuare il centro di gravità in modo che l'oggetto stesso sia in equilibrio e possa incollare senza subire deformazioni.

Il collante usato deve essere sempre di tipo reversibile, cioè solvibile con acetone od altro, per consentire qualora fosse necessario staccare nuovamente un frammento, scollare con facilità il pezzo o i pezzi interessati. Occorre fare molta attenzione alla sequenza con la quale si incollano i pezzi, onde evitare di trovarsi con alcuni di questi che non si incastrano perfettamente.

 

Integrazione

Ricordando sempre che tutti i materiali che vengono usati debbono essere del tipo reversibile, (questo per lasciare la possibilità di interventi futuri), possiamo qui di procedere

 

 

alla integrazione delle parti mancanti dell'oggetto. In linea di massima, salvo casi particolari, si procede alla integrazione dei frammenti di un oggetto quando dello stesso sono stati rinvenuti almeno il 70% del totale. Si procede quindi alla preparazione di un composto di gesso bianco, del tipo usato in odontotecnica, e polveri di terracotta di diversa colorazione, mescolate in percentuali tali da realizzare il colore richiesto confrontandolo con la campionatura di colori precedentemente preparata.

Il composto così preparato viene setacciato per eliminare eventuali grumi o impurità e conservato in un contenitore di vetro chiuso affinché non prenda umidità che danneggerebbe il gesso contenuto nel composto. Se ne preleverà quindi quanto occorre per eseguire l'integrazione impastandolo con l'aggiunta di acqua. Per procedere all'integrazione delle lacune si posiziona all'interno dell'oggetto un pezzo di plastilina per preparare il calco della parte mancante che va poi spostato sul tratto da ricostruire, si esegue quindi la colata del preparato usando una spatolina e riempiendo a filo la lacuna. Quando l'impasto sta per solidificare si procederà con l'aiuto dei bisturi alla creazione di un piccolo gradino detto "sottosquadro o sottolivello", perché l'integrazione risulti ben visibile ed evidenzi che trattasi di oggetto restaurato e non di falso.

 

Consolidamento

L ultima fase del restauro avviene con il consolidamento, cio√® con l'applicazione di un consolidante che preservi l'oggetto; questa operazione va eseguita in tutti i casi. Il consolidante pi√Ļ impiegato e collaudato per la ceramica √® il Paraloid (una resina acrilica) disciolta generalmente in acetone o diluente nitro in una percentuale che va dall'1.5% al 3% a seconda della porosit√† del materiale.

 

Il pane di terra

Per completezza di discorso, un breve accenno al cosiddetto pane di terra che può identificarsi quasi come l'anello di congiunzione tra l'attività di scavo e quella di restauro: infatti è qui che a nostro avviso si fondono le cognizioni dell'archeologo con quelle del restauratore. Il pane di terra trova la sua pratica attuazione quando, durante lo scavo si rinvengono dei reperti inglobati dal terreno circostante il cui recupero "in loco" ne metterebbe a repentaglio l'integrità.

Si procede allora alla realizzazione del pane di terra che consiste, in estrema sintesi nel creare un solco tutt intorno ai reperti da raccogliere, quindi avvolgere con della garza la zona di terreno isolata e contenente i reperti e colarvi quindi del gesso impastato con acqua. Viene posto un successivo strato di garza ed ancora una colata di gesso e così via fin quando non si è creato un supporto sufficientemente solido atto a garantire la rimozione della porzione di terreno contenente i reperti senza pericolo che gli stessi vengano danneggiati. Una volta essiccato l'impasto di garza e gesso, si passa alla cosiddetta Isciabolatura del pane di terra; si inserisce cioè una lamina metallica (sciabola) sotto la porzione di terreno che abbiamo preparato come precedentemente descritto, fino a staccarla dal terreno sottostante. Ora si può trasportare il pane di terra con i reperti al laboratorio di restauro e procedere quindi al recupero dei reperti stessi con tutti gli accorgimenti possibili. Quello illustrato è solo uno dei sistemi che normalmente si usano in casi del genere.

 

La collocazione dei reperti restaurati

Siamo passati dall'individuazione dei frammenti alla loro ripulitura, alla prima fase di assemblaggio, alla siglatura e, successivamente alla integrazione. Il momento successivo è quello della collocazione definitiva dei reperti restaurati, fase molto importante, in quanto gli stessi debbono essere collocati in ambienti tali da garantire controlli oltrechè da punto di vista della sicurezza anche, anche delle condizioni ambientali, quali temperatura e umidità, senza i quali si creerebbero ancora entro breve tempo pericolose condizioni di degrado.

 

 

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information