Home Chiesa di S. Rocco
Chiesa di S. Rocco
Chiesa di San Rocco Stampa E-mail
Architettura - Articoli pubblicati
Scritto da A.B. Caldini   
Indice
Chiesa di San Rocco
Gli affreschi
Affreschi del Catino Absidale
Affreschi dell'Emiciclo Absidale
Elementi di degrado


 

Chiesa campestre di S.Rocco a Felizzano (Al)

Analisi stilistica e diagnostica delle pitture murali absidali

Affreschi del Catino Absidale

L’intera scena riprodotta nel catino absidale è racchiusa in una cornice decorata a festoni con motivi ripresi con qualche variazione (verdi collinette ed angioletti con il braccio alzato ad indicare il cielo) anche nella parte sottostante. Gli Evangelisti affrescati a contorno del Cristo sono rappresentati come creature tetramorfe, così come descritte dal profeta Ezechiele nel racconto della sua visione (1,10) e nell’Apocalisse (4,6).


L’Evangelista Matteo (a sinistra di chi guarda) ha sembianze umane, è dotato delle ali degli angeli ed è rappresentato in ginocchio (fig. 7).

s_rocco_07

Fig. 7: Pitture murali del catino absidale. Particolare di San Matteo e San Marco.

.

s_rocco_08

Fig. 8: Pitture murali del catino absidale. Particolare di San Giovanni e San Luca

  

L’affresco si presenta per buona parte lacunoso, sebbene sia rintracciabile una porzione del viso e parte del corpo inferiore. Il Santo regge un cartiglio che reca l’iscrizione: “LIBER GENERATIONIS JESU CHRISTI FILI” (Nota 8). 

Nota 8. Cfr. B. BOFFITO SERRA, a cura di, Gli affreschi…, cit., p. 2.


 


L’Evangelista Marco è rappresentato sotto le spoglie del leone (fig. 7): l’animale ha il pelo rossiccio e la criniera molto ricciuta, la bocca aperta a mostrare la lingua e i denti e sul dorso ali rosse e verdi. Tiene aperto il libro sul quale si può leggere la frase “APPARUIT ILLIS JESUS” (Nota 9: Cfr. IBID).

L’Evangelista Giovanni (in alto a destra di chi guarda) è rappresentato sotto le spoglie di un’aquila possente e di colore grigio, purtroppo la testa dell’animale è andata parzialmente
perduta, al contrario, è ben visibile tutta la parte bassa (fig. 8). Il rapace poggia gli artigli poderosi su un libro aperto sul quale si legge: “IN PRINCIPIO ERAT VERBUM” (Nota 10: Cfr. IBID).

L’Evangelista Luca, rappresentato come il bue alato (fig. 8), ha gli stessi toni cromatici del leone, sul dorso mostra le ali rosse e verdi mentre con la zampa sinistra ferma un cartiglio che reca l’iscrizione: “MISSUS EST ANGELUS GABRIEL A DEO IN CIVITATEM GALILEAE” (Nota 11:Cfr. IBID


La disposizione a “X” degli Evangelisti richiama, secondo la simbologia cristiana, l’idea delle virtù cardinali: è stato per primo Ireneo di Lione (fine del II secolo) a collegare il quaternario con i Vangeli, segnalando come il leone esprima il concetto della regalità, il bue del sacrificio, l’uomo dell’incarnazione e l’aquila dello Spirito che sorregge la Chiesa.
È stato invece San Gerolamo ad associare gli “animali” agli Evangelisti. Il Vangelo di Matteo inizia con l’incarnazione il simbolo utilizzato è, pertanto, quello dall’angelo o uomo, probabilmente perché egli insiste, con la genealogia, sull’umanità di Gesù;
Marco esordisce, invece, con la figura del Battista, “(…) Voce di uno che grida nel deserto (…)”, potente e solitaria come il ruggito di un leone; Luca, ponendo l’accento sul tema del sacrificio sopportato da Zaccaria reso muto per la sua incredulità, è associato al bue o toro; Giovanni, infine, con il suo Prologo al Vangelo compie un volo spirituale talmente alto e con vista così acuta da risultare simile a quello di un’aquila.
Nelle tradizioni esoteriche a queste figure vengono solitamente associate particolari qualità sapienziali: l’Uomo alato rappresenta l’intuizione della Verità; il leone, il fuoco, la forza e il movimento; il bue, la terra, la resistenza e il sacrificio; l’aquila infine, l’intelligenza e l’azione.
 



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi198
mod_vvisit_counterIeri1783
mod_vvisit_counterQuesta settim.5474
mod_vvisit_counterSettim. Preced.10939
mod_vvisit_counterQuesto Mese43758
mod_vvisit_counterMese Preced.51331
mod_vvisit_counterTotale visite6261593

Online : 22
Today: Giu 27, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information