Google new 2018

piano_2005_27c

Consulenza a cura di Stefano Rogledi

tecnico-accordatore e restauratore.

Invia la tua richiesta di consulenza

Tutti i servizi sono gratuiti

Si avverte che a fronte delle numerose richieste che pervengono, può accadere che non sia possibile dare risposta a tutte.

Ci scusiamo in anticipo.


Stefano Rogledi è anche l'autore de "La storia del Pianoforte"

Home Consulenza Pianoforti Pianoforti J. Dietrich - Paris e Mussard Fréres - Paris
Consulenza Pianoforti
Pianoforti J. Dietrich - Paris e Mussard Fréres - Paris Stampa E-mail
Consulenze - Consulenze per il Pianoforte
Scritto da Stefano Rogledi   

Domanda

Egr. Mestro Rogledi,
gradirei avere qualche informazione e un Suo parere riguardo questi due strumenti.
Il primo pianoforte è stato prodotto da "J. Dietrich - Paris" credo che il numero di matricola sia il 2619. E' in disuso da parecchi anni e pur non essendo esperta, mi sembra di capire che le condizioni interne non siano delle migliori..Cosa ne pensa, varrebbe la pena farlo restaurare?
ll secondo strumento è stato prodotto da "Mussard Fréres - Paris" numero matricola 1849.
Anche in questo caso lo strumento è da restaurare, ne può valer la pena? Quanto potrebbe costarmi?
La ringrazio anticipatamente per il tempo dedicatomi e per i preziosi consigli.
Un cordiale saluto
 
Federica

Risposta

Gentilissima Federica,
pur con tutto l'amore e la passione possibili per gli strumenti di un tempo, direi che questi due pianoforti sono da considerarsi non recuperabili.
Presentano entambi un telaio interamente in legno, (fatta eccezione per una sola barra di "compensazione" in ferro, che non sortisce però alcun effetto..).
Telaio in legno significa che l'intera trazione delle corde è contrastata da parti in legno, in entrambi i punti di ancoraggio delle code, per così dire.
Questo rende vano ogni discorso inerente lavori di restauro sui pianoforti.
A mio avviso naturalmente. A meno che non si voglia avere un oggetto d'antiquariato non però in grado di essere impiegato come strumento musicale.
Del primo ho notizie di suoi omonimi solo in Germania. Si tratta quindi di un piccolo costruttore parigino.
Mussard invece fu costruttore più noto. La casa fu fondata nel 1822 (e forse un antenato costruttore risale al 1794) a Parigi e il suo esemplare è del 1854.
Lo conservi quindi come esempio dei primissimi anni di attività di questa fabbrica.
Mussard chiude nel 1930 con 40.000 pianoforti prodotti.

Cordiali saluti,

Stefano Rogledi

 

Vuoi una stima o una valutazione del tuo Pianoforte??

Per questo servizio si prega di allegare alla richiesta immagini della parte interna (meccanica, martelli,caviglie di accordatura) dello strumento, annotando se possibile il numero di matricola ove non evidente in foto. Una fotografia della parte esterna in generale e dei tasti è ugualmente gradita.


Vuoi conoscere l'anno di fabbricazione del tuo Pianoforte??

Questo servizio si rivolge a quanti desiderano conoscere l'anno di fabbricazione di un Pianoforte. Per poter effettuare tale ricerca è necessario indicare in modo preciso la marca (comprese eventuali iscrizioni riguardanti la città sede della fabbrica o altro), e il numero di matricola dello strumento (in genere riportato nella parte interna superiore, impresso sul telaio di ghisa vicino alle caviglie di accordatura, oppure sui fianchi interni sempre nella parte superiore).

ES: "C.BECHSTEIN", Berlin, n° 94573

Invia la tua richiesta di consulenza

Visite

mod_vvisit_counterOggi800
mod_vvisit_counterIeri2676
mod_vvisit_counterQuesta settim.14982
mod_vvisit_counterSettim. Preced.12906
mod_vvisit_counterQuesto Mese33354
mod_vvisit_counterMese Preced.55048
mod_vvisit_counterTotale visite6511535

Online : 35
Today: Nov 17, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information