Google new 2018

piano_2005_27c

Consulenza a cura di Stefano Rogledi

tecnico-accordatore e restauratore.

Invia la tua richiesta di consulenza

Tutti i servizi sono gratuiti

Si avverte che a fronte delle numerose richieste che pervengono, può accadere che non sia possibile dare risposta a tutte.

Ci scusiamo in anticipo.


Stefano Rogledi è anche l'autore de "La storia del Pianoforte"

Home Consulenza Pianoforti Autopiano dei primi Novecento
Consulenza Pianoforti
Autopiano dei primi Novecento Stampa E-mail
Consulenze - Consulenze per il Pianoforte
Scritto da Stefano Rogledi   

Domanda

Vi invio in allegato una foto di uno strumento che in un primo momento mi sarebbe sufficente sapere come catalogarlo e se mi sapete dire eventualmente dove poterlo restaurare

Grazie e distinti saluti


Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto "A. Belli"

Risposta

Il particolare strumento in questione è un Autopiano, molto probabilmente dell'inizio 900.Dall'unica foto pervenuta, senza conoscerne marca e numero di matricola, non è possibile ricavarne una datazione precisa.Riceverete comunque via e-mail indicazioni ( a mio giudizio) per arrivare eventualmente ad un restauro professionale e storicamente adeguato alla particolarità dello strumento in questione.

Si tratta di un pianoforte con al suo interno un ingegnosissimo quanto complesso meccanismo (pneumatico in questo caso) che ne automatizza l'esecuzione.
I due pedali, visibili nella parte inferiore dello strumento, servono ad azionare un mantice, che alimenta pistoncini, cilindretti e svariati altri componenti meccanici ed ingranaggi, muovendo così i martelli e la meccanica del pianoforte.
Lo stato di conservazione di questi strumenti risulta, purtroppo, quasi sempre precario, dato l'impiego spesso intensivo e particolarmente usurante di tale genere di "macchine", oltechè la normale azione del tempo.
Tramite rulli di carta perforati, appositamente istallati all'interno, era possibile utilizzarli come macchine musicali automatiche.
Era anche possibile registrarne l'esecuzione, per averla poi a disposizione (sul rullo di carta) in modo permanente. Cambiando rullo si sceglieva il brano da ascoltare.

La massima diffusione di questi strumenti si registra negli anni che vanno dall'ultimo decennio 1800 fino al primo ventennio del 1900, ed è alta espressione di umile umanità. Oggetto di curiosità per grandi e piccini, muove e smuove ( sentimenti di dolcezza, affetto, ricordi lontani.
Suoi luoghi d elezione furono le osterie, le giostre, le sale da ballo, era la colonna sonora degli intervalli nelle sale cinematografiche, lo si incontrava per strada sui carrettini dei suonatori ambulanti, spesso trainati da asinelli.
Quale immagine piu veritiera di "umile umanità" ?
Lo sviluppo vede l'apice negli anni 1920-25, epoca di espansione massima; furono infatti centinaia i costruttori in Europa e Stati Uniti.
Un grosso contributo alla scomparsa di questi strumenti fu dato da eventi quali guerre, vita randagia, tarli e roditori, scomparsa di un certo artigianato, rapida divulgazione delle piu pratiche ed economiche "macchine parlanti".
Ogni strumento di questo genere è quindi divenuto una rarità.
Macchine parlanti, Organetti meccanici, Pianole a manovella e tante altre geniali invenzioni stanno definitivamente scomparendo dal mondo, e con esse la loro voce, carica di emozioni.
Cordialissimi saluti,


Stefano Rogledi.

 

 

Vuoi una stima o una valutazione del tuo Pianoforte??

Per questo servizio si prega di allegare alla richiesta immagini della parte interna (meccanica, martelli,caviglie di accordatura) dello strumento, annotando se possibile il numero di matricola ove non evidente in foto. Una fotografia della parte esterna in generale e dei tasti è ugualmente gradita.


Vuoi conoscere l'anno di fabbricazione del tuo Pianoforte??

Questo servizio si rivolge a quanti desiderano conoscere l'anno di fabbricazione di un Pianoforte. Per poter effettuare tale ricerca è necessario indicare in modo preciso la marca (comprese eventuali iscrizioni riguardanti la città sede della fabbrica o altro), e il numero di matricola dello strumento (in genere riportato nella parte interna superiore, impresso sul telaio di ghisa vicino alle caviglie di accordatura, oppure sui fianchi interni sempre nella parte superiore).

ES: "C.BECHSTEIN", Berlin, n° 94573

Invia la tua richiesta di consulenza

Visite

mod_vvisit_counterOggi517
mod_vvisit_counterIeri1766
mod_vvisit_counterQuesta settim.5914
mod_vvisit_counterSettim. Preced.12976
mod_vvisit_counterQuesto Mese29275
mod_vvisit_counterMese Preced.54083
mod_vvisit_counterTotale visite6452408

Online : 31
Today: Ott 17, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information