Google new 2018

piano_2005_27c

Consulenza a cura di Stefano Rogledi

tecnico-accordatore e restauratore.

Invia la tua richiesta di consulenza

Tutti i servizi sono gratuiti

Si avverte che a fronte delle numerose richieste che pervengono, può accadere che non sia possibile dare risposta a tutte.

Ci scusiamo in anticipo.


Stefano Rogledi è anche l'autore de "La storia del Pianoforte"

Home Consulenza Pianoforti Pianoforte Stucchi
Consulenza Pianoforti
Pianoforte Stucchi Stampa E-mail
Consulenze - Consulenze per il Pianoforte
Scritto da Stefano Rogledi   

 

Domanda

Cortese sig. Rogledi,
vorrei avere qualche informazione e vautazione di un vecchio pianoforte verticale (direi metà Ottocento) Lo Stucchi facteur de piano perfectionné chez Erard à Paris (è un costruttore di Milano, parrebbe).

La meccanica è a baionetta, l'estensione è 6 ottave e mezzo (credo), ha un solo pedale. Si tratta forse di un pianino (come i famosi Pleyel)? Numero di serie 42.
I danni sono gravi (tavola armonica)? Quanto può valere?
Grazie molte,
Peter



Risposta

Gentile Sig. Peter,
l'unico costruttore a nome Stucchi che ho rintracciato nelle varie fonti consultate è: "Adolfo Stucchi-costruttore
e restauratore in Milano"; ditta fondata nel 1846. Molto probabilmente si tratta dello stesso fabbricante dello strumento da lei segnalato. Si tratta, come giustamente detto, di un piccolo verticale con meccanica "a baionetta", con un estensione ridotta, che reca diverse particolarità di stile chiaramente francese di metà ottocento.
L impostazione tecnica di questo pianoforte è abbastanza superata, anche per l'anno in cui è stato costruito. Vediamo infatti che reca un piccolo telaio in ferro per l'aggancio delle corde dei bassi (rettangolo rosso e freccia rossa). Le rimanenti corde, delle sezioni medi e acuti (freccia azzurra) sono invece agganciate ancora ad una struttura in legno anzichè in ferro. Questo comporta una tenuta dell'accordatura a dir poco sconcertante...( ). Il legno flette e si assesta inesorabilmente dopo pochi minuti sotto la forte trazione
esercitata dalle corde. Non ci sono danni particolari alla tavola armonica, costruita evidentemente con criterio.
Per quanto riguarda il riferimento a Erard, grande costruttore francese, è probabile un apprendistato nelle officine della prestigiosa fabbrica francese. Sappiamo infatti che Erard, Gaveau e soprattutto Pleyel si avvalevano di operai specializzati provenienti da Italia, Germania e, in modo particolare, Austria.
Il valore commerciale è piuttosto modesto; i gusti sono inesorabilmente mutati.
L interesse storico viceversa è ragguardevole.

Cordiali saluti,
Stefano Rogledi

 

 

 

Vuoi una stima o una valutazione del tuo Pianoforte??

Per questo servizio si prega di allegare alla richiesta immagini della parte interna (meccanica, martelli,caviglie di accordatura) dello strumento, annotando se possibile il numero di matricola ove non evidente in foto. Una fotografia della parte esterna in generale e dei tasti è ugualmente gradita.


Vuoi conoscere l'anno di fabbricazione del tuo Pianoforte??

Questo servizio si rivolge a quanti desiderano conoscere l'anno di fabbricazione di un Pianoforte. Per poter effettuare tale ricerca è necessario indicare in modo preciso la marca (comprese eventuali iscrizioni riguardanti la città sede della fabbrica o altro), e il numero di matricola dello strumento (in genere riportato nella parte interna superiore, impresso sul telaio di ghisa vicino alle caviglie di accordatura, oppure sui fianchi interni sempre nella parte superiore).

ES: "C.BECHSTEIN", Berlin, n¬į 94573

Invia la tua richiesta di consulenza

Visite

mod_vvisit_counterOggi1073
mod_vvisit_counterIeri1816
mod_vvisit_counterQuesta settim.2889
mod_vvisit_counterSettim. Preced.11530
mod_vvisit_counterQuesto Mese25413
mod_vvisit_counterMese Preced.50024
mod_vvisit_counterTotale visite6293272

Online : 24
Today: Lug 16, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information