Google new 2018

piano_2005_27c

Consulenza a cura di Stefano Rogledi

tecnico-accordatore e restauratore.

Invia la tua richiesta di consulenza

Tutti i servizi sono gratuiti

Si avverte che a fronte delle numerose richieste che pervengono, può accadere che non sia possibile dare risposta a tutte.

Ci scusiamo in anticipo.


Stefano Rogledi è anche l'autore de "La storia del Pianoforte"

Home Consulenza Pianoforti Pianoforte verticale A.Prohaska
Consulenza Pianoforti
Pianoforte verticale A.Prohaska Stampa E-mail
Consulenze - Consulenze per il Pianoforte
Scritto da Stefano Rogledi   

Domanda

Sto per acquistare un pianoforte verticale Bohemo costruito da A.Prohaska; e dei primi del 900 in radica; mi dicono che e stato suonato fino a poco tempo fa, e che e in buone condizioni.
Conoscete questa marca ? Quanto potrebbe valere (visto che devo contrattare il prezzo)? cosa devo controllare per accertarmi che sia tutto a posto ?
Quanto potrebbe costarmi mediamente un eventuale restauro ?

Vanessa

Grazie




Risposta

Gentilissima Sig.ra Vanessa,
in tutte le fonti consultate, ho riscontrato un costruttore viennese a nome "Prohaska, Franz", anno di fondazione della ditta 1909, Vienna. Non credo però sia il Suo caso.
Purtroppo in questi casi l'occhio "clinico" è indispensabile per valutare le condizioni di uno strumento.
Non è facile del resto spiegare cosa e come andare a vedere e controllare...
Posso riassumere a grandi linee, in ordine di importanza:

-verificare innanzitutto che non si tratti di un pianoforte con il tipo di meccanica "a baionetta". Si tratta di strumenti vetusti e inefficienti dal punto di vista meccanico, DA SCARTARE SENZA OMBRA DI DUBBIO (se non in casi specialissimi..)
(Questa meccanica si presenta con una barra di legno che sovrasta i martelli, che appaiono così dietro a una serie di piccole aste di ferro. Se i martelli si possono invece toccare agevolmente con le mani siamo in presenza di una meccanica di tipo moderno).

-controllare lo stato del somiere se del tipo a vista; deve essere assolutamente integro (il somiere è la parte che accoglie le caviglie di accordatura).
Se la tenuta delle stessa fosse precaria gli interventi di restauro sarebbero abbastanza onerosi.
Si provi a suonare in sequenza, una alla volta, le note, salendo e scendendo; se si notano accentuate scordature relative a qualche tasto in modo particolare, il somiere può essere danneggiato.

-Controllare lo stato delle corde (ossido o peggio ancora ruggine, corde rotte ecc...)

-Suonare con vigore (forte/fortissimo): la risposta deve essere ancora accettabile e deve seguire decentemente l'impulso dinamico.

-Controllare il ponte (parte sul quale sono appoggiate le corde); è di FONDAMENTALE IMPORTANZA che questo sia INTEGRO, privo di fessurazioni.

-controllare (ma qui è difficile per un utente non pratico) che i martelli non abbiano escursioni laterali accentuate e che non siano in cattivo stato.

-controllare poi tutte le parti in feltro, devono dare sensazione di "freschezza" per quanto possibile. Ogni sensazione di "vetustà" andrà certamente tenuta in considerazione.

-Tutta la parte meccanica deve dare impressione di ordine e pulizia (per quanto possibile)

Questi sono solo pochi suggerimenti che vogliono essere d aiuto per una valutazione. Non mi è possibile naturalmente quantificare, nemmeno a grandi linee, il costo di un restauro senza immagini dettagliate.
Cordiali saluti,
Stefano Rogledi

 

 

Vuoi una stima o una valutazione del tuo Pianoforte??

Per questo servizio si prega di allegare alla richiesta immagini della parte interna (meccanica, martelli,caviglie di accordatura) dello strumento, annotando se possibile il numero di matricola ove non evidente in foto. Una fotografia della parte esterna in generale e dei tasti è ugualmente gradita.


Vuoi conoscere l'anno di fabbricazione del tuo Pianoforte??

Questo servizio si rivolge a quanti desiderano conoscere l'anno di fabbricazione di un Pianoforte. Per poter effettuare tale ricerca è necessario indicare in modo preciso la marca (comprese eventuali iscrizioni riguardanti la città sede della fabbrica o altro), e il numero di matricola dello strumento (in genere riportato nella parte interna superiore, impresso sul telaio di ghisa vicino alle caviglie di accordatura, oppure sui fianchi interni sempre nella parte superiore).

ES: "C.BECHSTEIN", Berlin, n° 94573

Invia la tua richiesta di consulenza

Visite

mod_vvisit_counterOggi1216
mod_vvisit_counterIeri1763
mod_vvisit_counterQuesta settim.6564
mod_vvisit_counterSettim. Preced.11800
mod_vvisit_counterQuesto Mese36076
mod_vvisit_counterMese Preced.49780
mod_vvisit_counterTotale visite6353715

Online : 24
Today: Ago 22, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information