Google new 2018

Home La Tecnica dell'Intarsio
La Tecnica dell'Intarsio
Corso di Intarsio sul Legno Stampa E-mail
Il Mobile - Tecniche decorative
Scritto da Mastro Santi   
Indice
Corso di Intarsio sul Legno
Cap.II
Cap. III
Cap. IV

Fonte: Mastro Santi Del Sere restauratore in Anghiari

***
Approfondimento

Il termine "tarsia" deriva dall'arabo "tarsi" (decorazione preziosa o incrostazione) e fu dato ai primi lavori certosini in cui i motivi ornamentali traevano ispirazione dagli intarsi marmorei mussulmani. Questa definizione deriva dai monaci certosini dell'ordine di San Bruno che trassero questo stile dal "Mudejar" spagnolo, a sua volta derivante da stilemi arabi. L uso della tecnica , certosina o a toppo, si sviluppò soprattutto in Veneto e Lombardia grazie anche ai numerosi contatti commerciali che la Serenissima aveva con il Medio Oriente.

La tarsia dal Quattrocento al Seicento

Il Quattrocento fu il periodo di massimo splendore per la tarsia, dovuto, grazie agli studi e alle ricerche sulla prospettiva fatti da grandi artisti, architetti e matematici dell'epoca come Brunelleshi, Paolo Uccello, Piero della Francesca, Leon Battista Alberti, convalidati dagli studi matematici di Luca Pacioli, nel trattato "De Divina Proportione".

La tecnica più usata fra il 1440 e 1540 è l'intarsio pittorico, che consisteva nel prendere la sagoma del cartone o progetto e nel riportarla nei vari tipi di listre di legno, di diverso colore o tinte per le precedenti immersioni in soluzioni colorate. Con l'evoluzione delle tecniche di tintura e dell'ombreggiatura, gli intarsiatori, dettero vita a motivi naturalistici e a complesse scene figurate che permisero di ottenere degli effetti analoghi (anche se limitati) alla pittura.

La più alta espressione di questa tecnica è la tarsia pittorica-prospettica che riproduce complesse vedute architettoniche strettamente legate con i contemporanei studi di prospettiva lineare.

La produzione di tarsia fra la prima metà del quattrocento e i primi del cinquecento è segnata dall'esigenza di un nuovo ordine geometrico e compositivo ispirato, come abbiamo già detto, ai grandi architetti del tempo.

Qui forse insiste il maggior fascino della produzione intarsiata a soggetto urbano o architettonico nel trasfigurare la città reale in forma ideale, come nell'anonima tavola dipinta della città ideale a Urbino.

L'epicentro della produzione intarsiata fu Firenze; infatti dalle informazioni fornite da Benedetto Dei, intorno al 1470 vi erano 84 botteghe di legnaiolo di tarsia e intagliatori, tutte in via Tornabuoni e in via Larga dei legnaioli.

Gli esponenti maggiori di questa arte furono Giuliano e Benedetto da Majano,autori degli armadi della sagrestia Nuova di S. Maria del Fiore; Baccio Pontelli che realizzò il celebre studiolo di Federigo da Montefeltro nel Palazzo Ducale di Urbino, eseguito i su disegni di Francesco di Giorgio Martini e del Botticelli; i Bencivenni, che intarsiarono gli stalli del coro di Todi e i pannelli del Collegio Del Cambio a Perugia; I fratelli Canozzi da Lendinara, che come abbiamo già detto operarono tra Emilia e Veneto; i senesi Ammannati e Antonio Barili; il veneto Fra Giovanni da Verona, che intarsiò il coro di Monte Oliveto Maggiore .

ll'declino di quest'arte giunse verso la metà del Cinquecento: i motivi sono da legare al venire meno degli interessi della prospettiva lineare e a una nuova concezione dell'interpretazione di questa tecnica la quale voleva avvicinarsi sempre più ad una maniera e verosimiglianza pittorica, cosa che invece la portò ad una banale produzione di opere di mero virtuosismo.

La tipologia della tarsia seicentesca consiste nell'adoperare materiali ed essenze diverse, come l'avorio, l'ebano, le pietre dure, le lamine di metallo, di rame e ottone accostate a tartaruga e listrature di legni di radica (che comunemente era di legno di noce).

L uso di queste essenze preziose fu dovuto alle scoperte e agli scambi commerciali che introdussero nuovi materiali .

In questo secolo la tecnica più in auge è l'intaglio; uno dei massimi esponenti nell'area veneta, fu Andrea Brustolon che fu il maggior artefice di questo esuberante stile decorativo.
In questo periodo il nome o la definizione dell'intarsiatore assume quello di ebanista, per la qualità dei materiali adoperati e il tipo di lavoro ricercato distinguendo così il suo lavoro da quello del comune falegname.

Il nome di ebanista deriva da ebano legno scurissimo di colore nero, che fu usato moltissimo in questo secolo per far risaltare le materie che gli venivano accostate, basti pensare alle tarsie eseguite con tartaruga e ottone, rame o argento da Charles Boulle, grande ebanista alla corte di Luigi XIV.

Questo tipo di tarsia prende il nome dall'ebanista Boulle ma fu importato in Francia da artigiani italiani al servizio di Maria dei Medici.

Mobile attribuito a Andrè Charles Boulle.

A questo tipo di legno furono accostate anche le pietre dure con la tecnica del commesso, dando al mobile una raffinatezza unica.

Questi accostamenti furono dovuti alla creazione dell'Opificio delle Pietre Dure istituito da Ferdinando I a Firenze, che in collaborazione con gli ebanisti produsse splendidi esemplari di mobili come inginocchiatoi, piani di tavoli e stipi, mobili questi ultimi che per la loro struttura e le loro funzioni meglio si prestavano ad accogliere questo tipo di decorazione.

Cenni sulla tarsia settecentesca


Con l' inizio del settecento, lo stile Barocco, che fu lo stile predominante nel XVII sec., si trasforma nell'esaltazione delle forme decorative nel Barocchetto o Rococò.

Nei primi anni del secolo il mobile perde la rigorosità nella struttura e assume forme slanciate e involute, grazie soprattutto ad una decorazione che si basa su motivi di svolazzi, ghirigori, riccioli e conchiglie.

Nel primo settecento è ancora l' intaglio la tecnica predominante, ed arriva all'apogeo dell'eccesso e del virtuosismo in questo periodo.

L intarsio nel XVIII sec. compare nel mobile con legni pregiati e particolarmente raffinati come il palissandro, il legno di rosa, il violetto, il noce d india, ecc.
In questo periodo si perfeziona la tecnica del taglio del legname, con l'utilizzo di legni pregiati che non potevano essere sprecati, sia per il costo che per la rarità; gli spessori dei piallacci potevano variare da 1mm. ai 3 mm. a seconda della necessità.

Il tronco era segato manualmente e dovremo aspettare gli inizi del XIX sec. per ottenere listrature più sottili, attraverso l'utilizzo dei primi macchinari per la tranciatura del tronco.

La listratura si adattava benissimo al mobile settecentesco, che era costruito di un ossatura di legno povero e possedeva forme mosse e molto accentuate poi rivestito con impiallacciature di legni pregiati che si prestavano al meglio per le curve e le bombature del mobile. La tarsia usufruiva dell'impiallacciatura usandola per ottenere delle policromie più complesse con la tecnica dell'intarsio a incastro, oppure di tagli particolari dei legni (a fetta di salame o a lisca di pesce) creando delle decorazioni, che caratterizzarono questo periodo storico.

Nel corso del settecento, con la fine dell'epoca del Rococò e l'avvento del Neoclassicismo lo stile dei mobili (e di conseguenza la tarsia) cambia genere, passando dai motivi di ceste, riccioli, conchiglie e ghirigori, alla riscoperta delle forme classiche.

I soggetti trattati in questo periodo riprendono scene mitologiche, fantasie architettoniche, tutti temi che riprendevano spunto dal mondo classico, grazie all'interesse sul ritrovamento relativi agli scavi di Pompei.

Massimo esponente del gusto Neoclassico nell'ambito della produzione del mobile lombardo fu Giuseppe Maggiolini che portò la tecnica della tarsia a eccezionali risultati sia per la bravura dell'esecuzione sia per la qualità del disegno che gli era fornito dai più validi artisti del tempo attivi a Milano, come Andrea Appiani, Giocondo Albertolli e Giuseppe Levati.

Altra area geografica dove si ebbe un uso importante della tarsia, fu il napoletano, in special modo a Sorrento dove nel corso del 1800, eccelsi intarsiatori riuscirono ad ottenere risultati, con l'ausilio di ritocchi acquerellati e a china, di considerevole rilevanza. Con la fine del periodo Neoclassico non abbiamo più avuto un interesse specifico per la tarsia; questa tipo di arte, anche se sempre usata, non ha trovato fino ad oggi un posto di rilievo nella decorazione in genere.

Piccolo tavolo tondo attribuito a G. Maggiolini



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi380
mod_vvisit_counterIeri1532
mod_vvisit_counterQuesta settim.3419
mod_vvisit_counterSettim. Preced.10965
mod_vvisit_counterQuesto Mese36808
mod_vvisit_counterMese Preced.56981
mod_vvisit_counterTotale visite6157385

Online : 23
Today: Apr 24, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information