Home Decreti Legge Decreto Legge DLgs 42/2004
Decreti Legge
Decreto Legge DLgs 42/2004 Stampa E-mail
Architettura - Decreti Legge
Scritto da A.B. Caldini   
Indice
Decreto Legge DLgs 42/2004
Interventi "Ammissibili e non"
Contributi per il restauro dei beni culturali
Qualifica del restauratore dei beni culturali
Denuncia di trasferimento di Titolo o di Detenzione

CONTRIBUTI PER IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI

Fonte: D. Lgs.42/2004


Il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio prevede la possibilità di contribuire alle spese sostenute dai proprietari di beni immobili sottoposti alle disposizioni di tutela del D. Lgs. 42/2004 per interventi di conservazione e restauro.


Nella fattispecie l'articolo 34 del Codice chiarisce che "[...] gli oneri per gli interventi su beni culturali, imposti o eseguiti direttamente dal Ministero sono a carico del proprietario, possessore o detentore. Tuttavia, se gli interventi sono di particolare rilevanza ovvero sono eseguiti su beni in uso o godimento pubblico, il Ministero può concorrere in tutto o in parte alla relativa spesa. In tal caso, determina l'ammontare dell'onere che intende sostenere e ne dà comunicazione all'interessato [...]".


I contributi erogati per il restauro dei beni sono definiti dagli artt. 35, 36 e 37 del Codice e riguardano:


Contributi in Conto Capitale per le spese sostenute dai proprietari, possessori, detentori per restauri eseguiti su beni di interesse storico artistico approvati a norma dell'art. 21 e 22 del D. Lgs. 42/2004.
Il ministero ha facoltà di concorrere alla spesa sostenuta dal proprietario, possessore o detentore del bene culturale per l'esecuzione degli interventi previsti dall'art. 31, comma 1, per un ammontare non superiore alla metà della stessa. Se gli interventi sono di particolare rilevanza o riguardano beni in uso o godimento pubblico, il Ministero può concorrere alla spesa fino al suo intero ammontare (art. 35, comma 1). Sia il progetto corredato dal relativo preventivo di spesa delle opere da eseguire sia il consuntivo finale, dovranno essere sottoposti alla valutazione della Soprintendenza per l'alta sorveglianza e per le verifiche di competenza, in questo caso infatti, l'importo del contributo - erogato dalla Direzione Regionale - è stabilito a fine lavori sulla base della documentazione presentata a consuntivo, nonché a seguito di regolare collaudo.


Contributi in Conto Interesse per i mutui accordati da istituti di credito ai proprietari, possessori e detentori per la realizzazione degli interventi di restauro a norma dell'art. 21 e 22 del D.Lgs. 42/2004.
Nel caso dei contributi in conto Interessi il Ministero può concorrere alla spesa sostenuta dai privati sui mutui accordati da istituti di credito relativamente agli interessi, nella misura massima corrispondente ad un tasso annuo di 6 punti percentuali sul capitale concesso a mutuo. Tale contributo è corrisposto direttamente dall'Amministrazione all'istituto di credito secondo modalità stabilite da apposite convenzioni (Cfr. art. 37 comma 1, 2, 3).


La richiesta di contributo in "Conto Capitale" è cumulabile con la richiesta di Contributo in "Conto Interessi" e/o Agevolazioni Fiscali, verificando che non vengano superati i limiti previsti dalla normativa vigente in materia.


È fatto obbligo, ai fini della successiva richiesta di concessione di contributo in Conto Capitale e/o Conto Interessi, richiedere esplicitamente - nella domanda di "autorizzazione" ai lavori - la verifica di ammissibilità a contributo dell'intervento. È previsto, inoltre, che nel corso dei lavori possano essere eseguiti sopralluoghi intermedi da parte di funzionari della Soprintendenza, al fine di verificare la conformità dei lavori in corso con il progetto preventivamente approvato.


Tutti gli interventi di restauro su beni mobili e/o superfici pittoriche e apparati plastici di proprietà privata a carico totale o parziale dello Stato o per i quali siano stati concessi contributi in conto capitale o in conto interessi comportano l'accessibilità al pubblico del bene oggetto di restauro, secondo modalità fissate da apposite convenzioni stipulate tra il Ministero ed i singoli proprietari (Codice, art.38).

******



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi51
mod_vvisit_counterIeri2084
mod_vvisit_counterQuesta settim.51
mod_vvisit_counterSettim. Preced.16266
mod_vvisit_counterQuesto Mese34689
mod_vvisit_counterMese Preced.55048
mod_vvisit_counterTotale visite6512870

Online : 25
Today: Nov 18, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information