Home Decreti Legge Competenze e percorso di studio del Restauratore
Decreti Legge
Competenze e percorso di studio del Restauratore Stampa E-mail
Architettura - Decreti Legge
Scritto da A.B. Caldini   

Fonte: www.edilportale.com

pdf_button DM 86/2009 pdf_button Allegato al DM 86/2009
pdf_button DM 87/2009 pdf_button Allegato al DM 87/2009


Con l'entrata in vigore, dal 28 luglio 2009, dei Decreti Ministeriali n. 86 e n. 87 del 26 maggio 2009 del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, pubblicati sulla Gazzetta ufficiale n. 160 del 13 luglio 2009, vengono stabilite le competenze e il percorso di studi del Restauratore di beni culturali.

Il DM 86/2009 chiarisce che è "restauratore di beni culturali mobili e di superfici decorate di beni architettonici" il professionista che valuta lo stato di conservazione e mette in atto azioni dirette e indirette per limitare il degrado dei materiali costitutivi dei beni e assicurarne la conservazione, salvaguardandone il valore culturale. In particolare, il restauratore analizza i dati relativi ai materiali costitutivi, alla tecnica di esecuzione ed allo stato di conservazione dei beni e li interpreta; progetta e dirige, per la parte di competenza, gli interventi; esegue direttamente i trattamenti conservativi e di restauro; dirige e coordina gli altri operatori che svolgono attività complementari al restauro. Svolge attività di ricerca, sperimentazione e didattica nel campo della conservazione (per le specifiche competenze si veda l'ALLEGATO A DM 86/2009).

È definita "tecnico del restauro di beni culturali mobili e superfici decorate di beni architettonici" la figura professionale che collabora con il restauratore, mentre i tecnici del restauro di beni culturali con competenze settoriali sono le figure di formazione tecnico-professionale o artigianale che concorrono all'esecuzione dell'intervento conservativo. Tali profili verranno ulteriormente definiti con successivi provvedimenti

All'attività di conservazione dei beni culturali mobili e delle superfici decorate di beni architettonici concorrono - con il restauratore e i tecnici - professionalità di carattere scientifico, tra cui quella  del geologo, e si dividono in: a) esperto scientifico di beni culturali; b) collaboratore scientifico di beni culturali.

Il DM 87/2009 definisce i criteri per l'insegnamento del restauro, le modalità di accreditamento, i requisiti minimi organizzativi e di funzionamento dei soggetti che impartiscono tale insegnamento, le modalità della vigilanza sullo svolgimento delle attività didattiche e dell'esame finale e il titolo accademico rilasciato.

Il percorso formativo comprende materie di carattere teorico-metodologico e attività tecnico-didattiche svolte in laboratorio e in cantiere su beni culturali mobili e superfici decorate di beni architettonici. Parte dell'insegnamento può essere svolta presso istituzioni estere. Il DM definisce poi le caratteristiche dei docenti, i requisiti per l'accreditamento delle strutture formative, le modalità di svolgimento dell'esame finale e di rilascio del diploma (ALLEGATO A DM 87/2009).

 

Visite

mod_vvisit_counterOggi1415
mod_vvisit_counterIeri1900
mod_vvisit_counterQuesta settim.8712
mod_vvisit_counterSettim. Preced.12976
mod_vvisit_counterQuesto Mese32073
mod_vvisit_counterMese Preced.54083
mod_vvisit_counterTotale visite6455206

Online : 30
Today: Ott 18, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information