Home Decreti Legge La qualifica dei restauratori: verso la soluzione definitiva
Decreti Legge
La qualifica dei restauratori: verso la soluzione definitiva Stampa E-mail
Architettura - Decreti Legge
Scritto da A.B. Caldini   

 Studio ARC

cartapesta-85Dopo anni di attesa si sta finalmente per risolvere l'annosa questione relativa alla qualificazione dei RESTAURATORI DI BENI CULTURALI.
Eravamo rimasti alla sospensione del Bando dei Restauratori e alla promessa di modifica dell'art.182 del Codice dei Beni Culturali, per mesi si è lavorato e discusso sulle proposte e modifiche introdotte dal nuovo Disegno di Legge e sul sistema a punti della Tabella B (vedi file allegato).
Le novità più importanti inserite nel pacchetto sono principalmente tre. Anzitutto, il rinvio dei termini per i diversi esami dal 31 ottobre fino a fine 2012. Poi, la creazione di una via privilegiata per l'esame di Stato a favore di coloro che hanno frequentato un corso universitario almeno quinquennale. E il riordino di dettaglio di diverse formulazioni che davano adito a interpretazioni discordanti.
Il pacchetto di modifiche così costituito è frutto di una mediazione a tre parti, tra il ministero dell'Istruzione, quello dei Beni culturali e la maggioranza, rappresentata dai due relatori: Andrea Marcucci del Pd e Franco Asciutti del Pdl. Il passaggio più intricato ha riguardato il valore che deve essere attribuito ai diversi titoli di studio nell'ambito dell'esame di Stato di abilitazione, con il quale si diventerà restauratori.
L'esistenza di un panorama molto frastagliato di corsi collegati in qualche modo alla professione di restauratore ha reso il compito particolarmente complesso.
Il sistema che viene fuori dal Ddl, quindi, è "a doppio binario". Da una parte sarà possibile diventare restauratori attraverso una procedura di selezione pubblica, basata sulla "valutazione dei titoli e delle attività" che ciascuno ha messo nel curriculum entro il 30 giugno 2012. Dovrà essere indetta, stando alle modifiche richieste, entro il 31 dicembre 2012 (non più entro il 31 ottobre).
Guardando alle tabelle contenute nel Ddl, si dovranno raggiungere i 300 crediti formativi.

L'altra strada è quella della prova di idoneità, fatta attraverso un esame di Stato entro il 31 dicembre del 2012, per coloro i quali abbiano conseguito la qualifica di "collaboratore restauratore", una sorta di apprendista che potrà avere, ad esempio, un semplice diploma di un'accademia di belle arti dalla durata di tre anni.
A questa ipotesi, con un emendamento del governo, sarà aggiunta una terza via.

Leggi e scarica le modifiche apportate al disegno di legge

 

Visite

mod_vvisit_counterOggi1219
mod_vvisit_counterIeri1763
mod_vvisit_counterQuesta settim.6567
mod_vvisit_counterSettim. Preced.11800
mod_vvisit_counterQuesto Mese36079
mod_vvisit_counterMese Preced.49780
mod_vvisit_counterTotale visite6353718

Online : 21
Today: Ago 22, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information