Home Formazione Atti del Convegno Calce 2009
Formazione
Atti del Convegno Calce 2009 Stampa E-mail
Architettura - Formazione
Scritto da A.B. Caldini   
Indice
Atti del Convegno Calce 2009
Per un censimento delle Fornaci da Calce ...
Pietre da Calcina ...
La nuova calce storica di Palizzi ...
La produzione di calce nella campagna romana ...
Malte a base di calce aerea ...
L'uso del caolino come addittivo ...
L'idraulicità nelle malte antiche ...
Diferencias en las cales ....
La datazione delle malte ...
Carta tematica della produzione calce ...
Comportamento di malte a base di calce ...
Dalle malte romane ai bioleganti ...
Malte a base di calce ....
Studio comparato tra trattamenti ...
Applicazione di malte a base di calce ...
Fra archeologia, empiria e scenza ...
Le fornaci per la produzione della calce ...
Il progetto colore ...
Le cave di Visone ...
Archeologia dell'edilizia storica ...
I leganti dell'edilizia storica ...
Le fornaci per la produzione ...
L'oro bianco di Cogoleto ...
Calchere a fuoco intermittente ...


LE FORNACI PER LA PRODUZIONE DELLA CALCE IN TERRA D'OTRANTO: DA "CARCARE" A PATRIMONIO INDUSTRIALE


Antonio MONTE*-Francesca GRASSI**-Maria Vittoria NATALE**
*Consiglio Nazionale delle Ricerche . Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali di Lecce
**Associazione Italiana per il patrimonio Archeologico Industriale-Sezione Puglia

***

Il territorio pugliese, e in particolare la Terra d'Otranto (le attuali province di Lecce, Brindisi e
Taranto), per struttura geologica risultano ricchi di giacimenti di pietra calcarea dalle buone
caratteristiche fisico-meccaniche. E' stato naturale nel tempo il suo largo impiego e la sua ampia utilizzazione sia come materia prima per la costruzione e la lavorazione, sia per la trasformazione per l'ottenimento di materiali d'impiego sempre nel settore edilizio. Grazie allfattivita estrattiva e alla stringente domanda di prodotti per l'edilizia aumenta considerevolmente la produzione della calce; da qui la necessita di "fabbricare" e costruire fornaci che trasformavano la pietra in calce.
Numerosi erano i centri di Terra d'Otranto dove erano presenti le fornaci che in greco venivano chiamate "carcare" (le "carcare" sono uno dei sistemi piu antichi per la produzione della calce) e dove si sono diffuse poi le piu moderne fornaci in muratura, soprattutto nei territori ricchi di pietra calcarea e di legna necessaria per la cottura della stessa. Il primo impianto che permette una produzione di grandi quantita di calce viene chiamato "carcara", "calcarone"o "calcara".
L'evoluzione di questi forni sara in eta contemporanea la moderna fornace "a tino". I centri che si specializzano in questa produzione industriale, con le "carcare" prima e con le fornaci "a tino" dopo, sono Taurisano (LE), Surbo (LE) e Monteiasi (TA), zone favorite dalla vicinanza di siti per l'estrazione della pietra calcarea. Le "carcare" e i forni "a tino" sono presenti su diversi comuni del territorio preso in esame. Dalla presenza di queste testimonianze, che oggi costituiscono un peculiare corpus di beni del patrimonio industriale, si evidenzia come la produzione della calce, già a partire dalla fine del secolo XVI e sino a tutto il XX secolo, in Terra d'Otranto e stata un'attività caratterizzante e trainate sia del settore primario che di quello secondario. La produzione della calce oltre ad essere stata un'attivita importante per l'identita economica del luogo, ha anche scandito la giornata di tantissimi lavoratori che spesso quotidianamente erano sottoposti a ritmi di lavoro sfiancanti e insostenibili. Oggi il mestiere dei "calcaluri" (gli addetti alle calcare) non e più praticato; mentre di fuochisti (gli addetti all'alimentazione dei forni "a tino", ne sono rimasti pochi.

pdf_button scarica gli abstract degli atti del convegno



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi2059
mod_vvisit_counterIeri2578
mod_vvisit_counterQuesta settim.10360
mod_vvisit_counterSettim. Preced.16266
mod_vvisit_counterQuesto Mese44998
mod_vvisit_counterMese Preced.55048
mod_vvisit_counterTotale visite6523179

Online : 23
Today: Nov 22, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information