Benvenuto! Accedi o registrati.
20 Settembre 2019, 08:27:11 am

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Ricerca:     Ricerca avanzata

E' attivo il servizio di Consulenza antiquariale "L'esperto Risponde" offerto dall'antiquario Katia Loi
15289 Messaggi in 2289 Discussioni da 1160 utenti
Ultimo utente: Fabio
* Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati
+  www.inforestauro.org
|-+  Il Restauro del Mobile Antico
| |-+  Arte del Restauro (Moderatori: Giuseppe, aporia, Tullio)
| | |-+  Integrazione di legno nuovo in mobile antico
« precedente successivo »
Pagine: [1] Stampa
Autore Discussione: Integrazione di legno nuovo in mobile antico  (Letto 3048 volte)
Utente non iscritto
« inserito:: 17 Settembre 2004, 05:55:39 am »

Come prima cosa un saluto a tutti e in particolare ai gestori di questo interessantissimo forum.
Premesso che qualora ci dovesse essere la necessità di ripristinare o integrare parti mancanti o fortemente danneggiati in un mobile antico va utilizzato legno della stessa essenza e stesso periodo, la domanda che vorrei porre è la seguente: come va trattato il legno nuovo eventualmente utilizzato per sostituire o integrare parti mancanti di un mobile antico?
Oltre all'uso di turapori (con pomice o al nitro che sia), ho sentito parlare dell'uso di gommalacca bianca (da applicare solo alla parte nuova ovviamente e confesso a me completamente sconosciuta) e di altre svariate tecniche.
Qualcuno mi sa dare per cortesia maggiori informazioni?
Grazie.
Ruggiero
Registrato
Giuseppe
Global Moderator
Sr. Member
*****
Messaggi: 479


Mostra profilo WWW
« Risposta #1 inserito:: 17 Settembre 2004, 07:19:02 am »

L'uso della gommalacca aiuta e velocizza la chiusura dei pori , quella bianca, decerata, evita di modificare il colore del legno qualora questo si ritiene necessario.
A perte i vari metodi che hai elencato, a volte, secondo necessità ne uso uno poco ortodosso, ma efficace: Poichè il legno antico, soprattutto il noce, assume un aspetto inossato,io procedo nel seguente modo:
mi sono fatto più ferri (barrette di ferro) con sagome opportune arrotondati su dal lato  corto e sfrego la parte nuova da trattare. In questo modo i pori vengono chiusi e il legno assume un aspetto antichizzato.
Riguardo alla tua premessa, la condivido appieno, ma non sempre è possibile l'uso di legno coevo al mobile che si sta trattando. Il primo motivo è che non sempre tale legno è reperibile facilmente secondo motivo ma non trascurabile è il tipo di lavorazione che tale legno dovrà essere sottoposto. Ad esempio io sto restaurando un armadio da sagrestia della fine del Settecento dove furono eliminate intenzionalmente le cornici laterali della base e della cuspite (sono tagliate di netto gli angoli a 45° delle cornici frontali. In questo caso, dovendo intagliare nuovamente la cornice, se avessi usato legno vecchio sarebbe comparso inevitabilemnete il tarlo lungo. In questo caso ho preso la decisione di reintegrare le cornici con legno nuovo che tratterò proprio come ti ho suggerito.

Per patinare il noce nuovo, puoi usare Bicromato di Potassio prima di usare il mordente noce.


Saluti, Giuseppe
Registrato
Pagine: [1] Stampa 
« precedente successivo »
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.5 | SMF © 2006-2008, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!