Benvenuto! Accedi o registrati.
19 Settembre 2019, 02:57:10 am

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Ricerca:     Ricerca avanzata

E' attivo il servizio di Consulenza antiquariale "L'esperto Risponde" offerto dall'antiquario Katia Loi
15289 Messaggi in 2289 Discussioni da 1160 utenti
Ultimo utente: Fabio
* Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati
+  www.inforestauro.org
|-+  Non solo truciolo
| |-+  Lavorare in proprio (Moderatore: freaks)
| | |-+  La Sicurezza in Laboratorio
« precedente successivo »
Pagine: [1] Stampa
Autore Discussione: La Sicurezza in Laboratorio  (Letto 7097 volte)
Giuseppe
Global Moderator
Sr. Member
*****
Messaggi: 479


Mostra profilo WWW
« inserito:: 31 Ottobre 2007, 02:53:44 pm »

27-01-2009: Ho spostato questa discussione in questa nuova sezione che mi sembra più indicata.

----------------------------------------

Molti di noi, appassionati di restauro ma non professionisti,  hanno trasformato il proprio garage o un locale disponibile in laboratorio più o meno improvvisato.
In queste condizioni, difficilmente vengono seguite  le direttive per garantirci una sufficiente sicurezza nell'uso di attrezzatuire elettriche o di prodotti tossici.

Un amico restauratore, tempo fa mi invio un articolo sulla "Sicurezza in laboratorio"
( http://www.webalice.it/inforestauro/sicurezza.htm ) che oggi vi voglio proporre per poterci confrontare su come affrontiamo nella nostra esperienza questo aspetto spesso trascurato.

Gli amici professionisti che frequentano il forum, potranno certamente esserci di grande aiuto con la loro esperienza quotidiana nell'affrontare questa problematica che oggi è sempre più da tenere in considerazioni anche per la legislazione che la disciplina.
 

« Ultima modifica: 27 Gennaio 2009, 09:07:01 am da Giuseppe » Registrato
tarlett
Newbie
*
Messaggi: 10


Mostra profilo
« Risposta #1 inserito:: 06 Novembre 2007, 05:20:11 pm »

grazie per aver affrontato l'argomento. io sto iniziando adesso e per eccesso di entusiasmo tendo ad essere poco prudente, è importante avere delle indicazioni di questo tipo.
Registrato
stefan
Full Member
***
Messaggi: 215


Mostra profilo
« Risposta #2 inserito:: 07 Novembre 2007, 06:50:02 am »

Idem! E' un aspetto che sciaguratamente metto in secondo piano. Cerco però di stare attento ad alcuni dei pericoli più incombenti utilizzando sempre guanti antiacido e mascherine adatte.
Certo, questa discussione è fondamentale e importante. Grazie
Registrato
torgiov
Newbie
*
Messaggi: 1


Mostra profilo
« Risposta #3 inserito:: 07 Dicembre 2007, 10:05:08 pm »

buonasera .
Frequento da qualche anno il vostro sito ,prima ero tor ora il mio username é torgiov e scusatemi se non sono ferrato col nuovo portale ma questa é una prova tecnica di
comunicazione.
 
Registrato
pin8cchio
Sr. Member
****
Messaggi: 360


Mostra profilo
« Risposta #4 inserito:: 05 Gennaio 2008, 09:54:09 am »

spesso chi si accosta ad una qualsiasi attività per hobby lo fa oltre che nei ritagli di tempo anche nei ritagli di spazio per cui ecco un fiorire di cantine,garage,sottotetti ecc, che per loro destinazione sono destinati ad accogliere tutt'altro materiale. Dalla mia piccola esperienza di hobbista e da quella decisamente approfondita di artigiano ho cercato di classificare i rischi, magari di circoscriverli e di conseguenza di annullarli, fino ad ora mi sono ritrovato a lavorare con sostanze volatili nocive o presute tali in un ambiente scrsamente aerato e visto che le maschere mi appannano gli occhiali ho installato un estrattore d'aria collegato ad un tubo corrugato in alluminio da condizionamento prorpio sopra la zona dove svernicio o dove uso sverniciare, tengo in un piccolo armadio di metallo i prodotti infiammabili, divido sempre, ogni giorno le pagliette usate dai residui di stoffa,(generano elettricità statica)e,sopratutto ho appeso un bell'estintore a portata di mano, in pratica secondo la mia piccola esperienza "casalinga"bisogna evitare assolutamente di trasformare il nostro piacere in un potenziale pericolo per la comunità che ci ospita. utilissimi son ogli occhiali protettivi, molto meno le scarpe, le cuffie antirumore, che andrebbero sostituite con cuffie ad abbattimento mirato ma che usiamo solo al poligono di tiro, ingombranti e poco pratiche, utilissimi i guanti di nuova generazione, cotone spalmato, per il lavoro di tutti i giorni , non impediscono la formazione del callo ma assicurano una buona protezione dalle schegge e dalle piccole perforazioni, comunque visto che mi occupo della sicurezza per la mia associazione di categoria appena possibile vi farò avere una serie di statistiche suglli incidenti per hobby, sareste sorpresi da quante vittime ha causato la caduta da una scala, o da quante dita sono state troncate da una tranciatrice manuale,semplicemente perchè mentre la si usava la moglie è scesa in garage per dire che il pranzo era pronto..... take your time, sempre è la prima regola, quando vi accingete a fare del vostro hobby un momento di piacere dedicatevi tutta l'attenzione ed il tempo necessari . saluti
« Ultima modifica: 13 Gennaio 2008, 07:10:40 am da pin8cchio » Registrato

born to abrade
lucya
Newbie
*
Messaggi: 1


Mostra profilo
« Risposta #5 inserito:: 17 Gennaio 2008, 10:43:47 am »

ciao scusate ma sono nuovissima sia come hobbista del restauro, che del sito, che trovo,per una neofita come me ,di grandissima utilità.Le vostre preziose info mi fanno pensare che oltre a essere anni luce dall'aver "capito qlcs",a essere a rischio sicurezza,io uso un locale di casa per metà magazzino, per metà locale caldaia, cerco di tenere i vasi chiusi,uso mascherine per i prodotti più nocivi e guanti solo per prodotti tossici,ma............!C'è un manuale che indichi quali prodotti debbono stare a distanza da altri,a che tempereture è opportuno tenerli o qli accorgimenti usare per nn incorrere in incidenti.Vi ringrazio per i vostri preziosi consigli.Lucya
Registrato
pin8cchio
Sr. Member
****
Messaggi: 360


Mostra profilo
« Risposta #6 inserito:: 29 Gennaio 2008, 12:42:22 am »

scusa lucy ma visto che da giorni il tuo post è solo soletto mi accingo a risponderti.
Mi pare di capire che operi in un posto piccolo, con poca aria e poca illuminazione, allora prima di tutto compra un estintore, posizionalo vicino all'uscita, se possibile a muro, tieni lontano dalla lavorazione tutto ciò che poi va ingerito, scatolame compreso,non lasciare mai in giro bottiglie riutilizzate e riempite con cose che prima non erano contenute nelle stesse, (la gommalacca nelle ex bottiglie della passata è un classico) tieni i prodotti infiammabili lontano dalle fonti di calore e dalle fiamme libere, evita di mettere vicino tra loro elementi che se mischiati anche accidentalmente possono dare reazioni chimiche non salutari, non sottovalutare i rischi subdoli, le polveri sono uno di questo, quelle della spagliettatura proprio perchè sottilissime vengono inalate e spesso non sappiamo nemmeno cosa contengono, per cui sempre mascherina, per i vapori invece decisamente maschera, come ho già detto 25€ filtro ad alto abbattimento compreso, ti evita dolori di testa atroci e sopratutto vapori che dalle etichette risultano cancerogeni.Non sovraccaricare le prese di corrente con più derivazioni, destìna lo spazio a lavorazioni specifiche, non spazzare a terra e sulle parti che stai trattando ma aspira tutto con un aspirapolvere e sopratutto LEGGI SEMPRE le indicazioni sulle confezioni dei prodotti che usi, vi sono riportate la pericolosità, il grado di tossicità ecc. ecc. non buttare MAI i contenitori vuoti dello sverniciatore e i residui della sua lavorazione nella pattumiera, chiedi al negoziante se accetta i vuoti, il mio lo fa, è un modo per permettere ai nostri figli di godersi in un ambiente pulito le cose che abbiamo rimesso a nuovo
ci sarebbero altre mille cose, ma ti complicherei solo la vita e ti metterei una fifa blu addosso, allora preferisco dirti di usare sempre il tuo buonsenso, se hai qualche problema specifico chiedi aiuto sicuramente qualcuno ti darà lumi.
Saluti
Registrato

born to abrade
vincenzo
Newbie
*
Messaggi: 24


Mostra profilo
« Risposta #7 inserito:: 27 Gennaio 2009, 10:44:52 pm »

Ciao A tutti

concordo in pieno con pin8cchio, in laboratorio massima sicurezza per se stessi ed anche gli altri, usate sempre guanti perchè qualsiasi cosa attraversa la pelle e arriva nel sangue e questo ne so qualcosa, mascherine antipolvere e per vernici , cappa aspirante con carbone attivo , vari estintori, estrattori per varie macchine tipo carteggiatrice sege circolari ecc. ,buona illuminazione , tappi antirumore quelli tipo spugna piccoli ma efficaci , occhiali di protezzione e consevare i materiali in appositi armadi e buona pulizia dell'ambiente, penso che sia tutto .

Ciao Vincenzo
Registrato
Pagine: [1] Stampa 
« precedente successivo »
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.5 | SMF © 2006-2008, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!