Benvenuto! Accedi o registrati.
19 Settembre 2019, 02:56:54 am

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Ricerca:     Ricerca avanzata

E' attivo il servizio di Consulenza antiquariale "L'esperto Risponde" offerto dall'antiquario Katia Loi
15289 Messaggi in 2289 Discussioni da 1160 utenti
Ultimo utente: Fabio
* Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati
+  www.inforestauro.org
|-+  Il Restauro del Mobile Antico
| |-+  Arte del Restauro (Moderatori: Giuseppe, aporia, Tullio)
| | |-+  restauro bastone masai
« precedente successivo »
Pagine: [1] Stampa
Autore Discussione: restauro bastone masai  (Letto 3187 volte)
pizzo
Newbie
*
Messaggi: 2


Mostra profilo
« inserito:: 06 Febbraio 2017, 08:02:48 pm »

Ciao a tutti, ho comprato questo bastone da un masai in Africa, mi ha detto che è fatto di mogano africano ma non ne sono sicuro.
Non ho esperienza in ambito di restauro del legno e non so come comportarmi.
Il legno si è schiarito in certe zone perchè è andato via il colore o il legno diventa così consumandosi ?
Non mi interessa togliere i graffi ma mi interessa riportarlo al colore originale e omogeneo.
A casa ho dell'olio di lino cotto, può servire ?
Come devo comportarmi?

grazie a tutti,
Alberto
Registrato
mastro stefano
Newbie
*
Messaggi: 18


Mostra profilo
« Risposta #1 inserito:: 07 Febbraio 2017, 09:30:18 am »

Ciao, più che mogano a me sembra una leguminosa, specie acacia, l'olio di lino probabilmente non assorbe se lo dai sopra ad altra vernice, una cera forse è meglio, immagina anche cosa potrebbero usare da quelle parti, secondo me verniciano con grasso animale.

Stefano
Registrato
pierpaolomasoni
Hero Member
*****
Messaggi: 2137


Mostra profilo
« Risposta #2 inserito:: 07 Febbraio 2017, 12:09:55 pm »

La venatura è del mogano africano, da non confondersi con quello americano che è tutt'altra cosa. Se ben ricordo appartiene alla famiglia delle acace. Escludo che usino grassi animali. Sono più propenso pensare che sia stato verniciato con una vernice moderna, dal momento che ha creato una filmazione. Lo potresti sverniciare, ma se fosse mio mi limiterei a dargli un po di olio di lino. Le righe si attenueranno e proteggerà tutto. E non altererai la sua storia. Escluderei anche la cera.
Registrato
mastro stefano
Newbie
*
Messaggi: 18


Mostra profilo
« Risposta #3 inserito:: 07 Febbraio 2017, 02:10:55 pm »

Ecco, sapevo che Pierpaolo ci rispondeva, infatti basta una sua osservazione per aiutarci a comprendere.
Per quanti anni un'artigiano fa o vede sempre la stessa cosa senza mai pesarla e poi basta un niente per rivelarla.

Grazie
Registrato
pizzo
Newbie
*
Messaggi: 2


Mostra profilo
« Risposta #4 inserito:: 08 Febbraio 2017, 06:52:22 pm »

Grazie delle risposte, concordo con il fatto di non alterare la sua storia.
Gli do una passata con l'olio di lino cotto, c'è qualche accortezza che devo sapere sulla sua applicazione o gli do semplicemente una passata con il pennello ?

Grazie.
Registrato
mastro stefano
Newbie
*
Messaggi: 18


Mostra profilo
« Risposta #5 inserito:: 09 Febbraio 2017, 08:57:23 am »

Ciao, non rovinare un pennello, usa piuttosto uno straccetto dandogli due tre passate, aspettando che asciughi tra una e l'altra, io l'ho fatto alcuni anni fa, sul mio bastone in legno di vite, per la precisione cabernet  Wink e ha ancora un buon'aspetto.

Stefano
Registrato
pierpaolomasoni
Hero Member
*****
Messaggi: 2137


Mostra profilo
« Risposta #6 inserito:: 09 Febbraio 2017, 11:36:36 am »

So di essere un rompiballe!
Il giusto modo di usare l'olio di lino è questo: va dato in abbondanza e lasciato penetrare nel legno per almeno 10 minuti; poi vanno tolte le eccedenze con pennello asciutto o straccio. Conviene ripetere l'operazione il giorno dopo. Deve essere usato come un impregnante perchè quello che penetra nel legno si polimerizza nell'arco di 15 giorni (meglio se esposto al sole perchè i raggi uv accelerano il processo). In questo modo si crea un reticolo che ha due grandi proprietà: è idrorepellente e traspirante. Se si vuole un'azione filmante si deve ripetere l'operazione sino ad ottenere il risultato voluto.
Registrato
mastro stefano
Newbie
*
Messaggi: 18


Mostra profilo
« Risposta #7 inserito:: 10 Febbraio 2017, 12:44:12 pm »

So di essere un rompiballe!
Il giusto modo di usare l'olio di lino è questo: va dato in abbondanza e lasciato penetrare nel legno per almeno 10 minuti; poi vanno tolte le eccedenze con pennello asciutto o straccio. Conviene ripetere l'operazione il giorno dopo. Deve essere usato come un impregnante perchè quello che penetra nel legno si polimerizza nell'arco di 15 giorni (meglio se esposto al sole perchè i raggi uv accelerano il processo). In questo modo si crea un reticolo che ha due grandi proprietà: è idrorepellente e traspirante. Se si vuole un'azione filmante si deve ripetere l'operazione sino ad ottenere il risultato voluto.

Pierpaolo, non sei un rompipalle, al contrario, non insegni solo cosa ma il come, che non è un'aspetto trascurabile.

Stefano
Registrato
Pagine: [1] Stampa 
« precedente successivo »
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.5 | SMF © 2006-2008, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!