Benvenuto! Accedi o registrati.
15 Settembre 2019, 09:05:18 pm

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Ricerca:     Ricerca avanzata

E' attivo il servizio di Consulenza antiquariale "L'esperto Risponde" offerto dall'antiquario Katia Loi
15289 Messaggi in 2289 Discussioni da 1160 utenti
Ultimo utente: Fabio
* Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati
+  www.inforestauro.org
|-+  Il Restauro del Mobile Antico
| |-+  Arte del Restauro (Moderatori: Giuseppe, aporia, Tullio)
| | |-+  legno di ramino
« precedente successivo »
Pagine: [1] Stampa
Autore Discussione: legno di ramino  (Letto 11549 volte)
ale
Full Member
***
Messaggi: 220


Mostra profilo
« inserito:: 11 Ottobre 2012, 12:04:59 pm »

ciao a tutti,
mi sapete dare delle informazioni sul legno denominato ramino  su internet ho trovato pochissime info  in particolare da quando viene utilizzato?
Registrato
pomacciolo
Sr. Member
****
Messaggi: 351


Mostra profilo
« Risposta #1 inserito:: 11 Ottobre 2012, 10:51:42 pm »

Ŕ un po come il legno di balsa, leggero elastico, per modellini e per bricolage, persiane ecc..
Registrato
pierpaolomasoni
Hero Member
*****
Messaggi: 2137


Mostra profilo
« Risposta #2 inserito:: 12 Ottobre 2012, 11:30:40 am »

Si tratta di un legno proveniente dal sudest asiatico, con una fibra fine e durissima. In passato ho restaurato un comodino dell’inizio del 900 e posso assicurare che per avvitargli 4 viti ho dovuto fare l’invito col trapano e fermarle con resina. Penso che nemmeno i chiodi ci si possano piantare se non col trapano!
Per questo e per il prezzo elevato penso che raramente sia stato usato per mobili, se non per filetti e intarsi, e comunque non prima del 900.
niente a che vedere col legno di balsa e il modellismo.
Registrato
pierpaolomasoni
Hero Member
*****
Messaggi: 2137


Mostra profilo
« Risposta #3 inserito:: 12 Ottobre 2012, 03:53:55 pm »

Su questo sito ho trovato una conferma a quanto detto: http://autocostruzione.forumcommunity.net/?t=22240825

legno di ramino
Ramino ( vedi) - DensitÓ media per materiale secco: 670 kg/m│
Altezza 2150 mm, disponibile anche in sezioni circolari o come modonature

Il ramino Ŕ il nome collettivo dato al legname di alcune speci che crescono nelle paludi di acqua dolce dell'Asia sud orientale, tra le quali la Gonystylus bancanus Ŕ la pi¨ comune. Secondo uno studio pubblicato ne 1991 dal World Conservation Monitoring Centre, Ŕ un'essenza eccessivamente raccolta, e dovrebbe essere usata solo se proveniente da piantagioni controllate e ripiantate. Gli alberi possono raggiungere i 24 m di altezza ed un diametro di 1 m alla base. Si essicca facilmente sia all'aria che in forno e non presenta deterioramenti. Facilmente lavorabile, ma la grana tende a lacerarsi sulle superfici segate a quarto; richiede l'esecuzione preventiva di fori per l'applicazione di chiodi. Si incolla bene ma data la scarsa porositÓ Ŕ consigliabile l'uso di colle viniliche caricate. ╚ suscettibile di buona finitura. Il legno Ŕ molto duro, simile al rovere o al noce. Si sostituisce spesso al faggio nella produzione di mobili, accessori, cornici per quadri ed altre modonature; viene utilizzato per lavori di intagli e per la produzione di impugnature tornite di utensili non battenti e perni, nonchŔ per lavori di falegnameria da interni e giocattoli in legno. Adatto a lavorazioni con frese ad alta velocitÓ. Il durame Ŕ deperibile. Come altre essenze, teme gli eccessi di calore ed umiditÓ.

Questo per evitare frizzi e lazzi del nostro amico.
Registrato
pomacciolo
Sr. Member
****
Messaggi: 351


Mostra profilo
« Risposta #4 inserito:: 12 Ottobre 2012, 05:26:48 pm »

certo non sono un falegname vecchietto e solo, esperto di legnami, ma ho sempre saputo che il Ramino Ŕ un legno leggero, addirittura viene usato per fare gli aquiloni, se poi dalle ricerche copia e incolla del nostro "amico" viene fuori che non Ŕ cosi .... bravo, bravo!
Registrato
pierpaolomasoni
Hero Member
*****
Messaggi: 2137


Mostra profilo
« Risposta #5 inserito:: 12 Ottobre 2012, 06:55:23 pm »

 Non occorre essere un vecchietto per ragionare: per gli aquiloni occorre non un legno leggero, ma resistente, dal momento che si tratta di struttura portante!
Registrato
pomacciolo
Sr. Member
****
Messaggi: 351


Mostra profilo
« Risposta #6 inserito:: 12 Ottobre 2012, 07:24:09 pm »

    Legno Ramino:legno abbastanza leggero ed elastico. lo trovate nei negozi di modellismo e di articoli per il bricolage, ad un prezzo relativamente economico, giÓ tagliato in listelli a sezione tonda o quadrata, lunghi circa 1 metro. La sezione del listello dipende, come al solito, dall'utilizzo che si intende farne. Per gli aquiloni standard, comunque, i tondini da 5-6 mm di diametro sono adatti ad un utilizzo generale.

ogni tanto un po di copia e incolla lo faccio anch'io va!

struttura portante per un aquilone, magari lo facciamo con i tondini del 10....
Registrato
pierpaolomasoni
Hero Member
*****
Messaggi: 2137


Mostra profilo
« Risposta #7 inserito:: 12 Ottobre 2012, 07:50:35 pm »

 Peso specifico: Ramino secco: 670 kg/m3
Ciliegio: 580 Kg/m3.
Balsa: 150 Kg/m3.
No comment!
Registrato
mastro stefano
Newbie
*
Messaggi: 18


Mostra profilo
« Risposta #8 inserito:: 18 Maggio 2017, 12:44:35 am »

Per una ricerca che sto facendo per conto mio, ho un legno che mi Ŕ stato dato sabato al concorso di tornitura, tronchetto con corteccia e siccome mi Ŕ stato dato per osmanto, ora voglio vederci chiaro.
Osmanto Ŕ un'oleacea ma sia dei particolari della corteccia che del colore giallo crema del durame, mi fa pensare di non esserci affatto.
Osservando la somiglianza col ramino che conosco io, ho fatto una ricerca su Google e mi imbatto in questa antica discussione, complimenti, Pierpaolo ha la colpa di sapere e se non sa si informa, te guarda se uno che conosce solo il legno dei brico deve rispondere in questa maniera ad un maestro.

Stefano
Registrato
Pagine: [1] Stampa 
« precedente successivo »
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.5 | SMF © 2006-2008, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!