Benvenuto! Accedi o registrati.
15 Settembre 2019, 09:02:25 pm

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Ricerca:     Ricerca avanzata

E' attivo il servizio di Consulenza antiquariale "L'esperto Risponde" offerto dall'antiquario Katia Loi
15289 Messaggi in 2289 Discussioni da 1160 utenti
Ultimo utente: Fabio
* Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati
+  www.inforestauro.org
|-+  Il Restauro del Mobile Antico
| |-+  Arte del Restauro (Moderatori: Giuseppe, aporia, Tullio)
| | |-+  "Lavaggio" dopo sverniciatura
« precedente successivo »
Pagine: [1] Stampa
Autore Discussione: "Lavaggio" dopo sverniciatura  (Letto 11890 volte)
xxxx
Full Member
***
Messaggi: 197


Mostra profilo
« inserito:: 26 Marzo 2007, 10:21:08 pm »

Volevo sapere se qualcuno di voi "lava" il mobile dopo averlo sverniciato con sverniciatore in gel, ho riscontrato nel tempo diverse tecniche per levare i residui che lascia lo sverniciatore, l'unico dubbio che mi rimasto il seguente: meglio usare una soluzione acquosa (per es. acqua piu piccole percentuali di ammoniaca) o usare una soluzione a solvente (per es. diluente nitro, o alcool), oppure non lavare il mobile affatto?
Aspetto commneti ciao. Cool
Registrato
pierpaolomasoni
Hero Member
*****
Messaggi: 2137


Mostra profilo
« Risposta #1 inserito:: 27 Marzo 2007, 09:22:28 am »

nelle vecchie botteghe del centro italia consuetudine lavare il mobile dopo la sverniciatura (ovviamente non quelli impiallacciati o lastronati) con acqua bollente; in questo modo i residui di sverniciatore lavorano ulteriormente e si asporta facilmente la paraffina solitamente presente nello sverniciatore (ha funzione di addensante).
questa operazione viene effettuata anche col senso di asportare gli eccessi di stucco (parlo di quello stucco realizzato con polvere di gesso in pani o gesso di bologna addizionato a colla perlinata - o stucco forte che ha una ulteriore aggiunta di olio di lino cotto- diversamente, questo stucco risulterebbe di difficile rifinitura).
non sono daccordo con le affermazioni di Aporia al riguardo. in questo caso l'acqua non penetra nel legno che chiude automaticamente i pori, anche per l'azione di dilatazione esercitata dal calore (prova ne che l'asciugatura avviene in pochi minuti).
ad ogni buon conto, se non si sono effettuate stuccature, risulta molto pi agevole un lavaggio con solvente nitro o alcol.
scarterei senzaltro soluzioni contenenti ammoniaca (oltre che decolorare il legno, intacca le fibre).
quello che certo che il lavaggio va assolutamente fatto, pena l'insorgere di macchie e decolorazioni.
pierpaolomasoni
Registrato
aporia
Moderator
Hero Member
*****
Messaggi: 843


Mostra profilo
« Risposta #2 inserito:: 27 Marzo 2007, 02:32:22 pm »

Gli "assolutamente" non fanno parte del mio vocabolario e non solo di restauro....le tracce di sverniciatore si asportano bene con alcool o acetone o, se ci si vuole avvelenare, con solvente nitro.
Il lavaggio con ammoniaca, acqua ossigenata o altri componenti rende solo il lavoro pi veloce ed economico (per il restauratore e raramente per il cliente!) ma i danni sono visibili (purtroppo solo per un occhio esperto).
Registrato
Tullio
Moderator
Full Member
*****
Messaggi: 165


Mostra profilo
« Risposta #3 inserito:: 27 Marzo 2007, 05:48:07 pm »

Anch'io scarterei certamente l'ammoniaca, vista la probabile reazione con alcuni legni contententi tannino (quali noce, castagno, ecc) e l'acqua ossigenata a meno che non si voglia un effetto meches o colpi di sole!! Grin. Tutti gli altri "lavaggi" menzionati, con le dovute accortenze, vanno pi che bene per me.

Registrato

Tullio
xxxx
Full Member
***
Messaggi: 197


Mostra profilo
« Risposta #4 inserito:: 29 Marzo 2007, 08:32:35 pm »

mi sembra di capire che vadano per la maggiore i solventi... cosa ne pensate di 70%alcool 25%acqua 5%ammoniaca pura (ovviamente da escludere per rovere castagno e affini), e forse una puntina di sapone neutro e/o acido acetico, e una formula che o tra i miei appunti e non so da dove salta fuori...
Registrato
pierpaolomasoni
Hero Member
*****
Messaggi: 2137


Mostra profilo
« Risposta #5 inserito:: 29 Marzo 2007, 11:01:03 pm »

in primo luogo l'uso di sostanze basiche sempre da escludersi nel restauro, e l'ammoniaca fortemente basica, corrode le fibre del legno, le inaridisce e le decolora.
sostanze basiche si usano esclusivamente nella falsificazione, per invecchiare certi legni.
in secondo luogo, dopo la sveniciatura il problema di togliere residui di paraffina presente in quasi tutti gli sverniciatiri preconfezionati, quindi intrugli come quello citato da xxx oltre che essere cervellotici, sono del tutto inutili.
pierpaolomasoni
Registrato
aporia
Moderator
Hero Member
*****
Messaggi: 843


Mostra profilo
« Risposta #6 inserito:: 30 Marzo 2007, 03:09:34 pm »

Concordo pienamente con Pierpaolomasoni! Ma non lo si ribadisce mai abbastanza: cautela con qualsiasi prodotto chimico di cui non si conosca l'azione (e non solo nel restauro!)
Registrato
xxxx
Full Member
***
Messaggi: 197


Mostra profilo
« Risposta #7 inserito:: 31 Marzo 2007, 06:47:12 pm »

Quindi escludo dall mio ricettario questa misteriosa formula che non so da dove salta fuori, e continuo con il solito alcoool o in alternativa diluente nitro o acetone...
Voi  come procedete? io passo semplicemente uno straccio inbevuto della sostanza scelta  e poi eventualmente ripasso , nelle parte piu difficili mi aiuto con pennello e paglietta...
 
Mischiare alcool e acetone o diluente che succede?
Registrato
aporia
Moderator
Hero Member
*****
Messaggi: 843


Mostra profilo
« Risposta #8 inserito:: 03 Aprile 2007, 02:33:25 pm »

L'ideale conoscere la sostanza da sciogliere prima di agire ma non sempre possibile: parti con il solvente meno aggressivo e che giudichi pi adatto (es. l'alcool o l'acetone). Se non ottieni dei risultati, lascia evaporare e provane un altro: un metodo un po' alla cieca ma almeno non mescoli a caso.
Registrato
pierpaolomasoni
Hero Member
*****
Messaggi: 2137


Mostra profilo
« Risposta #9 inserito:: 03 Aprile 2007, 10:13:52 pm »

se si usato uno sverniciatore universale, la sostanza da eliminare la paraffina.
tale sostanza viene sciolta soprattutto con solvente nitro, mediamente con alcol; quindi se si usa alcol conviene insistere un po.
pierpaolomasoni
Registrato
xxxx
Full Member
***
Messaggi: 197


Mostra profilo
« Risposta #10 inserito:: 05 Aprile 2007, 08:51:44 pm »

Infatti adesso ch mi ricordo per allungare lo sverniciatore in gel, il chimico della C** mi aveva detto di allungarlo col diluente nitro, alla fine  levando le conseguenze per la salute mi sembra che vinca il diluente nitro in quanto asporta meglio i residui dello sverniciatore.
Registrato
pierpaolomasoni
Hero Member
*****
Messaggi: 2137


Mostra profilo
« Risposta #11 inserito:: 05 Aprile 2007, 10:44:38 pm »

questa regola non sempre valida, poich i componenti di certi sverniciatori a volte sono antagonisti del solvente nitro, quindi, esserne neutralizzati.
diverso usare tele solvente dopo che lo sverniciatore ha agito.
pierpaolomasoni
Registrato
aporia
Moderator
Hero Member
*****
Messaggi: 843


Mostra profilo
« Risposta #12 inserito:: 06 Aprile 2007, 10:23:30 am »

Non ho mai usato solvente nitro dopo lo sverniciatore soprattutto dopo aver visto morire di cancro un amico che l'aveva usato per alcuni anni (non molti): l'alcool rimuove perfettamente i residui dello sverniciatore.
Registrato
xxxx
Full Member
***
Messaggi: 197


Mostra profilo
« Risposta #13 inserito:: 07 Aprile 2007, 04:17:41 pm »

L'uso del diluente per allungare lo sverniciatore era specifico per un tipo di sverniciatore quindi penso che chi mi avesse dato questo consiglio ( cioe' un chimico della stessa ditto produttrice ) sapesse bene cosa stava dicendo ( o meno spero), comunque mi sucessso solo una volta di dover allungare lo sverniciatore quindi poco importa, mi importa molto di piu invece questo benedetto "lavaggio" che ho notato negli anni molti non praticano e nella scuola di restauro dove ho studiato si usava questa pratica solo su mobili di pregio, diciamo che cerchero' di usare meno possibile il diluente e di piu l'alccol sostanzialmente come facevo gia prima...
Registrato
pierpaolomasoni
Hero Member
*****
Messaggi: 2137


Mostra profilo
« Risposta #14 inserito:: 07 Aprile 2007, 11:10:45 pm »

in effetti va benissimo anche l'alcol. io non ne sopporto l'odore; per questo uso altri solventi senzaltro pi dannosi (ma anche questo non detto): la dannosit dei prodotti chimici ormai quasi imponderabile. pochi giorni fa un chimico che lavora per una ditti che produce vernici a base acqua mi diceva che queste vernici che devono sostituire quelle a base solvente sono ugualmente dannose.
bisogna amare il rischio!!!!
pierpaolomasoni
Registrato
Pagine: [1] Stampa 
« precedente successivo »
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.5 | SMF © 2006-2008, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!