Home Galleria Icone
Galleria Icone Stampa E-mail
Arte e Restauro - Iconografia
Scritto da G. Ferraboschi   
Indice
Galleria Icone
La Vergine del segno
Il Salvatore
La Trasfigurazione
Il Salvatore in Gloria
Discesa agli Inferi
Lavanda dei piedi
La Trinità
Icona della Madre di Dio di Pocaev

Il Salvatore

Brani biblici: GV. 4, 42; Lc. 2, 11; Atti 5, 31; 1 Gv. 4, 14
Giovanni 4, 42
¬ęNon √® pi√Ļ per la tua parola che noi crediamo; ma perch√© noi stessi abbiamo udito e sappiamo che questi √® veramente il salvatore del mondo¬Ľ.
Luca 2, 11
"oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore".
Atti 5, 31
Dio lo ha innalzato con la sua destra facendolo capo e salvatore, per dare a Israele la grazia della conversione e il perdono dei peccati.
1Gv. 4, 14
E noi stessi abbiamo veduto e attestiamo che il Padre ha mandato il suo Figlio come salvatore del mondo.

 


salvatore01Un posto di rilievo occupa, in questa presentazione di icone famose, l'immagine del "Pantocràtor" (letteralmente: "Colui che contiene tutte le cose" o anche"Dominatore su tutto" ) che esercita, fin dal primo sguardo, una forte presa, anche emotiva, sull'osservatore. Chi ha dipinto la "Trinità" non può non soffermarsi sul mistero del Figlio che rivela, nella sua storia di uomo, la realtà divina: l'amore.

L' icona propone allora, la storia umile dell'uomo di Nazareth e la sua regalit√†; il nome dell'Incarnazione nascosta e silenziosa: Ges√Ļ: Cristo, Messia: il Signore (cf. Fil.2,6-11).

Vi si intrecciano, indissolubilmente, il mistero di Dio che si fa uomo perchè l'uomo diventi Dio, la sua natura divina che pre-esiste e la sua venuta nel giudizio finale. In questo giudizio, rammenta l'icona, egli resta fratello innocente che ha conosciuto il limite umano, il suo soffrire, il suo gioire, accogliendolo e salvandolo: nell'amore, perchè chi è lontano diventi vicino nella verità dell'amore che non tradisce: davanti ai suoi occhi traboccanti d amore, ci si copre la faccia.

L icona del Pantocràtore vuole suggerire un tema molto sentito: quello del Verbo incarnato che è l'immagine del Padre. Cristo, che ci sta di fronte, non è il Giudice onnipotente, ma (vedi la fronte e lo sguardo pieni di luce) la Sapienza infinita e la Luce del mondo. Nessuno rimane escluso dalla benevolenza del suo sguardo. Gli occhi fissi in una posizione immutabile danno l'impressione, a chi lo guarda, di essere visto da lui.

Diceva San Simeone il Nuovo Teologo (X Secolo): "Nel momento in cui tutti gli sguardi sono fissi su di lui e in cui egli stesso posa il proprio su miriadi innumerevoli, mantenendo i suoi occhi sempre fissi in una posizione immutabile, ognuno ha l'impressione di essere visto da lui, di godere della sua conversazione e di essere abbracciato da lui, di modo che nessuno possa lamentarsi di essere negletto".

 



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi1189
mod_vvisit_counterIeri1939
mod_vvisit_counterQuesta settim.10425
mod_vvisit_counterSettim. Preced.12976
mod_vvisit_counterQuesto Mese33786
mod_vvisit_counterMese Preced.54083
mod_vvisit_counterTotale visite6456919

Online : 22
Today: Ott 19, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information