Home I Materiali
I Materiali
Il Manoscritto Medievale: I Materiali Stampa E-mail
Arte e Restauro - Il Manoscritto
Scritto da AA.VV.   
Indice
Il Manoscritto Medievale: I Materiali
Il Papiro
La Carta
La Penna
L'inchiostro
I Pigmenti
L'inchiostro

Le penne d oca funzionavano come penne ad immersione nel senso che un copista non poteva lavorare senza avere accanto un recipiente pieno di inchiostro, il calamaio, ed, infatti, molte rappresentazioni di S. Giovanni sull'isola di Patmos includono la figura di un diavolo dispettoso che da dietro un cespuglio con un gancio tenta di far sparire il calamaio del Santo. 
  
Questa è una scena all'aria aperta ed il calamaio è portatile, probabilmente con una chiusura a vite ed è attaccato con una corda ad un astuccio oblungo per penne.

Negli scrittoi invece l'inchiostro era contenuto in corni e, qualche volta gli scrivani sono ritratti mentre tengono fra le mani tali contenitori ma pi√Ļ spesso entrambe le mani erano occupate a lavorare con penna e coltelli.

 

 

Il Manoscritto Medioevale

Gli Evangelisti dipinti nei Vangeli di epoca Carolingia mostrano che essi tenevano l'inchiostro su un supporto separato, una sorta di porta lampada, accanto al tavolo di lavoro (una buona precauzione pensando quanto sia facile rovesciare un calamaio). Le raffigurazioni basso medievali presentano i corni contenenti l'inchiostro generalmente inseriti in cerchi di metallo a loro volta attaccati al margine destro del tavolo di lavoro e ve ne potevano essere da due a tre. Vi sono esempi in cui i corni con l'inchiostro sono inseriti in una serie di buchi verticali sulla superficie del tavolo e loro punte escono fuori dal fondo dello stesso tavolo.

Un copista non può scrivere senza inchiostro. Le miniature concernenti S. Giovanni che mette per scritto il Libro della Rivelazione, infatti, non di rado illustrano la legenda del tentativo fatto dal Diavolo di sottratte all'Evangelista le sue penne ed il calamaio portatile così da impedirgli di terminare la stesura dell'ultimo libro della Bibbia. Rouen, Libro delle ore. 1480 circa.  

 

Abbiamo numerose ricette medievali per la fabbricazione dell'inchiostro. Vi erano due tipi d inchiostro completamente differenti. Il primo è una mistura di nerofumo e gomma, a base quindi di carbone.
 
¬†Il secondo √® a base di noce di galla e di metallo, di solito una soluzione di acido tannico e solfato di ferro; anche questo richiede l'addizione di gomma come additivo per la consistenza pi√Ļ che per renderlo maggiormente adesivo. Il colore nero √® il risultato di una reazione chimica. Entrambi i tipi di inchiostro erano in uso durante il medioevo. L inchiostro di nerofumo era adoperato nell'antichit√† e nel mondo orientale e viene descritto in tutte le ricette medievali fino al XII secolo. Anche l'inchiostro a base di noce di galla e metallo era in uso almeno dal III secolo ma non vi sono descrizioni della sua preparazione fino al primo XII secolo con Teofilo. Da questo momento le ricette artigianali descrivono tali inchiostri e, probabilmente, tutti i manoscritti tardo medievali sono scritti con questo stesso tipo di inchiostro.¬†
La ricetta è interessante ed è sorprendente apprendere che il principale ingrediente è la galla di quercia, una curiosa formazione tumorale rotonda, della misura di una piccola biglia, che cresce sulle foglie e sui rametti della quercia. Si forma quando all'interno del germoglio quercia una vespa depone le sue uova ed una sfera soffice e di colore verde pallido che si forma intorno alle larve. 
 

Il Manoscritto Medioevale

√ą possibile trovare le noci di galla sugli alberi di quercia, anche ai giorni nostri, bench√© le migliori erano ritenute quelle importate da Aleppo nel levante. Se raccolte troppo giovani le noci di galla si raggrinziscono come frutta matura ma quando la larva all'interno si sviluppa completamente in insetto che lascia il suo bozzolo vegetale attraverso un foro la noce che resta √® ricca di acido tannico e gallico. Queste vengono frantumate e lasciate in infusione con acqua piovana sotto il sole o vicino al fuoco. Alle volte vino bianco o aceto potevano essere utilizzati al posto dell'acqua piovana.

Dunque, questo è il primo ingrediente di questo tipo di inchiostro. Il secondo è solfato di ferro noto anche come copparosa verde, vitriolo verde o salmortis. Questo componente poteva essere prodotto artificialmente o trovato naturalmente come risultato dell'evaporazione dell'acqua nei terreni ferrosi.

Galle sul ramo di una quercia. Il piccolo buco presente su ognuna di esse mostra il luogo dal quale la vespa è fuoriuscita dopo aver deposto le uova.
 

  
La copparosa verde, a partire dal tardo XVI secolo, veniva prodotta versando acido solforico su vecchi chiodi, filtrando il liquido così ottenuto e mischiandolo con l'alcol (ciò potrebbe spiegare l'acidità degli inchiostri post-medievali).
 La copperosa verde viene poi addizionata alla pozione a base di noce di galla e rimescolato con un bastone di fico. La soluzione così ottenuta passa da un marrone pallido al nero.
A questo punto, viene aggiunta della gomma arabica non tanto per aumentarne le capacit√† adesive ma per incrementarne la densit√†. Le penne d oca necessitano di un inchiostro viscoso mentre le penne stilografiche no. La gomma arabica √® la resina dell'acacia che viene seccata, importata in Europa dall'Asia minore. L inchiostro a base di noce di galla si scurisce ancor pi√Ļ quando esposto all'aria sulle pagine dei manoscritti. Viene ben assorbito dalla pergamena al contrario di quello a base di nerofumo pu√≤ essere rimosso con una certa facilit√†; l'inchiostro a base di noce di galla √® anche maggiormente lucido e splendente dell'altro che risulta pi√Ļ nero e granuloso.
Le raffigurazioni medievali spesso mostrano due corni contenenti inchiostro sulla destra del tavolo. Il secondo contenitore era probabilmente per l'inchiostro rosso. Quest'ultimo era molto usato nei manoscritti medievali per titoli, sotto titoli e rubriche (da qui la parola stessa) nei manoscritti liturgici, e per i giorni marcati con lettere rosse nei Calendari. Le correzioni del testo erano alle volte effettuate in rosso, per sottolineare l'attenzione con la quale il testo era stato rivisto. Inchiostri blu e verdi esistevano ma erano assai rari; il rosso era, dunque, il secondo colore. L uso del colore rosso risale per lo meno al V secolo e fior√¨ fino al XV secolo. Deve essere stata la diffusione della stampa, per la quale era assai difficile produrre testi a colori, ad intaccare la convinzione medievale che i libri dovevano essere esclusivamente in rosso e nero. I libri a stampa erano solo in nero ed apparivano pi√Ļ monotoni. Il vermiglio si otteneva con solfati di mercurio che viene trasformato in inchiostro rosso mediante frantumazione e mescola con chiara d uovo e gomma arabica. L inchiostro rosso si pu√≤ ottenere anche dalla scorza del brasile o verzino infusa in aceto e mischiata con gomma arabica. Occorre spiegare che questo tipo di vegetale non √® originario del sud America ma, al contrario, data l'abbondanza di tale albero noto ai fabbricanti di inchiostro in queste regioni fu esso stesso a donare il nome all'area geografica.¬†
 

Il Manoscritto Medioevale

L' originale e la copia erano posti sul tavolo inclinato l'uno accanto all'altro. Nelle miniature si vede che i manoscritti erano tenuti aperti grazie a dei pesi appesi ad ogni margine con una corda che aveva un capo ciondolante sul retro del tavolo e l'altro sulla sommità della pagina. Un manoscritto di pergamena tendeva a chiudersi se non viene mantenuto aperto. Alcune volte i pesi sono rappresentati come all'incirca triangolari con sommità rotonde e parti inferiori estremamente allungate.

Jean Miélot (+ 1472), canonico della città di Lille e segretario di due duchi di Borgogna, notevole traduttore e copista, viene presentato in questa miniatura come il copista-studioso ideale nel suo studio colmo di manoscritti e strumenti di lavoro.
 

 

Nel momento in cui lo scrivano si accingeva a copiare il testo, risultava per lui semplice spingere il peso in basso sulla pagina così che la parte inferiore, estremamente allungata, avrebbe segnato esattamente il suo posto sull'originale. I copisti sedevano su sedie molto alte (giudicando dal materiale iconografico) di fronte ad un tavolo inclinato


 
Alcune illustrazioni medievali presentano la superficie del tavolo come attaccata alla sedia, apparentemente attraverso cardini, in modo da permettere al copista di sedersi per poi rimettersi in posizione, come negli odierni seggiolini per bambini. Stando alle rappresentazioni, tuttavia, appare difficile immaginare come il copista potesse riuscire a muoversi nella sedia anche se munita di cardini. L inclinazione era assai ripida. Le penne d oca sono maggiormente funzionali quando si adoperino con un inclinazione ad angolo retto rispetto alla superficie dello scritto e ci√≤ e pi√Ļ semplice da ottenere su di un piano inclinato. Per uno moderno scrivano, inoltre non pratico, rimarrebbe difficile scrivere con un inclinazione cos√¨ ripida a causa del modo in cui la penna viene oggi tenuta che necessita il riposo della parte finale della mano e delle dita sulla superficie della pagina. Ma una penna mantenuta nel modo descritto precedentemente richiede scarsamente che la mano tocchi la superficie del foglio ed il movimento √® legato al braccio pi√Ļ che alla mano. Per questo motivo la flessibilit√† consentita dall'inclinazione del tavolo era ideale. Dal momento che l'inchiostro impiega qualche momento per asciugarsi si pu√≤ notare come nella pagina dei manoscritti medievali la concentrazione dello stesso inchiostro risulta maggiore nella parte inferiore delle lettere dal momento che si √® seccato assecondando l'inclinazione del tavolo.

 

Il Manoscritto Medioevale

Inoltre, nel momento di cominciare la copiatura, al copista veniva raccomandato dai precetti dell'arte di passare un ultima volta la pergamena con pomice e gesso per ammorbidirla.
Ciò rimuoveva ogni grasso che poteva essersi accumulato nel maneggiare e ripiegare i fogli di pergamena e per ridurre il rischio che l'inchiostro sbavasse.

Nel momento della scrittura vera e propria lo scrivano teneva in mano un coltello. Azione universale ed importante nel medioevo. Lo scrivere, come il mangiare, era un gesto che prevedeva l'uso di entrambe le mani. Ciò significa che egli non si ritrovava una mano libera per poter seguire io testo dell'originale.

Laurenzio, priore di Durham fra il 1149 ed il - 54, è rappresentato come copista in un manoscritto a lui contemporaneo di un suo proprio lavoro che ancora oggi si conserva a Durham, nell'atto di stirare la pagina con un coltello che tiene nella mano sinistra.
 


Il coltello, usato per appuntire la penna e per cancellare gli errori (velocemente prima che l'inchiostro venga assorbito), assolveva anche la funzione di stendere la pagina di pergamena, sempre troppo rugosa, e per scorrere lungo le linee man mano che il copista scriveva ogni parola.

Riordinare una pagina con l'aiuto delle dita, infatti, può essere fonte di unto e scomodo allo stesso tempo mentre il coltello permette maggior controllo e precisione.  

 



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi29
mod_vvisit_counterIeri1939
mod_vvisit_counterQuesta settim.9265
mod_vvisit_counterSettim. Preced.12976
mod_vvisit_counterQuesto Mese32626
mod_vvisit_counterMese Preced.54083
mod_vvisit_counterTotale visite6455759

Online : 25
Today: Ott 19, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information