Home Il Cristo deposto Rassegna stampa
Rassegna stampa
Cristo Deposto - Rassegna stampa Stampa E-mail
Arte e Restauro - La Cartapesta
Scritto da AA.VV.   
Indice
Cristo Deposto - Rassegna stampa
Esposizione al Museo diocesano di Milano


Fonte: Ezio Flammia e il suo intervento sul Cristo Deposto  Data: 11-03-2003

della Chiesa di Madonna di Campanile 

tratto da "Sannio Quotidiano" autore Sandro Tacinelli


 


Ha esposto le sue opere in numerose rassegne allestite in diversi angoli del mondo (in questi giorni in Egitto). Ma prova di certo qualcosa di pi√Ļ di un semplice piacere, quando dedica arte (e tempo) alla sua Frasso.
Il maestro Ezio Flammia domenica scorsa, nella Chiesa della Madonna di Campanile, ha presentato il restauro del Cristo Deposto , una scultura che di certo apparteneva al primitivo patrimonio artistico-religioso della stessa chiesa. E che, per l'artista, rappresenta l'ennesimo omaggio ad una comunità alla quale si sente legato a filo doppio e non solo per esservi nato.
Il restauro effettuato riguarda un opera canonica , realizzata in cartapesta alla fine del Settecento, da un ottimo maestro cartapestaio. La cui grandezza naturale misura un metro e 63 centimetri, per un peso di circa 5 chili, facile quindi da posizionare sia per essere adagiato su un cataletto per un allestimento di Sepolcro in Chiesa, sia per il trasporto processionale.
Si tratta di una scultura di indubbio valore - ha spiegato nella sua relazione il maestro Ezio Flammia -. Basta considerare alcuni aspetti. Innanzitutto il modellato di carta, rafforzato all'interno da distanziatori di legno, e l'ottima preparazione a gesso che conferisce alla leggera scultura una consistenza materica che le ha permesso di conservarsi sino ad oggi. Inoltre il corpo atletico del Cristo è asciutto con numerose ferite enfatizzate dalla perizia esecutiva: sollevamento dei tessuti, carne viva grondante di sangue, a rivoli, a gocce, raggrumato, sporco di polvere. Le ferite sono circondate da un colore grigio verdastro a simulare l'ematoma, conseguente il ferimento .
Un rilievo a parte merita il volto del Cristo, con il pallor della morte , in quanto modellato nell'atteggiamento di estrema sofferenza, nel quale si notano: il volto (dal profilo greco), la chioma fluente di color castano scuro, la barba a due punte, la fronte grondante di sudore e sangue, occhi chiusi, bocca semichiusa, espressione di chi esala l'ultimo respiro per gli indicibili patimenti .
Quindi √® un lavoro dell'iconografia devozionale, spesso presenti in alcune chiese (in prevalenza nel Sud dell'Italia), ed esposte per lo pi√Ļ durante i riti pasquali.
In merito allo stato di conservazione del Cristo Deposto , Flammia ha riferito che a causa di un maldestro intervento di restauro avvenuto in passato (avevano verniciato il tutto con della gommalacca), l'opera ha assunto un aspetto monocromo, con la conseguente perdita dei suoi valori estetici e religiosi.
Ma c √® dell'altro. Che cos√¨ ha sintetizzato l'artista sannita: Le mani erano, in origine, collegate al corpo e i piedi incollati tra loro. Lo scollamento degli arti ha reso pi√Ļ fragile la materia di cartapesta e, forse a causa dei traslochi, ripetuti nel tempo dalla sede dove era conservato il Cristo all'allestimento dei Sepolcri, si sono prodotte rotture, nell'avambraccio, nell'omero di destra, nelle giunture delle falangi delle mani, nella falangetta del terzo dito del piede di destra, nel basso ventre, nel perizoma e lievi incrinature ovunque .
Con questo restauro la Chiesa di Campanile si arricchisce di un'altra scultura recuperata al degrado e restituita alla sua funzione di devozione, realizzata per espresso desiderio della signora Maria Filomena Norelli (a memoria del marito Pasquale Franco) e particolarmente voluto da Don Valentino Di Cerbo.


 



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi592
mod_vvisit_counterIeri1626
mod_vvisit_counterQuesta settim.4034
mod_vvisit_counterSettim. Preced.11530
mod_vvisit_counterQuesto Mese26558
mod_vvisit_counterMese Preced.50024
mod_vvisit_counterTotale visite6294417

Online : 25
Today: Lug 17, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information