Home Il Mobile Veneto
Il Mobile Veneto
Il Mobile Veneto - Antiquariato Mobili Stampa E-mail
Antiquariato - Il Mobile nella cultura
Scritto da AA.VV.   

il Mobile Veneto

Fonte: Artigianato artistico veneto

 

 Antiquariato mobile - il Mobile venetoIl mobile veneto e quello veneziano in particolare, costituisce un genere che si distingue nel panorama del mobile italiano e che è conosciuto ed apprezzato, fin dal Settecento, in tutta Europa, tanto che buona parte della produzione del mobile settecentesco o fu costruita direttamente per committenti stranieri (fenomeno non frequente a quei tempi) o fu venduta ad acquirenti stranieri quando la Repubblica Veneta decadde definitivamente.
Una delle caratteristiche che tradizionalmente si assegna al mobile veneziano √® quello di non essere, a differenza dei mobili di altre capitali europee, un mobile "di corte", cio√® di non aver sviluppato un proprio stile ben codificato, in quanto a Venezia mancava una corte, non vi erano cio√®, dimore ed arredi stabilmente assegnati ad un principe e dunque in grado di sviluppare un proprio gusto; √® una considerazione in parte vera, dal momento che il Doge e gli altri dignitari portavano i loro mobili in Palazzo Ducale e negli altri palazzi pubblici al momento delle loro elezione e gli arredi venivano prelevati dagli eredi alla loro morte, ma √® vero anche che in alcune ricche famiglie nobiliari, i grandi monasteri (Santa Giustina a Padova, i Frari e San Giorgio a Venezia), le grandi cattedrali (Treviso, Verona,) e pi√Ļ tardi i Seminari, svilupparono un arredo connotato da precisi stili e riconducibile a deciso gusti, cos√¨ da costituire tante piccoli corti.
Ma andiamo con ordine, tra i mobili veneti pi√Ļ antichi, il primato sembra spettare a manufatti di ambito padovano: vengono di solito citati quelli appartenuti al Petrarca e conservati nella casa di Arqu√†, assieme ad un armadio da sacrestia conservato nella cappella degli Scrovegni. Si tratta di una poltrona pieghevole intagliata, derivata dal "faldistorio" Medievale e di un armadietto per libri, risalenti agli anni 1368-69.
L' armadio da sacrestia è decorato con palmette scolpite a rilievo e ad incavi trilobati. 

Nel Trecento le case ed i relativi arredi erano molto semplici e veramente pochi sono i manufatti ancor oggi conservati: guerre, devastazioni e soprattutto rovinosi incendi (allora piuttosto frequenti) hanno impedito la loro salvaguardia. Si sono salvati dalle distruzioni alcuni interessanti manufatti in legno scolpito e dorato (detti ancone) che racchiudono dipinti su tavola di carattere sacro, spesso composti in "polittici" e decorati con elementi architettonici (archiacuti, lesene, pinnacoli, ecc.). 

 

¬†Specchiera in legno intagliato e dorato, Venezia, met√† del XVIII sec. Il Quattrocento, grazie anche ad una pi√Ļ diffusa ricchezza, derivante dai floridi commerci con l'Oriente, segna un momento di ripresa del mobile e dell'arredo in Veneto, nella seconda met√† del secolo, in seguito ai soggiorni padovani di artisti fiorentini, come Paolo Uccello e Donatello, si impone il nuovo gusto rinascimentale. L intarsio e l'intaglio raggiungono esiti estetici di grande pregio: la tarsia figurata, detta anche "pittorica", conosce un eccellenza rara con i fratelli Cristoforo e Lorenzo Canozi di Lendinara che lavorarono agli stalli lignei del Santo a Padova, mentre Francesco e Marco Cozzi sono autori di soffitti intagliati e dorati (Capitolo della Scuola della Carit√† a Venezia), stalli lignei (a Santa Maria Gloriosa dei Frari e a San Zaccaria). Come spesso succede, questi mobili chiesastici influenzarono anche il mobile domestico.
I cassoni e le cassapanche venivano finemente decorati e spesso dipinti: Giorgione, Jacobello del Fiore, Giambellino e Liberale da Verona, per citare solo i pi√Ļ conosciuti, dipinsero cassoni, armadi, di cui rimane ancor oggi testimonianza nei musei.

Nel corso del Cinquecento la ricchezza della Repubblica Veneta comincia a declinare, anche se non diminuisce lo sfarzo dei mobili e degli arredi, le cronache riferiscono che a Venezia "Non è persona così miserevole che non abbia casse e lettiere di noce". La tarsia pittorica viene un po abbandonata mentre l'intaglio ha grande diffusione. L ornamentazione dei mobili rispecchia gli elementi architettonici del tempo: lesene, mascheroni, grottesche, capitelli, volute e timpani ornano i cassoni, le credenze, gli tipi costruiti a Venezia e a Padova in quegli anni. 

 

Le Corporazioni

¬†le corporazioni nell'artigianato del mobileSe esaminiamo il Seicento scopriamo una grande variet√† di mobili e un altissima qualit√† nel confezionarli: gli artigiani veneti non producevano pi√Ļ solo per la nobilt√† veneziana ma ricevevano ordinazioni da ricchi borghesi e da principi italiani e stranieri: i duchi di Mantova diedero incarico all'ambasciatore di reperire mobili pregiati a Venezia per il loro palazzo. I falegnami, marangoni in veneto, si riunivano in corporazioni che prendevano il nome di "fraglie" "arti" o "scuole" dal luogo di riunione, chiamato anche "albergo". I marangoni si dividevano in casseleri, addetti a casse, cassoni nuziali e stipi; marangoni da fabbrica, addetti alla carpenteria e agli infissi nel settore edilizio; i marangoni da noghera, addetti alla costruzioni di mobili; i remisseri, gli unici autorizzati ad intarsiare, lastronare e impiallacciare; i marangoni da soaze, addetti a specchi e cornici, costoro collaboravano con gli squeraroli nelle costruzioni delle gondole ed erano detti marangoni da negro.¬†

 

Ebanisti Veneti

La gran parte dei mobili che esce dalle botteghe artigiane, pur essendo di grande pregio, non è firmata, alcuni nomi di maestri mobilieri, veri e propri artisti del legno, sono tuttavia conosciuti, tra questi Francesco Pianta il giovane (Venezia, 1632 c. -1692), guidato da uno spirito fantasioso, ha lasciato un impronta sicura nel mobile barocco veneto; Andrea Brustolon (Belluno, 1662 - 1732), allievo dello scultore Filippo Parodi, rimase insuperabile e insuperato nelle sculture lignee con le quali ornava i mobili e le cornici: Ca Rezzonico a Venezia conserva il famoso "fornimento Venier" composto da poltrone, portavasi e statue scolpite dal Brustolon che utilizzava prevalentemente il legno di noce.

 


Mobili Caratteristici

¬†Cassettone a ribalta, Venezia, XVIII sec. Nel Settecento il mobile veneto raggiunge il suo massimo splendore, le botteghe artigiane di Venezia costituiscono il pi√Ļ fecondo centro di produzione di mobili in Italia; la sola Venezia contava oltre¬† trecento botteghe con circa duemila lavoranti. Pi√Ļ che il susseguirsi degli stili (Luigi XV, Luigi VI, ecc.) va sottolineata la grande variet√† delle tipologie di mobili che si adattano ai nuovi costumi: la donna assume nella societ√† un posto importante ed ecco che vengono creati mobili da donna come piccoli scrittoi, mobili da toilette, ecc.. Si diffonde il mobile laccato, anche se non si tratta di vere e proprie lacche orientali ma di imitazioni: il mobile viene prima dipinto con motivi floreali o con "cineserie" e quindi ricoperto dalla sandracca, una vernice trasparente. Interessante √® la tecnica della "lacca povera" che consiste nel ricoprire i mobili incollando sulla loro superficie carte stampate e acquerellate, anzich√© dipingerli, la carta veniva quindi ricoperta con una vernice trasparente.¬†

 

La caduta della Repubblica Veneta colpisce anche la produzione artigianale dei mobili; nonostante l'Austria tenti di mantenere le vecchie corporazioni dei marangoni, nel 1806 essa viene definitivamente soppressa. 

 

 Durante l' Ottocento il Veneto non solo subisce le mode d oltralpe ma vede pian piano disperdersi il grande patrimonio di mobili e di arredi che per secoli aveva abbellito le case e i palazzi. Tra gli artisti che influenzarono il gusto di quegli anni vanno ricordati Giuseppe Borsato, Giuseppe Jappelli, Giuseppe Zanetti e Giovanni Maretti. Il Borsato (1771 - 1849) fecondo interprete dello stile impero a Venezia dove ha lasciato la sua impronta nell'arredo del Palazzo Reale, è stato professore di ornato presso l' Accademia di Belle arti e ha pubblicato un volume con modelli di mobili neoclassici e impero. Lo Jappelli (1783 - 1852), architetto e progettista di giardini, ha realizzato, a Padova, il Caffè Pedrocchi con un elegante e sobrio arredo in stile Impero.

Nella seconda metà del secolo tra i maestri mobilieri di maggior fama va ricordato Valentino Panciera Basarel (1829 - 1902) che, dopo aver frequentato l'Accademia di Belle Arti di Venezia, aprì in città una bottega con il fratello Francesco. Il suo stile fu influenzato dal Brustolon, suo conterraneo, eseguì intagli in cirmolo, noce e ciliegio di grande pregio; per la loro bellezza e originalità suoi mobili comparvero nelle esposizioni internazionali italiane e straniere. 

 

Produzione mobili in stile di qualità

Il Novecento segna un nuovo modo di produrre e commercializzare il mobile: nasce la moderna industria del mobile che secondo un modello veneto già sperimentato in altri campi (l industria tessile, l'abbigliamento, la scarpa) che dà vita a laboratori industriali medio-piccoli dove sanno fondersi la perizia artigianale, la laboriosità dei veneti, un gusto sicuro e raffinato che si può far risalire alla tradizione del mobile veneto. Ora viene chiamato mobile in stile ma non è altro che la riproduzione puntuale e fedele di modelli sette-ottocenteschi che per la loro solidità, l'eleganza e la funzionalità, hanno mantenuto una persistenza quasi ininterrotta.
Alla produzione di mobili in stile, sviluppatasi a Cerea nel veronese, nel cittadellese e nel montagnanese, si affianca una presenza di antiquari, di botteghe artigianali di restauratori e di doratori che continuano l'antica e nobilissima arte dei marangoni veneti. 

 

Visite

mod_vvisit_counterOggi1414
mod_vvisit_counterIeri1536
mod_vvisit_counterQuesta settim.1414
mod_vvisit_counterSettim. Preced.10939
mod_vvisit_counterQuesto Mese39698
mod_vvisit_counterMese Preced.51331
mod_vvisit_counterTotale visite6257533

Online : 34
Today: Giu 24, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information