Google new 2018

Home Il Restauro della Doratura
Il Restauro della Doratura
Il Restauro della doratura Stampa E-mail
Il Mobile - Le Fasi del Restauro
Scritto da Daniela Scottoni   
Indice
Il Restauro della doratura
Laboratorio e attrezzatura
Analisi e primi interventi
Il Consolidamento della doratura
Stuccatura e ricostruzione
Applicazione oro e brunitura

 

Il laboratorio

Il laboratorio di restauro del doratore deve avere alcuni requisiti essenziali al fine di poter svolgere un buon lavoro di restauro.
Innanzitutto il luogo che deve essere asciutto, arieggiato, comodo e ordinato.
Poi l'illuminazione che può essere naturale o, in mancanza di essa, artificiale con lampade a "luce solare"
Infine l'igiene e pulizia con l'eliminazione di polvere, la pulizia dei pennelli e in generale di tutti gli strumenti che vengono utilizzati

 

L' attrezzatura

Essendo il restauro di doratura un lavoro di tipo prevalentemente manuale non sono necessarie grandi e costosissime attrezzature.


L' attrezzatura di base consiste in:

•spatole d' acciaio di forma e grandezza variabile. Vengono utilizzate soprattutto per stuccare o per modellare le decorazioni.

•spugne naturali usate per lavare e pulire le superfici o per distendere mordente o turapori al posto dei pennelli

•raschietti di diverse forme e grandezze, di acciaio con manico di legno e lama affilata. Vengono usati per rendere la superficie stuccata liscia e perfetta senza la necessità della levigatura con carte abrasive o pomice

•cuscinetto di cm.25x15 formato da una struttura-base di legno, imbottito con uno strato di ovatta e ricoperto da pelle di vitello in modo che sia soffice. La pelle deve essere sempre pulita per evitare che si rovini la lamina d oro che viene adagiata su di essa. E facile da fare.
pennello formato di peli finissimi di coda di vaio disposti a ventaglio, generalmente tra due fogli incollati, di cartoncino. Serve per prelevare le foglie d oro dal cuscinetto e adagiarle sulla superficie da decorare. Deve essere leggermente ingrassata per far aderire meglio la foglia e ultimato il lavoro pulita con una spazzola delicata.

•coltello con lama di circa 180/200mm. e larga 25/30mm., affilata quanto basti per tagliare le foglie senza rovinare la pelle che riveste il cuscinetto. Oltre a tagliare la foglia nella dimensione che uno vuole, serve anche per prelevare la foglia dal libretto in cui è custodita. Per far ciò si appoggia la lama del coltello in mezzo alla foglia poi si alita dolcemente si fa sollevare il coltello insieme alla foglia piegata e si spiana sul cuscinetto. La lama va pulita con carta abrasiva di grana finissima.

•brunitoi che servono per lucidare le foglie metalliche applicate. In genere sono di pietra d agata sagomata, molata e lucidata a perfezione ma esistono anche di altre pietre dure, di ematite, di vetro molato, acciaio. Sono sostenute da un manico di legno fissate da una robusta ghiera di metallo. Devono essere ben conservate e protette perché facilmente possono scalfirsi o rompersi

•fornellino elettrico che serve per riscaldare "a bagnomaria" le colle utilizzate

•carte abrasive di diversa grana_..Servono per levigare lo stucco rendendo la superficie liscissima
pietra pomice anch'essa usata per la levigatura

•pennelli di qualità, forma e misure diverse a seconda dell'esigenza. Ogni singola operazione richiede, infatti, un pennello particolare. Devono essere conservati con la massima cura in modo da non deformarli, puliti con solvente, lavati con acqua tiepida e sapone di Marsiglia e infine riposti con cura in appositi astucci. Essi sono generalmente di bue, di tasso, di cinghiale, di martora, di puzzola e di vaio.

 

Strumenti utili ma non indispensabili:

•paglietta d acciaio finissima,

•tornio,

•cavalletti,

•bisturi con lame diverse,

•passino

•stracci,

•pelle di camoscio o di vitello.


I prodotti necessari sono:

•la colla di coniglio,

•gesso di bologna

•sverniciatore,

•terre e tempere (di colore terra di siena naturale e bruciata, terra d ombra bruciata, ocra gialla e nero),

La materia o superficie su cui si può applicare la foglia metallica può essere di diverso tipo e più precisamente:

•il legno

•carta, cartapesta

•cuoio

•tessuti

•intonaco

•vetro

•metalli

•ceramica e porcellana


Noi ci occuperemo dell'applicazione della foglia sul legno.

 



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi717
mod_vvisit_counterIeri1837
mod_vvisit_counterQuesta settim.717
mod_vvisit_counterSettim. Preced.12976
mod_vvisit_counterQuesto Mese24078
mod_vvisit_counterMese Preced.54083
mod_vvisit_counterTotale visite6447211

Online : 33
Today: Ott 14, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information