Home La Ceramica Nuove tecnologie nel restauro della ceramica
La Ceramica
Nuove tecnologie nel restauro della ceramica Stampa E-mail
Arte e Restauro - La Ceramica
Scritto da Barbara Checcucci   

 Barbara Checucci Restauro ceramiche

Nel restauro della ceramica, possono essere applicate nuove metodologie d’indagine non invasive che escludono l’utilizzo di campioni prelevati dalle opere, permettendo al restauratore di procedere nell’intervento di restauro con maggiore consapevolezza utilizzando prodotti specifici e mirati per tale intervento.
Nel campo dei beni culturali la tecnica XRF consente il riconoscimento della composizione superficiale ed eventuali rifacimenti posteriori. Questa metodologia è possibile utilizzarla anche in altri settori, per esempio, nell’ambito del collezionismo per identificare l’autenticità dell’opera.

ceramica xrf 01

La tecnica XRF (X-Ray Fluorescence) permette di realizzare analisi multi-elementari qualitative e quantitative di solidi e liquidi. Il principio su cui si basa è il seguente: in seguito all’irraggiamento del campione in analisi con raggi X si eccitano i suoi atomi che, a loro volta, emettono raggi X caratteristici (cioè la loro energia o la loro lunghezza d’onda varia in base all’elemento che li ha emessi, permettendone l’identificazione). Per quanto riguarda invece l’analisi di tipo quantitativo si prende in considerazione l’area sottesa all’insieme dei picchi corrispondenti ai raggi X caratteristici di un elemento che è proporzionale alla concentrazione relativa dell’elemento stesso all’interno del materiale. Questa rivoluzionaria tecnologia, è stata utilizzata per diagnosticare sia il rivestimento vetroso, sia l’impasto, di alcuni dei dodici vasi da farmacia custoditi presso il laboratorio e sottoposti ad un intervento di restauro conservativo.

ceramica xrf 04




I vasi da farmacia, acquisiti di recente dalla Fondazione A. De Mari di Savona, verranno esposti nei nuovi spazi della Pinacoteca Civica di Savona.


I vasi apotecari del XVII secolo, provengono dalla farmacia privata genovese Cavanna e fanno parte dei prestigiosi corredi farmaceutici liguri che avevano il compito di conservare spezie e preparati medicamentosi.

La decorazione di tipo “orientalizzante naturalistico”, ispirata alla porcellana cinese di esportazione e alla ceramica turca di Iznik, venne introdotta proprio in quel periodo e permise ai centri ceramici albisolesi e savonesi, di conoscere una straordinaria stagione artistico artigianale.


Tale decorazione è stata effettuata su uno smalto di copertura di colorazione azzurrina chiamato berettino, usato dai maiolicati liguri a partire dal XVI secolo. L’analisi della superficie dei vasi è stata condotta con strumentazione XRF portatile Delta Standard 2000 (Innov-X System); l’analisi XRF, nel caso dello strumento in questione, viene effettuata su un’area di 44,67 mm2 per un diametro di 9 mm.

ceramica xrf 05



Le misure sono state effettuate in modalitĂ  soil (tre fasci, con tensione di accelerazione 40 e 15 KV; tempo di acquisizione: 30, 45 e 30 s).
I risultati delle analisi hanno riscontrato che sullo smalto di copertura, le zone di cromia blu chiare e scure, sono state realizzate con un pigmento a base di cobalto (Co).
Nelle aree azzurro chiare sono stati riscontrati tenori bassi di questo elemento (tuttavia sufficienti per la colorazione).
Lo stagno (Sn) e il piombo (Pb) sono principalmente attribuibili alla presenza dello smalto.

 ceramica xrf 02

Anche il potassio (K) potrebbe essere correlato alla presenza del rivestimento vetroso.
L’ Arsenico (As) è attribuibile sia alla presenza di tenori elevati di piombo (Pb), sia alla presenza di cobalto (l’arsenico è infatti associato al cobalto in molti dei minerali da cui viene estratto).

ceramica xrf 03

Nell’impasto ceramico sono stati riscontrati gli elementi costitutivi quali il calcio (Ca), il ferro (Fe) e il potassio (K).
Le analisi sono state realizzate dal Laboratorio di Metallurgia e Materiali del Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale (DCCI) dell’Università di Genova, sotto la direzione del Prof. Paolo Piccardo.

Barbara Checcucci

 

Visite

mod_vvisit_counterOggi6
mod_vvisit_counterIeri1534
mod_vvisit_counterQuesta settim.4873
mod_vvisit_counterSettim. Preced.10515
mod_vvisit_counterQuesto Mese18476
mod_vvisit_counterMese Preced.47196
mod_vvisit_counterTotale visite5921902

Online : 22
Today: Dic 13, 2018

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformitĂ  alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information