Google new 2018

Home La Gommalacca
La Gommalacca
Storia e tecnica della Gommalacca Stampa E-mail
Il Mobile - I Materiali
Scritto da AA.VV   
Indice
Storia e tecnica della Gommalacca
Le varietà della Gommalacca

 

Le molte varietà di gommalacca

 Molto spesso, curiosando tra gli scaffali di un centro per il fai da te, ci si imbatte in gommalacca sotto forma di liquido, venduto a caro prezzo in bottigliette di capacit√† minima. Ci√≤ che molti non sanno √®  che la gommalacca √® normalmente immessa in commercio sotto forma di scaglie.

Gommalacca Gold Lemon

 

Molti di noi, vuoi perché abbastanza fortunati da imbattersi in un centro per il fai da te onesto, o perché residenti in una città dove sopravvive quell'ultima mesticheria, si sono imbattuti in sacchetti di gommalacca in scaglie.

Normalmente si tratta di scaglie di gommalacca comune, dal colore marrone con riflessi arancioni che, una volta applicata, dà al legno delle tonalità arancio-dorate; quelle stesse che fanno rimanere incantati dai riflessi che mobili di pregio così trattati sanno dare, specialmente quando nella stanza dove si trovano filtrano i raggi bassi del sole al tramonto.

Si ottiene fondendo la gommalacca grezza e poi facendola solidificare in sottili strati su mattoni o su cilindri di maiolica.

 


Ma la gommalacca comune arancio-dorata non √® che uno dei tanti tipi di gommalacca disponibili sul mercato professionale, e pi√Ļ difficilmente sul mercato per gli hobbisti. Le molte variet√† di resina si differenziano essenzialmente per il colore, di meno per altre propriet√†. Il tipo di pianta di cui l'insetto si √® nutrito, le particolari condizioni climatiche, la regione dove la raccolta √® avvenuta (ricordiamoci che la gommalacca √® prodotta dal Pakistan all'Indonesia, quindi in un vasto territorio con climi sensibilmente diversi), tutto gioca un ruolo rilevante nel determinare il colore e la qualit√† della gommalacca.

Le variet√† pi√Ļ costose sono le Kusmi e Bysacki, che sono raffinate chimicamente per estrarre le frazioni inquinanti presenti nella gommalacca grezza, come pece e cera; il risultato sono scaglie di colore oro pallido, che talvolta sono immesse in commercio con nomi quali Kusmi Superior o Bysacki Golden. Praticamente non hanno residui cerosi, comunque inferiori al 1%.  Quando sciolte in etanolo, queste scaglie producono una vernice molto trasparente, con una leggera tonalit√† giallo-oro.
All'altra parte dello spettro, la gommalacca grezza, o naturale, è ottenuta in India con semplici procedimenti manuali dallo sticklac.

Altre varietà, che si possono considerare intermedie, le cosiddette Lemon o Lemon-Orange, producono un colore giallo carico; queste ultime sono raffinate, ma ancora contengono cera naturale, al 3-5%. Così come le Buttonlac o Seedlac, gommalacche non raffinate che devono essere filtrate prima dell'uso per eliminarne i molti corpi estranei.

La varietà Seedlac può essere ulteriormente raffinata attraverso candeggio e rimozione della frazione cerosa per produrre la gommalacca bianca, venduta sia in soluzione che ridotta in scaglie. Quest'ultima è normalmente usata laddove la naturale colorazione arancio sarebbe indesiderabile; l'industria cappelliera ne è un esempio, ma anche quando usata su essenze dal colore particolare che non si vuole alterare (ad esempio, l'amaranto, un legno viola del centro e sud America, nome scientifico Peltogyne spp).
La presenza di residui cerosi √® da considerarsi attentamente. Le gommalacche senza cera sono assai pi√Ļ trasparenti e resistono meglio all'umidit√†, in quanto la cera, oltre ad essere opaca, riduce il peso molecolare della resina, rendendola meno resistente all'acqua. Ma √® anche vero che le gommalacche senza cera durano meno a lungo dopo essere state disciolte in alcool (meno di 6 mesi).

Se le scaglie di gommalacca che vi procurate hanno ancora un alto tenore di cera (questo è il caso, ad esempio, del Seedlac), un semplice procedimento domestico la può eliminare.


Curiosit√†: la gommalacca Kusmi prende il nome e le caratteristiche perch√© proveniente da insetti cresciuti su di un albero specifico, il kusum (India). 



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi373
mod_vvisit_counterIeri1995
mod_vvisit_counterQuesta settim.4263
mod_vvisit_counterSettim. Preced.16266
mod_vvisit_counterQuesto Mese38901
mod_vvisit_counterMese Preced.55048
mod_vvisit_counterTotale visite6517082

Online : 22
Today: Nov 20, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information