Google new 2018

Home Le colle nel restauro
Le colle nel restauro
Le Colle nel Restauro Stampa E-mail
Il Mobile - I Materiali
Scritto da Autori vari   
Indice
Le Colle nel Restauro
Preparazione della colla Garavella
Le fasi di una buona presa
Le altre colle

La Colla Caesina

La Colla Caseina ha origini antiche, oggi raramente viene usata nel restauro. Era assai in uso nel XV secolo ed il suo componente principale era il formaggio pecorino come attestano alcuni documenti.

La colla di caseina è a base proteica ed è indicata per incollare superfici non ben levigate. L aggiunta di alcali come soda caustica, ne aumenta il potere collante.

Questo tipo di colla può essere a base di caseina lattica o a base di caglio; quest'ultima ha un minore potere adesivo

In generale, i principali costituenti di una buona colla sono i seguenti: caseina, calce purissima in polvere , borace oppure carbonato di sodio, soda caustica. La durata della colla diminuisce proporzionalmente con la maggior quantità di calce impiegata e con la maggior concentrazione; anche la temperatura ambientale influisce sulla conservabilità della colla che aumenta in inverno.

 

Preparazione della Colla Caseina

Si presenta sotto forma di polvere paglierina o biancastra a grana fine, si trova in commercio già dosata.

Si prepara sciogliendola in acqua tiepida o fredda (le proporzioni sono di circa 1 kg. di prodotto ogni 2-3 litri d acqua) : √® poco pratica da usare poich√© va lasciata "riposare"  per 15 minuti circa dopo aver mescolato la soluzione per circa 15-20 minuti. Va poi adoperata nel giro di qualche ora (5-6 ore) poi  non √® pi√Ļ utilizzabile; si utilizza sia a freddo che a caldo. Il tempo di presa oscilla fra le 5-8 ore in estate e 24 ore in inverno.

Uso della Colla Caseina

Usata a freddo e mescolata all'acqua √® estremamente tenace  e pi√Ļ resistente anche della colla da falegname.

 

Caratteristiche

Costa poco, ed √® resistente all'acqua; √® elastica e di buona resistenza meccanica. Pu√≤ macchiare alcuni legni (soprattutto quelli duri) a causa degli alcali in essa contenuti ed, essendo molto acquosa, pu√≤ gonfiare il legno. Usando le dovute precauzioni per evitare macchie superficiali, viene usata raramente anche  nel restauro.

 

Colla lapin o di coniglio


La colla di coniglio si presenta come dei minuscoli cilindretti che sfarinano facilmente.

Anche se ha un minore potere collante ed ha anch'essa una durata limitata, si mantiene morbida per molto pi√Ļ tempo della colla da bovino. Per questi motivi √® tradizionalmente usata diluita come legante nella formulazione di stucchi assieme al gesso di Bologna e terre coloranti. ( vai alla scheda tecnica della Colla Vallone )

 

Colla di pesce


La colla di pesce si presenta in sottili lastre traslucide ed è usata per la sua purezza e trasparenza anche per usi alimentari. Viene tradizionalmente usata diluita come legante dell'oro in foglia al supporto nella doratura a guazzo.

 

Le Colle Chimiche

Pur non facendo parte delle colle usate nel restauro di mobili importanti, precedenti alla fine dell'Ottocento, penso che nel laboratorio di ogni restauratore non manchi questo tipo di colla, Vinavil, che fu commercializzato intorno agli anni Trenta. La facilità di uso e la disponibilità immediata (non necessita di alcuna preparazione) sono due motivi sufficienti a convincere molti al suo uso. Anche questa colla, come la colla Garavella, può essere usata per la preparazione degli stucchi a base di terre colorate. Consiglio di usare questa colla nel restauro di quei mobili per i quali già in origine fu usata. Pertanto per i soli mobili successivi agli anni 20-30 del Novecento.

Uno dei tipi pi√Ļ utilizzati e l'acetato di polivinilico (PVA) √® a base di resina e va usata fredda. E estremamente tenace, ed il liquido bianco e denso pu√≤ essere usato direttamente dal contenitore.

Non è reversibile, pertanto, una volta fatta presa, se si ha la necessità di separare i pezzi precedentemente incollati sarà impossibile farlo se non rovinando il legno stesso.

 



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi842
mod_vvisit_counterIeri1454
mod_vvisit_counterQuesta settim.10323
mod_vvisit_counterSettim. Preced.11530
mod_vvisit_counterQuesto Mese32847
mod_vvisit_counterMese Preced.50024
mod_vvisit_counterTotale visite6300706

Online : 30
Today: Lug 21, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information