Home Manuali Edilizia Rurale
Manuali Edilizia Rurale
Manuali di Edilizia Rurale Stampa E-mail
Architettura - Bibliografia
Scritto da A.B. Caldini   


pdf_button Manuale per l'edilizia rurale del GAL BORBA - Linee guida per il recupero (39 Mbyte: possono essere necessari alcuni minuti per il download)

Il Manuale  per l'edilizia rurale del GAL BORBA - Linee guida per il recupero" è inteso quale strumento di supporto ai Comuni e ai professionisti nell’ambito delle attivitĂ  di progettazione (ad integrazione della normativa urbanistico edilizia locale e del regolamento edilizio comunale) e nelle procedure connesse al controllo delle trasformazioni territoriali (autorizzazione paesaggistica). Secondo quanto indicato nella scheda di Misura 323 in merito alle “Condizioni attuative” di realizzazione degli interventi di recupero che “dovranno fare riferimento alle tipologie costruttive tipiche della cultura locale ed ai caratteri identitari dei luoghi di grande pregio culturale come previsto dalla strumentazione urbanistica vigente e/o dal regolamento.

Il manuale è curato dagli Arch. A. B. Caldini e Daniela Bosia

pdf_button GAL Borba - Studio per l’individuazione degli elementi tipici del patrimonio naturale locale. Linee guida per il recupero delle connessioni

Il presente lavoro nasce dalla necessitĂ  del GAL Borba, in qualitĂ  di Ente di promozione del territorio, di descrivere il contesto territoriale attraverso la definizione degli elementi caratterizzanti il paesaggio naturale.
Il GAL rappresenta un vasto territorio, un insieme organico di elementi naturali e paesaggistici, e aspira a connettere le proprie specificitĂ  paesaggistiche, architettoniche e culturali, al fine di sostenere la capacitĂ  di accoglienza del territorio verso turisti residenti e visitatori esterni.

Gruppo di Lavoro: Dott.ssa Marina Vitale, Dott.ssa Maddalena Vietti Niclot, Dott.ssa Tania Quercia

pdf_button L'architettura rurale del GAL Montagne Biellesi - Guida al recupero dell'architettura tradizionale

Il documento, nato dall’impegno degli autori che hanno studiato il territorio per oltre un anno in sinergia con le Amministrazioni locali che hanno loro fornito materiale documentale e disponibilità alle interviste, rappresenta uno degli strumenti che i “gestori del territorio” potranno utilizzare per preservare e gestire lo sviluppo del paesaggio.

A cura di: Daniela Bosia, Roberto Marchiano, Rachele Pavesi, Lorenzo Savio

pdf_button GAL Naturalistico Giarolo - Manuale guida per l'individuaione degli elementi detrattori del territorio

Obiettivo del presente lavoro è di costruire uno strumento volto principalmente a predisporre un programma di censimento degli elementi detrattori del territorio in esame, attraverso un’analisi degli stessi nei territori delle Comunità Montane Valli Borbera e Spinti, Curone Grue e Ossona, delle zone dei Colli Tortonesi e del Gaviese coinvolte nella iniziativa comunitaria Leader Plus, al fine di guidare le azioni di recupero
dei valori del paesaggio e dell’architettura tradizionale. In particolare lo studio si propone di selezionare gli interventi e le opere di maggiore impatto per migliorare la qualità del territorio.

A cura dell'Arch. Giulia boioli

pdf_button GAL Terre del Sesia - Manuale per la valorizzazione del paesaggio delle terre del Sesia

Tutelare il paesaggio rurale e recuperare l’architettura tradizionale significa, in effetti, perseguire innanzitutto un obiettivo conoscitivo:
ogni sforzo progettuale volto a preservare dalla cancellazione i valori culturali e l’identità dei luoghi deve, ineludibilmente, fondarsi sulla comprensione dei fenomeni che si sono sedimentati sul territorio indagato e delle relazioni intercorse fra ambiente naturale e presenza antropica.


responsabile scientifico: prof. arch. Barbara Drusi
gruppo di lavoro:prof. arch. Barbara Drusi, dott. arch. Enrico Fabrizio,dott. Gianfranco Airoldi,
Università degli Studi di Torino – Facoltà di Agraria Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

pdf_button Guida alle buone pratiche per il paesaggio rurale - Regione Umbria

L’insediamento storico di matrice agricola costituisce una delle componenti fondamentali che contribuisce a caratterizzare i paesaggi rurali tradizionali. Esso può assumere varie forme, tipi e funzioni nel paesaggio, essendo correlato alle diverse culture, significati, tecniche costruttive ed economie locali.

AUTORI: Sandra Camicia -consulente-, Lunella Ferri-collaboratore - Mariano Sartore -collaboratore -

pdf_button Recupero per l'edilizia rurale alpina nel veneto

La presente pubblicazione raccoglie alcuni contributi dei componenti del gruppo di lavoro coordinato dalla Regione del Veneto, nell’ambito del programma Interreg III B Spazio Alpino, progetto “AlpCity”, denominato “recupero e riuso di edifici rurali e produttivi abbandonati”. I testi e le schede qui raccolti sono una sintesi degli elementi più significativi della ricerca contenuta nel CD-Rom allegato.

Regione Veneto

 pdf_button Guide per il recupero del patrimonio edilizio tradizionale

Atti del Seminario. Il seminario è stato organizzato con il duplice scopo:

  • ° di fornire una panoramica delle esperienze piĂą recenti inerenti la predisposizione di strumenti contenenti indicazioni pratiche, oltre che di metodo e di orientamento, per il mantenimento evalorizzazione del patrimonio edilizio esistente, in coerenza con le peculiaritĂ  storico culturali dei luoghi;
  • ° di promuovere un confronto sull’efficacia di questi strumenti, chiamando a discuterne docenti,professionisti, amministratori, rappresentanti di associazioni di categoria.

Regione Piemonte

pdf_button Manuale sulle caratteristiche architettoniche degli insediamenti rurali

Regione Piemonte

pdf_button Muri a secco e terrazzamenti nel parco dell'Adamello - Linee guida per il recupero

Realizzato nell’ambito del Progetto Speciale Agricoltura promosso dal Parco dell’Adamello con finanziamento della Regione Lombardia, D.G. Qualità dell’Ambiente.

A cura di: Franco Sangiorgi, Paola Branduini, Guido Calvi

pdf_button Tradizione delle terre occitane - Essere comunitĂ  per essere competitivi

Nel mese di dicembre del 2003 i G.A.L. “Tradizione delle Terre Occitane” e “Valli Gesso, Vermenagna e Pesio”, pubblicavano il volume “Recupero edilizio e qualità del progetto” che concludeva il lavoro di predisposizione di un manuale per il recupero dell’edilizia tradizionale locale

Regione Piemonte

 

Visite

mod_vvisit_counterOggi2634
mod_vvisit_counterIeri3356
mod_vvisit_counterQuesta settim.15865
mod_vvisit_counterSettim. Preced.13019
mod_vvisit_counterQuesto Mese32512
mod_vvisit_counterMese Preced.55048
mod_vvisit_counterTotale visite6510693

Online : 46
Today: Nov 16, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformitĂ  alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information