Palazzo Levi già Palazzo Lupi
Palazzo Levi: Le fonti storiche Stampa
Architettura - Archivio Progetti
Scritto da A.B. Caldini   

Acqui Terme (Al) Palazzo Lupi poi Levi (attuale sede municipale)

Analisi delle Fonti Documentarie

La storia di Palazzo Levi (ex Lupi) come Palazzo di Città inizia nel 1909 quando l' edificio viene trasformato da casa privata della famiglia Lupi, acquisita dal cav.Abramo Levi nel 1897, a sede municipale. Tale adeguamento implicò la scomparsa dell'Oratorio di San Giuseppe, al posto del quale venne eretta la torre merlata, e la modifica del prospetto laterale su Corso Roma decorato in stile gotico veneziano.

F.to.1: PALAZZO LUPI POI LEVI (attuale sede municipale)
Prospetto principale su Piazza Abramo Levi
 f.to 2: PALAZZO LUPI POI LEVI (attuale sede municipale)
 Torre civica e prospetto laterale su Corso Roma

Se si ripercorrono a ritroso alcune delle tappe principali relative alla storia del Palazzo di Città, si scopre che la sede originaria del Comune di Acqui era collocata nella Piazza della Cattedrale. Questo primo edificio, che comprendeva anche una torre e alcuni locali destinati al carcere e che mantenne la funzione di Palazzo Pretorio fino all'inizio del XVIII secolo, scomparve con la costruzione del Seminario Maggiore. Nell'agosto del 1730 il Consiglio Comunale della Città deliberò di permutare la vecchia sede municipale con il palazzo degli eredi del Conte Olmi, situato nella Piazzetta Massimo D Azeglio. Questo secondo edificio fu stimato idoneo a diventare nuova sede municipale in quanto già dotato di una torre, nella quale fu successivamente sistemata una campana per convocare le riunioni e segnalare i pericoli o le calamità naturali. Pochi decenni dopo la torre di Palazzo Olmi venne abbattuta e sostituita con una nuova collocata sopra l'arco di Porta Bollente.

Il progressivo sviluppo della citt√† intorno al suo nucleo pi√Ļ antico (quello del Borgo Pisterna) e, nel contempo, il graduale peggioramento dello stato di conservazione di Palazzo Olmi, spinse il Consiglio Comunale a deliberare il trasferimento della nuova sede municipale in Palazzo Lupi, gi√† divenuto Levi.

La costruzione di Palazzo Lupi è invece direttamente ricollegabile alla storia dei Lupi, antica famiglia borghese, già documentata in Acqui nel 1200, che nel corso del XVIII secolo riuscì a nobilitarsi. [Nota 1]

Nota 1: La famiglia Lupi consegue nel 1741 il titolo nobiliare di Conti di Moirano, a dimostrazione del nuovo titolo acquisito su una delle colonne del cortile interno è rintracciabile lo stemma di famiglia con corona comitale

Per affermare la crescita economica e l'evoluzione sociale raggiunta, la famiglia Lupi commissiona la costruzione di questo palazzo, la cui possibile datazione si pu√≤ fare coincidere con la met√† del XVII secolo,  sia per il tipo di colonna impiegata nel portico [Nota 2] che per il fatto che il palazzo risulta esistere gi√† nel 1688 quando viene collegato tramite voltone al vicino Oratorio di San Giuseppe.

Nota 2: Paragonabile a quelle di Casa Bicuti databili con sicurezza al III quarto del Seicento. Casa Bicuti, poi Chiabrera, in Via Biorci, fu eretta dal Vescovo acquese Ambrogio Bicuti negli anni del suo mandato (1647/1675). La notizia √® tratta dal testamento del 10 febbraio 1674 -  A.V.A., Vesc. G.A. Bicuti (1647/75)

Appartiene alla fase seicentesca il corpo ad U dotato di portici, alcune volte del piano terra e l'ampia sala dalle pregevoli decorazioni pittoriche e a stucco che oggi funge da atrio a termine dell'ampio scalone.Le principali trasformazioni ricollegabili al secondo grande cantiere che ha interessato il palazzo durante il XVIII secolo riguardano il piano nobile, suddiviso in molteplici stanze consone al gusto dell'epoca e l'aggiunta di una manica settentrionale, contraddistinta da una lunga galleria e piccole sale stuccate in stile rococò. La distribuzione degli ambienti del piano nobile è descritta in un documento di tipo fiscale, datato 1794, in cui l'organizzazione interna risulta già del tutto simile a quella attuale. [Nota 3].

Nota 3: A.S.C., Visita alle case d Acqui del giugno 1794, Palazzo dell'ill.mo Conte Lupi

Grazie a questo documento √® stato possibile contenere in termini pi√Ļ ravvicinati la datazione delle decorazioni delle sale del piano nobile.  In base a queste considerazioni, data la quasi totale assenza di documentazione relativa alle varie fasi edilizie subite dal palazzo prima dell'et√† contemporanea, si suppone che la maggior parte dell'apparato decorativo, sia pittorico che plastico, sia stato realizzato proprio negli anni a cavallo tra il XVIII e il XIX  secolo.

Nel 1897 il palazzo, con l'annessa chiesa chiusa al culto, viene acquistato dal Cavaliere Abramo Levi, che in punto di morte decide di donarlo alla Pubblica Amministrazione (1909), a patto che ne divenisse sede ufficiale.

E da questo momento in poi che la documentazione sul palazzo si fa pi√Ļ consistente. Di quest'ultimo grande cantiere (1910/1911) √® conservata un ampia documentazione, grazie alla quale √® possibile ripercorrere fin nel dettaglio i lavori di adeguamento del palazzo, nato per assecondare le esigenze di lustro di una grande famiglia e destinato ad ospitare infine i pubblici uffici. In un rogito notarile del 1910, conservato presso l'Archivio Storico Comunale, vengono puntualmente descritti (nel Capitolato di Appalto allegato) i lavori di adattamento a sede comunale del palazzo, che prevedono:

¬ę[...] la demolizione dell'Oratorio di San Giuseppe, il rialzamento del corpo di fabbrica coerente all'Oratorio a prospiciente la Piazza Roma con elevazione di una torre sull'angolo della piazza colla Via San Giuseppe, la costruzione di un corpo di fabbrica a tre piani in prolungamento di quello rialzato verso la Piazza Roma, l'ampliamento del fabbricato verso il cortile (con costruzione di latrine), il trasferimento della scala sud, la soppressione della scala ad est'e la costruzione di uno scalone di ingresso in Piazza Roma, la formazione di un nuovo prospetto in Piazza Roma, la costruzione e demolizione di muri diversi, la soppressione di aperture di porte e finestre per trasferire l'edificio secondo nuova pianta, opere di straordinaria manutenzione e finiture varie [...] >> Nota 4]

Nota 4: A.S.C., faldone n.571, sezione: III (1900/1954), categoria: X lavori pubblici, classe: IX fabbricati di proprietà del Comune, anno: 1910/1915

Viene infine realizzata la Sala del Consiglio, anch'essa riccamente decorata a stucco e provvista di una tribuna balconata grazie alla quale la popolazione poteva assistere alle sedute consiliari. Di questo grosso intervento edilizio, deliberato dal Consiglio Comunale e dal Sindaco di allora, Cavaliere Pietro Pastorino, esiste un ampia documentazione, corredata da planimetrie, disegni e libri contabili, con inclusi gli elenchi delle imprese che parteciparono ai lavori, le note (ossia le spese) sostenute e soprattutto preziosi ragguagli in merito ai materiali impiegati.

In tempi recenti, anni Novanta, nell'ambito del generale intervento di riqualificazione del centro storico acquese, i prospetti esterni del Palazzo sono stati oggetto di ristrutturazione edilizia, con operazioni puntuali di restauro conservativo relativamente alla decorazione delle lunette sopra finestra e dei trilobi.

Risale, invece, al 1995 il restauro conservativo di nove dipinti lignei sovrapporta interni, raffiguranti vedute romane .

Descrizione degli apparati decorativi del piano nobile

L attuale configurazione planimetrica di Palazzo Levi deriva dalla fusione tra l'originario corpo di fabbrica seicentesco, riconoscibile nella struttura ad U porticata e il prolungamento delle due maniche laterali.

Il prospetto principale su Piazza Levi (foto n.1), sviluppato su tre livelli, √® completamente intonacato e collegato all'angolo destro con la torre merlata, riccamente decorata, fatta costruire dopo la demolizione dell'Oratorio di San Giuseppe per congiungere il corpo seicentesco con il prospetto su Corso Roma  (foto n.2).

Il prospetto laterale, anch'esso intonacato, si distingue per la particolare decorazione in stile gotico veneziano dei primi del 900, sia pittorica (fregio, trilobi, archetti, bifore e trifore) che plastica (balconi, bassorilievi, archetti e peducci).


Gli interni del palazzo

Da Piazza Levi, attraverso un portale lapideo si accede al cortile interno porticato, proseguendo sulla sinistra lungo un ampio scalone seicentesco, si raggiunge il piano nobile e si accede all'ampia sala dalle pregevoli decorazioni pittoriche  e plastiche che oggi funge da atrio. La volta dell'atrio (presumibilmente ottocentesca), a padiglione, √® stata decorata a secco e presenta motivi ornamentali di tipo floreale con modanature architettoniche realizzate con la tecnica del trompe l'oeil (foto n.3).  

F.to 3: PALAZZO LUPI POI LEVI (attuale sede municipale)
Piano nobile: particolare della volta dell'atrio

Al centro della volta, racchiuso all'interno di una ricca cornice a stucco, si trova un affresco raffigurante alcuni abitanti dell'Olimpo (foto n.4) il cui nome rimanda ai pianeti del sistema solare:

 F.to 4: PALAZZO LUPI POI LEVI (attuale sede municipale)
Piano nobile: veduta d insieme dell'affresco centrale

della volta dell'atrio

 F.to5: PALAZZO LUPI POI LEVI (attuale sede municipale)
Piano nobile: particolari dell'affresco centrale

della volta dell'atrio

il Sole e la Luna (foto n.5) sembrano infatti presiedere una specie di consesso cui partecipano

  

Giove, Saturno Urano (?), Marte, Mercurio, Venere e Cupido ( foto nn.6-7-8-9).   A parte, per√≤, alcune bizzarre irregolarit√† iconografiche, come il seno scoperti di Diana, i baffetti fin-de-si√®cle di Marte o l'inopportuna metamorfosi di Giove in aquila, il rebus √® la presenza di un ignota divinit√† che, dotata di corona e manto regale, pare indicare il cielo.

 

F.to 6: PALAZZO LUPI POI LEVI (attuale sede municipale)
Piano nobile: particolari dell'affresco centrale della volta dell'atrio
 

F.to 7: PALAZZO LUPI POI LEVI (attuale sede municipale)
Piano nobile: particolari dell'affresco centrale

della volta dell'atrio

Questo personaggio potrebbe indicare un altro pianeta, ma non è facile stabilire quale. Nettuno e Plutone, infatti, vengono avvistati per la prima volta rispettivamente nel 1846 e nel 1930; in ogni caso, l'immagine in questione, così come oggi appare, non rispetta l'iconografia classica relativa ai due divini fratelli di Giove. Resta a questo punto solo Urano, scoperto nel 1781, ma battezzato in un primo periodo con il nome del suo scopritore. Tra l'altro, il corrispettivo olimpico di questo pianeta (Urano, cioè il Cielo) è raffigurato molto raramente.

 

F.to 8: PALAZZO LUPI POI LEVI (attuale sede municipale)
Piano nobile: particolari dell'affresco centrale della volta dell'atrio
 

F.to 9: PALAZZO LUPI POI LEVI (attuale sede municipale)
Piano nobile: particolari dell'affresco centrale della volta dell'atrio

Al punto che non esiste un preciso canone figurativo cui potere fare riferimento per un eventuale riconoscimento. Se si accetta questa interpretazione, si deve ammettere che l'affresco √® stato realizzato pi√Ļ tardi rispetto all'apparato decorativo seicentesco dell'atrio, postadandone l'esecuzione almeno alla met√† del XIX secolo; in caso contrario, e sino a quando non sia possibile verificare se e in quale misura il dipinto √® stato sottoposto a ridipinture, ci si deve limitare a lasciare sospesa l'identificazione della divinit√† in questione, rinunciando anche, per√≤, ad individuare il nesso dialogico che questo specifico gruppo di figure, queste e non altre, sottintende.

Superando l'atrio, ci si immette nel corridoio (rivolto ad est) le cui pareti sono completamente decorate con pannellature a stucco in bassorilievo, a tema prevalentemente floreale. Le prime due camere a destra del corridoio hanno le volte dipinte (presumibilmente ottocentesche): la prima (oggi adibita a Segreteria della Presidenza del Consiglio Comunale) a motivi floreali racchiusi all'interno di pannellature geometriche, la seconda (oggi adibita a Presidenza del Consiglio Comunale) a motivi floreali e figurativi, in entrambi i casi si tratta comunque di pitture eseguite a secco . Tutte le altre sale del piano nobile non presentano soffitti dipinti.

Proseguendo oltre si accede alla manica settentrionale del palazzo (foto n.10), collegata al corpo originario nel XVIII secolo e anch'essa riccamente decorata: a questa fase edilizia corrisponde la galleria e le sale stuccate in stile rococò e la suddivisione del piano nobile in molteplici stanze consone al gusto dell'epoca. Degna di menzione è la decorazione della Sala della Giunta (non oggetto di intervento) caratterizzata da un soffitto stuccato con il motivo ricorrente delle stagioni e dall'ornamentale arredo ligneo con cornici sovrapporta raffiguranti vedute romane.

F.to 10: PALAZZO LUPI POI LEVI (attuale sede municipale)
Piano nobile: veduta d insieme del corridoio nord 

F.to 11: PALAZZO LUPI POI LEVI (attuale sede municipale)
Piano nobile. Sala consigliare: particolare della decorazione a stucco

Immettendosi nell'ala del corridoio rivolta su Corso Roma si accede alla Sala Consigliare, completamente decorata con pregevoli stucchi e caratterizzata da un soppalco anch'esso decorato che permetteva di assistere alle riunioni del Consiglio Comunale, tramite una balaustra (foto n.11).

 

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information