Home Pittura su Tela Restauro tele di Nardo
Pittura su Tela
Restauro tele di Nardo Stampa E-mail
La Pittura - Pittura su Tela
Scritto da Francesca R. Melodia   
Indice
Restauro tele di Nardo
Supporti particolari
Un Sistema di Supporti per collocazioni "particolari"
Chiesa di S.Giuseppe Patriarca - Nardò (LE)





DIREZIONE LAVORI

Vincenzo Pugliese - Direttore Storico dell'Arte

Soprintendenza per i Beni Artistici della Puglia




FINANZIAMENTO LAVORI

Provincia di Lecce






L' analisi ravvicinata dei dipinti ha evidenziato la presenza di abbondanti stuccature e di alterazioni, dovute alle relative ridipinture, lungo i margini e sulle zone interessate da buchi e tagli.
Sul verso dei dipinti erano rigirati, solo in qualche piccolo tratto, i bordi originali ma in generale pochi millimetri di colore originale, mentre il dipinto sul pulpito era ritagliato accuratamente; inoltre, il tipo di tela è risultato essere di canapa per tutti i dipinti, anche se quella del dipinto raffigurante Il sogno di Giuseppe (cantoria sn.) era di filatura più robusta ed a trama più grossa.
Il distacco delle opere dalla sede non ha reso necessaria la velinatura dato che i chiodi, oramai arrugginiti,si spezzavano con estrema facilità lasciando libere le tele.











Soggetto nr. 1





Autore: Ignoto

Tecnica: Olio su tela cm. 71x62

Datazione: XVIII secolo














Soggetto: "Presentazione del Bambino ai Pastori"


Collocazione: Parte inferiore del pulpito




















Soggetto nr. 2





Soggetto: "Scene dalla Fuga in Egitto"

Autore:Ignoto

Tecnica: Olio su tela

Datazione: XVIII secolo











Il sogno di Giuseppe

cm. 66x66
Adorazione dei Magi

cm. 66x81,5
Annuncio della fuga in Egitto

cm. 65,5x63



Collocazione: Balcone della cantoria










L' intervento di restauro è stato avviato effettuando, nelle zone che lo richiedevano, fermature di colore con colletta ed in previsione della pulitura, un preventivo miglioramento della superficie, con apporto di umidità, interponendo un foglio di melinex e uno di feltro durante la stiratura per evitare che le sovrapposizioni si marcassero sulla pellicola pittorica originale.


La Pulitura


In seguito sono stati eseguiti i test'di solubilità per individuare la miscela solvente idonea alla rimozione delle ridipinture e dello sporco depositato sul colore.

Con Cicloesilammina diluita in Acqua demineralizzata (1:5), si riusciva ad asportare solo lo sporco sedimentato mentre, localmente, aumentando la quantità di reagente si otteneva un ammorbidimento delle ridipinture ed anche delle stuccature che venivano in seguito asportate a bisturi.
Dopo un lasso di tempo, utile all'evaporazione dei liquidi dal substrato, è stata effettuata la velinatura della superficie pittorica con l'uso di carta giapponese e colletta, fissando le opere al piano di lavoro.

Si è proseguito con l'asportazione dal verso di materiale estraneo, l'assottigliamento della cucitura del dipinto raffigurante l'Adorazione dei Magi ed infine, la pulitura particolareggiata delle zone deformate a causa delle scodellature dei materiali pittorici;


Gli inserti e la foderatura


Infine sono stati eseguiti inserti di tela, (puro lino simile all'originale apprettato a colla), nelle lacune del supporto, incollati perimetralmente con adesivo Purbinder PA711.


La foderatura è stata compiuta adoperando tela di puro lino, tipo DM10 per i dipinti con lo stesso supporto, e tipo R111 per il dipinto con il tessuto più pesante, con l'uso della tradizionale colla pasta (Nota 1), le prime stirature sono state condotte interponendo un foglio di melinex per trattenere l'umidità e consentire il graduale miglioramento delle deformazioni. Dopo la rimozione della velina protettiva è stata ultimata la pulitura del colore sia dai residui di colletta, con spugnette inumidite d acqua, sia con mezzi meccanici per la rimozione dei residui di sporco ridipinture e stuccature.









Nota 1:  La scelta dell'adesivo per l'esecuzione della foderatura si è basato, oltre che sulla compatibilità dei materiali, sulla necessità di migliorare le pessime condizioni che la superficie delle opere presentava; infatti le deformazioni che interessavano colore e preparazione e di conseguenza la tela di supporto, erano tali da richiedere l'uso di un adesivo che garantisse la distensione delle suddette deformazioni.














 

Visite

mod_vvisit_counterOggi1134
mod_vvisit_counterIeri1288
mod_vvisit_counterQuesta settim.1134
mod_vvisit_counterSettim. Preced.11610
mod_vvisit_counterQuesto Mese33932
mod_vvisit_counterMese Preced.45927
mod_vvisit_counterTotale visite6200436

Online : 29
Today: Mag 20, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information