Home Il Crocefisso di Confortino
Il Crocefisso di Confortino
Restauro del Cristo in cartapesta Stampa E-mail
Arte e Restauro - La Cartapesta
Scritto da G. Brigante   
Indice
Restauro del Cristo in cartapesta
Stato di Conservazione
Consolidamento
Pulitura
La stuccatura
Integrazione pittorica
Conclusioni e Ringraziamenti
Bibliografia

Liberanete tratto dalla Tesi di laurea su "Il restauro del  Cristo in Cartapesta situato nell'Oratorio di san Francesco in  Confortino"

Fonte: Accademia di Belle Arti Bologna

Corso di Metodologie della Conservazione e del Restauro del Patrimonio artistico-culturale

Indirizzo di restauro dei dipinti murali e scultura applicata all'architettura

Testi di : Gabriella Brigante

Relatore: Prof. William Lambertini

Correlatore: Prof. Alfonso Panzetta

***

Vai alla     Photo Gallery  dell'Oratorio di San Francesco in Confortino

Photo Gallery del Restauro del Cristo in Cartapesta

Integrazione pittorica

Per una corretta metodologia, la reintegrazione pittorica delle lacune deve essere distinguibile dall'originale e reversibile, cioè deve poter essere asportata senza danneggiare l'originale. Essa deve dunque ricostruire il tessuto figurativo ristabilendo un collegamento formale e cromatico.

Si sono utilizzati, quindi, i colori a tempera per creare la base che poi accoglierà i colori ad acquerello.

In seguito si uniscono i pigmenti con acqua: essi sono stati scelti per dare uniformità all'incarnato, perciò si sono uniti il bianco, il blu cobalto, la terra naturale e bruciata e la resina acrilica (Primal al 20%) per dare coesione al fondo.

Restauro della Cartapesta Restauro della Cartapesta

Preparazione delle tempere

Successivamente si sono effettuate varie prove sull'opera, naturalmente nella parte posteriore per riuscire a ricreare un tono inferiore rispetto al colore originale.

Raggiunto tale scopo con l'ausilio di pennelli, si stende il colore a strati sovrapposti, evitando di contornare la stuccatura, ma creando una continuità con l'originale.

Le pennellate non devono essere nette, di conseguenza bisognerà incrociarle.

Restauro della Cartapesta Restauro della Cartapesta

Integrazione pittorica a tempera

Anche per la zona del perizoma si esegue lo stesso procedimento utilizzato per l'incarnato, variando però il colore di base: ocra gialla associata al bianco.

Restauro della Cartapesta

Questa operazione si è utilizzata anche per eliminare, soprattutto nella parte vicina al perizoma e nelle parte posteriore, le varie prove di pulitura effettuate precedentemente.

Ultimato l' intervento con la tempera, si procede a fissarlo mediante l'applicazione delle gomma lacca decerata al 5%, che possiede un alto potere adesivo e una buona penetrazione.

Per ultimare l' integrazione pittorica delle lacune, si procede con leggere velature ad acquerello, che permettono di ristabilire l' uniformità della superficie, senza mai rischiare di alterare lo strato pittorico che ricopre, essendo questa una tecnica trasparente e reversibile.

Integrazione pittorica ad acquerello

Dovrà essere una ricostruzione invisibile alla normale distanza richiesta dall'opera, ma facilmente individuabile da vicino.

Per poter ricollocare il Cristo sulla croce, si è reso utile inserire dei perni in vetroresina ancorati con resina poliestere sul retro dell'opera (dove erano presenti due fori che probabilmente ospitavano spine di sostegno andate perdute o rimosse in precedenti interventi. ndr)

Ultimato l'intervento di restauro, l'opera viene definitivamente ripristinata sul suo supporto originario.

Restauro della Croce lignea

Pulitura

Poichè la croce era ricoperta da depositi incoerenti e da pulviscolo atmosferico, si è proceduto alla loro rimozione con un pennello, mediante spolveramento a secco.

Successivamente, per una pulitura più efficace, si sono utilizzati dei tamponcini imbevuti in acqua distillata.

Restauro della Cartapesta

Disinfestazione globale cautelativa.

Il legno è un materiale vivo , nel senso che, anche dopo molti anni, mantiene una certa capacità di reazione all'ambiente, quindi è soggetto ad attacchi di insetti xilofagi e da microrganismi: perciò si è reso necessario effettuare una disinfestazione della struttura utilizzando il fungicida Perixsil.

Stuccatura delle lacune.

Lo stucco utilizzato è costituito da gesso di Bologna e colla di coniglio.

Esso funge sia da preparazione per ristabilire la doratura lungo il perimetro della croce, sia per dare continuità alla struttura.

La Croce lignea restaurata

Reintegrazione della doratura.

Per ripristinare la doratura è stata utilizzata la tecnica a bolo , dovendo dorare una superficie estesa. Essa consiste nello stendere delle foglie d oro su uno strato di terra rossa: il bolo. Questo permette di scurire la superficie dorata e di ottenere una doratura luminosa e liscia. Grazie a un gioco di trasparenze, il bolo crea nell'oro dei riflessi rossi. La foglia d oro successivamente viene brunita , cioè lucidata con una pietra d agata.

Integrazione pittorica

Per ristabilire il collegamento cromatico interno della croce, si è effettuata un integrazione pittorica ad acquerello mediante velature sovrapposte.

Montaggio

Ultimato il restauro della croce si procede al montaggio di tutte le sue parti.

Prodotti utilizzati

 

Vinapas:

Resina epossidica:

Carbonato d’ammonio:

Carbopol:

C2000 tensiattivo:

Amberlite 6744OH:

Amberlite ir120H:

Solvent Gel:

Acido acetico:

Ammoniaca:

Polpa di carta:

White Spirit:

Gomma lacca:

Resina poliestere:

resina acrilica (primal )AC33 associata alla resina vinilica

polimero termoindurente.

è un sale d’ ammonio dell’acido carbonico.

acido poliacrilico.

derivato dall’ossido di etilene.

resina a scambio ionico anionica forte.

resina a scambio ionico cationica forte.

pulente altamente efficace e controllabile, contiene tensioattivi e liminene.

 acido debole, utilizzato per puliture leggere, miscelabile in acqua.

è un composto dell’azoto di formula chimica NH3.

supportante cellulosico per impacchi.

liquido limpido, miscela di idrocarburi insolubile in acqua, miscibile con molti solventi organici.

resina animale.

Resina sintetica, quella insatura è un liquido più o meno viscoso di colore giallo paglierino che indurisce con l'aggiunta di catalizzatore.


 



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi50
mod_vvisit_counterIeri2084
mod_vvisit_counterQuesta settim.50
mod_vvisit_counterSettim. Preced.16266
mod_vvisit_counterQuesto Mese34688
mod_vvisit_counterMese Preced.55048
mod_vvisit_counterTotale visite6512869

Online : 24
Today: Nov 18, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information