Home Il Crocefisso di Confortino
Il Crocefisso di Confortino
Restauro del Cristo in cartapesta Stampa E-mail
Arte e Restauro - La Cartapesta
Scritto da G. Brigante   
Indice
Restauro del Cristo in cartapesta
Stato di Conservazione
Consolidamento
Pulitura
La stuccatura
Integrazione pittorica
Conclusioni e Ringraziamenti
Bibliografia

Liberanete tratto dalla Tesi di laurea su "Il restauro del  Cristo in Cartapesta situato nell'Oratorio di san Francesco in  Confortino"

Fonte: Accademia di Belle Arti Bologna

Corso di Metodologie della Conservazione e del Restauro del Patrimonio artistico-culturale

Indirizzo di restauro dei dipinti murali e scultura applicata all'architettura

Testi di : Gabriella Brigante

Relatore: Prof. William Lambertini

Correlatore: Prof. Alfonso Panzetta

***

Vai alla     Photo Gallery  dell'Oratorio di San Francesco in Confortino

Photo Gallery del Restauro del Cristo in Cartapesta

CONCLUSIONI

Ultimato l'intervento di restauro, spero di riaver ripristinato quell'integrità che era venuta a mancare all'opera, nell'intento che la sua interezza possa ristabilire quel contatto tra uomo e divino.

L opera ora dovrà essere collocata in un ambiente protetto per evitare sbalzi di temperatura e di umidità, bisogna evitare che si verifichino attacchi microbiologici (come ad esempio di batteri cellulositici, che distruggono la cellulosa con gravissime conseguenze) o di insetti xilofagi (coleotteri o isotteri come le termiti).

Per questo motivo, non è consigliabile che esso venga ricollocato nell'oratorio di San Francesco in Confortino, a causa dell'umidità che ne caratterizza l'ambiente, almeno fino a quando non si effettuino gli interventi di recupero e restauro sopra indicati.

Dalla mia ricerca è emerso che probabilmente furono i Leccesi ad apprendere l'arte della cartapesta dai Bolognesi, ma quest'ultimi la consideravano, al pari dei loro committenti, materiale vile, quindi ciò ha fatto sì che non ci fosse quell'amore, quella costanza, quella passione che ha caratterizzato le opere dei cartapestai salentini: infatti, a Lecce, l'evoluzione della cartapesta è stato un fenomeno unico che non si è ripetuto in nessun altro posto.

Gran parte degli statuari erano delle persone semplici ed oneste, animati solo da una grande passione per quest'arte. Certamente non cercavano la ricchezza (nessuno di loro risulta sia mai diventato ricco), ma un po di gloria sì.

Nel caso delle cartapesta c è da dire che mai due statue potranno essere identiche, perché queste, nel corso delle varie fasi della lavorazione, vestitura, focheggiatura, dipintura, assumevano ognuna una fisionomia, un panneggio ed un portamento proprio.

Perciò possiamo dire che sono dei veri e propri pezzi unici.

Mi auguro che la gente si avvicini all'arte della cartapesta e la scopra con volontà e pazienza, perché essa, considerata arte minore, racchiude in sé capacità di modellare, dipingere, esprimersi, suscita inventiva ed estro. Quindi non meno importante delle Arti cosiddette maggiori.

Questa plurisecolare arte, che a Lecce ha trovato inimitabile realizzazione, vive ancora grazie all'amore, alla fede e alla ferrea volontà di fermare il tempo che anima

107

gli ultimi cartapestai. Dovremo appunto conoscerla affinché essa ci possa stupire e travolgere. Solo così quest'arte può diventare eterna.

RINGRAZIAMENTI

Per la buona, almeno spero, riuscita di questa tesi, sono state fondamentali delle persone che vorrei ringraziare per il loro aiuto sia didattico che morale.

Vorrei iniziare con il mio relatore, William Lambertini, il quale mi ha dato sempre consigli utili per la buona riuscita del lavoro e per aver avuto fiducia in me, assegnandomi il restauro del Cristo.

Il mio correlatore, Alfonso Panzetta, sempre presente per le ricerche bibliografiche avendomi prestato libri a lui molto cari.

I miei genitori per avermi dato la possibilità economica di studiare fuori e quindi di non avermi ostacolata nelle mie scelte anche se ciò presupponeva un allontanamento da loro.

I miei fratelli, sempre presenti, i quali hanno dovuto sopportare, soprattutto in questo periodo, le mie angosce e i miei scleramenti .

Mauro, il quale è stato fondamentale per la realizzazione del power point, visto che le mie conoscenze informatiche, sono, diciamo un po scarse e limitate.

Stefano, il quale ha vissuto intensamente questo periodo di esaurimento , sempre pronto a tranquillizzarmi e a darmi dei consigli utili, colgo l'occasione per tranquillizzarlo dicendogli che non sono sempre così.

Concludo ringraziando Gloria, che ha intrapreso con me, questo lungo viaggio durato tre anni, sempre pronta a tirarmi su nei momenti difficili che la vita ci pone ad affrontare e per le innumerevoli mattine, riportata alla luce dall'aroma del cappuccino caldo, il quale dava un ottimo stimolo iniziale per affrontare un'altra giornata di studio e di ricerca.



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi50
mod_vvisit_counterIeri2084
mod_vvisit_counterQuesta settim.50
mod_vvisit_counterSettim. Preced.16266
mod_vvisit_counterQuesto Mese34688
mod_vvisit_counterMese Preced.55048
mod_vvisit_counterTotale visite6512869

Online : 24
Today: Nov 18, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information