Palazzo Migliazzi e Colonna

L’ edificio, attualmente in stato di assoluto abbandono, è passato di proprietà dall’Ispettoria Salesiana Novarese Alessandrina  al gruppo S.P.F. che, dopo un attenta campagna diagnostica, durata circa un anno, di analisi e valutazione dell’effettivo valore storico


 Scarica l’articolo uscito sulla rivista “Recuperare l’edilizia” 

 Scarica la Brochure sul “Restauro di Palazzo Migliazzi”

Un progetto di edilizia sostenibile 

 

vai all’articolo di approfondimento

Palazzo Polastri, meglio conosciuto come Palazzo Migliazzi e Colonna si trova a Frugarolo un piccolo paese dell’alessandrino.

  Palazzo Migliazzi: stato di abbandono prima del restauro

  



L’ edificio, attualmente in stato di assoluto abbandono, è passato di proprietà dall’Ispettoria Salesiana Novarese Alessandrina  al gruppo S.P.F. che, dopo un attenta campagna diagnostica, durata circa un anno, di analisi e valutazione dell’effettivo valore storico e artistico (il palazzo è vincolato ai sensi del D.Lgs. 42/2004 Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio), ha deciso di procedere al recupero conservativo del pregiato immobile per insediarvi la propria sede.

Palazzo Migliazzi: particolare dello scalone interno
 

Il progetto di restauro, redatto per la parte artistico-architettonica e nuova destinazione d uso dall’arch. Antonella B. Caldini specialista in restauro dei monumenti con studio in Acqui Terme (AL) e per la parte strutturale dall’ing. Massimo Devecchi con studio in Tortona (AL), è già stato regolarmente approvato ed autorizzato dalle Soprintendenze piemontesi (quella per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e la consorella per i Beni architettonici e per il Paesaggio) che hanno seguito con interesse la proposta del recupero dell’edificio storico.

Palazzo Migliazzi: particolare del portone

L’ intervento che avrà inizio a breve richiederà anzitutto il consolidamento strutturale della copertura e della scatola muraria con conseguente messa in sicurezza di tutti gli apparati decorativi pittorici e plastici sia interni che esterni.

L’ edificio conserva infatti significative decorazioni che interessano sia la facciata che gli ambienti interni e che assumono particolare valenza nelle pareti dello scalone di rappresentanza, magistralmente realizzato con tecnica a trompe d oeil in chiaroscuro.

Il recupero di Palazzo Migliazzi sarà realizzato nel rispetto della logica costruttiva e materica della fabbrica originaria, cercando di garantirne la conservazione ma favorendo al tempo stesso il riuso dell’edificio che per troppi anni è stato lasciato in stato di progressivo degrado.

La rifunzionalizzazione del palazzo richiederà la predisposizione ed installazione di nuovi impianti tecnologici con sofisticati sistemi per il contenimento energetico.

 Palazzo Migliazzi: vista posteriore

Uno degli obiettivi principali del progetto di restauro, già ammesso a contributo da parte della Soprintendenza agli Architettonici, sarà proprio quello di poter essere adottato come “progetto pilota” nel recupero degli edifici storici, garantendo l’adeguamento alle nuove esigenze legate alla destinazione d uso, pur nel rispetto delle componenti originali

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »