Home Storia della Cartapesta La Cartapesta Bolognese
La Cartapesta Bolognese Stampa E-mail
Arte e Restauro - La Cartapesta
Scritto da G. Brigante   
Indice
La Cartapesta Bolognese
La statuaria chiesastica
La Cartapesta emiliana
Soggetti pi√Ļ diffusi
Processi di Lavorazione
Per durare nei secoli
Dialogo tra Lecce e Bologna

Liberanete tratto dalla Tesi di laurea su "Il restauro del  Cristo in Cartapesta situato nell'Oratorio di san Francesco in  Confortino"

Fonte: Accademia di Belle Arti Bologna

Corso di Metodologie della Conservazione e del Restauro del Patrimonio artistico-culturale

Indirizzo di restauro dei dipinti murali e scultura applicata all'architettura

Testi di : Gabriella Brigante

Relatore: Prof. William Lambertini

Correlatore: Prof. Alfonso Panzetta

***

Successivamente, sono stati messi a punto processi di lavorazione personali, sperimentando misture, collanti e antiparassitari, rendendo l'opera finita idrorepellente e ignifuga, oltre che, con accorgimenti ingegnosi, resistente e indeformabile.

La cartapesta si usava anche per le maschere carnevalesche e teatrali, che a Venezia si producevano anche di ceramica.

I bolognesi Angelo Piò e Filippo Scandellari l'applicarono alla statuaria per le chiese, seguendo la tecnica che il Sansovino aveva impiegato nei bassorilievi: un sottile strato sullo stampo ( le forme sono suddivise in pochi segmenti) e le cavità rinforzate all'interno con tele incollate.

Colui che dette inizio alla bottega faentina della cartapesta per fabbricare statue non effimere, ma realizzate per durare nei secoli, fu Ballanti-Graziani, in collaborazione con il figlio Giovan Battista.

Dei Ballanti, nel collegio Emiliani, a Fognano, c è un gruppo di Maria col Bambino fra due santi domenicani, modellato con spesse carte incollate, gessate, quindi, dipinte; è uno degli esemplari presenti in Romagna e, per gli atteggiamenti e per i profili che la caratterizzano, sembra essere di scuola bolognese.

A metà del 1700 i Ballanti modificarono il procedimento fino ad ora seguito: allestirono stampi suddivisi in molti pezzi aperti, per premervi un buono strato (da 6 a 10 mm.) di pasta ben sfibrata da lunga macerazione, a volte bollita in caldaia, per affinarla senza alcun collante, togliendo l'acqua in eccesso con spugne.

Una volta asciutti, i pezzi erano foderati sul rovescio con lembi di tele sottili, applicati con colla di farina impastata con aceto salato, ad evitare muffe nel tempo.

Una volta secche, le parti si toglievano dallo stampo e venivano unite con cuciture a mano, a refe e radi tocchi di colla da falegname.

La cartapesta faentina è quindi uno stucco di carta , macerata in acqua, nella quale si sfibra e perde nerbo dopo essersi liberata degli additivi:colla, talco, coloranti di cui era caricata.

 

 Storia della Cartapesta  Storia della Cartapesta

Ballanti Graziani Giovanni Battista, Monumento a Romano Alfonso Gavina, 1816, stucco, Faenza,

Chiesa del Suffragio.

Ballanti Graziani Giovanni Battista Demetra, Forlì, Palazzo Manzoni, Scalone.

 

 

La carta ingombrava i vani appartati della bottega, fino al giorno in cui veniva sminuzzata e messa in ammollo in capienti mastelli.

Nella stagione calda, l'afrore della fermentazione ristagnava, nonostante il frequente ricambio dell'acqua.

Preferita era la carta fibrosa dei giornali, anche la tolentino (gialla come la paglia da cui era tratta) degli alimentaristi del cartone per imballaggio. Non veniva utilizzata la carta patinata e lucida, perché sovraccarica di talco e collanti.

La pasta di carta nuova (di cartiera) non aveva dato buona prova, poiché, al pregio di esser bianca e non olente, univa il difetto di non essere stabile: la fibra giovane,

nell'asciugarsi, si restringeva di un 10%, quanto bastava per compromettere l'assemblaggio della statua. Il tentativo di utilizzarla fu ripetuto pi√Ļ volte, poich√© a due passi da Faenza, sulla strada per Brisignella, c era la Cartiera fondata nel 1675 dal bolognese Giovanni Antonio Passerini, attiva fino agli inizi del Novecento.

La cartapesta, strizzata dall'umidità superflua, ha moderata plasticità: non è duttile come la creta, ma obbedisce alle stecche e preferibilmente premuta piuttosto che condotta dai pollici, aderisce bene nello stampo.

 



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi1349
mod_vvisit_counterIeri1897
mod_vvisit_counterQuesta settim.8901
mod_vvisit_counterSettim. Preced.14471
mod_vvisit_counterQuesto Mese42885
mod_vvisit_counterMese Preced.56641
mod_vvisit_counterTotale visite6052149

Online : 38
Today: Feb 22, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information