Home ... tutto Arte e Artigianato ... Il Restauro di Villa Tempia, Birandizzo (To)
... tutto Arte e Artigianato ...
Il Restauro di Villa Tempia, Birandizzo (To) Stampa E-mail
Arte e Restauro - Arte & Artigianato
Scritto da Pierpaolo Masoni   
Indice
Il Restauro di Villa Tempia, Birandizzo (To)
Restauro ligneo

Fonte:

R.E.M. di P.Paolo Masoni  "Restauri lignei e lapidei"

Il Restauro di Villa Tempia, Brandizzo (To)

Progetto e direzione lavori Ing. Paolo Merlo.
Restauro pavimenti e parti lignee R.E.M. di Pier Paolo Masoni.

 


Vai a vedere la Galleria Fotografica

 

Il fabbricato risale agli anni ’20 ed ha conservato le caratteristiche strutturali dell’epoca.
Gli interni, caduti in abbandono, sono stati restaurati applicando due criteri diversi a seconda dello stato di degrado: le parti irrecuperabili sono state sostituire con materiali moderni anche sotto il profilo estetico; quelle recuperabili sono state restaurate con criteri conservativi.
Ne risulta un armonico alternarsi di un liberty con echi romantici dell’ottocento piemontese, con paramenti attuali scelti con cura fra ceramiche dall’aspetto metallico o ironicamente imitanti il legno, ampi volumi dal sapore ottocentesco volutamente interrotti ed articolati.
Il restauro è tutt’ora in corso e provvederò ad inserire i suoi progressi.
È stato possibile recuperare il 50% dei pavimenti costituiti da betonelle cementizie, in parte mediante sostituzione con elementi coevi, in parte mediante restauro.


 

rest_pav_villa_tempia_01a  rest_pav_villa_tempia_10a 

In linea di massima il restauro di tali piastrelle consiste in un energico lavaggio basico avente lo scopo di eliminare sporco e cere esauste, seguito da un lavaggio leggermente acido per neutralizzare i residui alcalini che affiorerebbero in seguito con efflorescenze biancastre. Quest’ultimo lavaggio è particolarmente delicato poiché gli acidi corrodono i materiali cementizi; è importante saper calibrare la quantità di acido: sufficiente per neutralizzare il prodotto basico senza danneggiare la piastrella.
Molte macchie, in questo caso, erano penetrate in profondità; si è dovuto ricorrere ad impacchi di carbonato di ammonio in pasta tixotropica, ottenendo un estrattore basico lento ma efficace.
Altri problemi erano dati dalle macchie bianche (vedi foto n. 1) dovute a corrosione. Tali lacune, ineliminabili fisicamente, sono state cancellate cromaticamente col trattamento protettivo.

Tale trattamento è consistito in più impregnazioni con Linfoil Geal (emulsione di olio di lino, olio di thung ed una resina). In pratica si tratta di una verniciatura non filmante probabilmente simile a quella che il pavimento ha subito originariamente. Gli oli vanno a riempire le microfratture che determinano il bianco delle corrosioni e le saturano anche cromaticamente. Anche in questo caso è importante saper dosare la quantità di olioresina in modo da ottenere il massimo della penetrazione senza arrivare ad una filmazione che renderebbe caduca tale protezione.

Questo tipo di pavimentazione, presentato per la prima volta alla Mostra Universale di Parigi del 1900 rappresenta una invenzione geniale che ha permesso di dar nuova vita ad un artigianato che languiva, legandolo, pur nella modernità, a canoni antichi, a quelle consuetudini che vedevano l’artigiano creare decorazioni autonomamente, indipendentemente dall’architetto (fulgido esempio ne è la cripta della Cattedrale di Otranto ove gli scalpellini hanno creato decine di capitelli diversi e con stile personale). Anche in questa villa troviamo numerose soluzioni estetiche realizzate disponendo in modo diverso le stesse piastrelle.

L’ultima operazione consisterà in una inceratura opaca idro-olio repellente.

La scala in marmo di Carrara ha richiesto soltanto una pulitura effettuata con un tensioattivo leggermente acido (Service acido Geal) ed una protezione resino cerosa (Marmo Toner Geal).


Si tratterà poi di affrontare il restauro delle parti lignee. Ma questa è un’altra storia: ne riparleremo fra una quindicina di giorni.

 

Vai a vedere la Galleria Fotografica

 



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi73
mod_vvisit_counterIeri1833
mod_vvisit_counterQuesta settim.5796
mod_vvisit_counterSettim. Preced.16266
mod_vvisit_counterQuesto Mese40434
mod_vvisit_counterMese Preced.55048
mod_vvisit_counterTotale visite6518615

Online : 11
Today: Nov 21, 2019

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information