Pianoforte verticale

Domanda

Buon giorno sig. Rogledi,
vorrei avere delle informazioni e una valutazione di un pianoforte verticale che ho in casa da anni, in allegato troverà le foto, purtroppo non ho nessun documento, so solo che il colore nero forse non è quello originale, è stato ridipinto ( e cioè mi dispiace visto che forse è molto vecchio), non so neanche la marca.

Mi piacerebbe sapere, se è possibile, l’anno di fabbricazione, il valore e un po di storia se ce l’ha, mi ha sempre incuriosito quello “stemma” a mo di Bara dico io.
Il suono è molto bello, i pianoforti a muro che ho sentito hanno un suono metallico, mentre il mio ha un suono caldo.
Poi un’altra cosa, non me ne intendo, quindi magari è normale…ma è pesantissimo, dobbiamo stare attenti nello spostarlo, ha già scheggiato il pavimento.
La ringrazio in anticipo per le informazioni che vorrà darmi.

Distinti saluti
Majda

Risposta

Gentile Sig Majda,
il suo pianoforte è un piccolo ma non raro mistero. L’ aspetto esteriore ricorda molto i pianoforti tedeschi anni 30, possenti e costruiti senza risparmio.
Va considerata però la meccanica a baionetta, che si trova generalmente su strumenti fine 800 inizio 900. Purtroppo nel restauro, che sembrerebbe ben eseguito, è stata cancellata senza pietà qualunque traccia/marchio.

Potrebbero essere state sostituite le colonnine sotto il pianale porta tastiera, che danno appunto un senso più moderno e squadrato all’insieme, in luogo di quelle lavorate, tipiche di fine sec 1900. A mio parere questa è la versione più probabile; spesso un maquillage estetico che “svecchiava” gli strumenti li rendeva commercialmente più appetibili. La ri-verniciatura purtroppo  è scadente e le coperture dei tasti, rifatte di plastica, lo rendono un miscuglio di stili un pò sconcertante.

Il valore non è alto (ma non è da buttare , anche per il fatto che in questo modo è stato privato della sua tipicità.
Mi è capitato di trovare quello stemma “a bara”, molto simile ma non identico, su uno strumento di produzione russa.

Cordiali saluti,
Stefano Rogledi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »