Pianoforte Panzer System Kaps ernst’ Kaps Dresden

Domanda

Sono Brunello e la ringrazierei tanto se potesse dirmi, se il pianoforte è oggetto valido oppure dozzinale, l’ho ereditato dalla nonna.

Qual è l’ambiente migliore per tenerlo in casa, posso metterlo vicino alla finestra e Quanto può valere? Grazie

Pianoforte nero con intarsi liberty riportante la scritta interna” Panzer System Kaps ernst’Kaps Dresden 32626

Risposta

Gentile Sig. Brunello,
guai a definire questo pianoforte “dozzinale”.
Kaps è uno dei costruttori storici dalla seconda metà dell’ottocento in poi. E un marchio storico e di gran qualità.
 
Il pianoforte in questione è dotato del sistema “Panzer”…il riferimento  “militare” rende benissimo l’idea circa la solidità costruttiva dei prodotti  tedeschi.
 
Si tratta di un sistema che ingloba il somiere nel telaio di ghisa in modo  particolarmente solido ed efficace. Questo progetto rende il sistema molto  compatto, solido e “unitario”…un vero carro armato insomma.
 
L importanza dell’insieme somiere-telaio di ghisa è di primaria importanza  nella stabilità di accordatura.(stabilità, non tenuta…sono due cose  diverse)
La tenuta naturalmente, in qualsiasi pianoforte, è garantita solo da un  somiere integro.
 
 Questo strumento, databile 1923, è in condizioni eccellenti direi. Dovrebbe  anche avere una straordinaria possenza timbrica.
 
Il clima migliore per lo strumento è il medesimo che desideriamo noi. Stabilità di temperatura e umidità.

1) Niente sbalzi repentini quindi o finestre aperte in inverno se vicino allo strumento.
2) Niente correnti d aria.
3) Niente termosifoni attaccati allo strumento o camini-stufe.. (deleteri
4) No raggi di sole diretti (idem)

L ideale sarebbe 18-20 gradi, umidità intorno al 50 %.

Questo nella stagione invernale. In primavera ed estate, dopo lo spegnimento del riscaldamento lo strumento segue naturalmente il clima naturale ambientale (a meno che non si trovi in una cantina umida o in una mansarda caldissima ovviamente..).
Il periodo da controllare in sostanza è quello invernale, dove la temperatura è indotta da noi e fortemente modificabile da riscaldamenti ecc..quindi non naturale.

Se acquista un igrometro o una piccola stazione meteo di quelle digitali (ormai reperibili anche nei supermercati a prezzi stracciati) e lo posiziona sullo strumento o nelle vicinanze, avrà un idea precisa del grado di umidità e temperatura del suo ambiente.

Uno strumento correttamente conservato ha una vita straordinariamente lunga in piena efficienza.

Una quotazione probabile può essere intorno a 2500 euro o più.

Ne abbia GRANDISSIMA cura /font>

Cordiali saluti,
Stefano Rogledi

   
 

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »