Pianoforte Boisselot fils & cie

Domanda

Egr.sig.Rogledi,

le sarei grata se mi desse un parere sul pianoforte del quale allego alcune foto, un “Boisselot fils & cie” a coda che mi è stato regalato nel 90. Mi è stato detto che risale ai primi del 900. La tastiera è in avorio.

Per motivi affettivi due anni fa ho speso E 3000 per il restauro del mobile e della meccanica ma ho il sospetto che non sia stato un buon affare..il piano non tiene l’accordatura anche se in effetti non è quasi mai utilizzato. Purtroppo non posso più tenerlo perchè troppo ingombrante.

Le sarei molto grata se mi desse un indicazione sul suo valore commerciale.
La ringrazio per la sua disponibilità

Geni

Risposta

Gentilissima Geni,
questo strumento non è dei primi del 900.
Una datazione molto probabile può essere intorno al 1860.

Non ho immagini che mi permettano la formulazione di un giudizio inerente la parte interna dello strumento.
Da quanto ho capito è stato restaurato nella sola parte meccanica, senza quindi tener presente la cattiva tenuta dell’accordatura?
Se non “tiene” adesso non teneva anche due anni fa; questo genere di problemi (se così davvero fosse) inerenti il somiere hanno infatti un decorso molto lungo.

Purtroppo, se le cose stanno in questi termini, il valore residuo è vicino allo zero.
La non tenuta dell’accordatura pone l’oggetto (il termine in questo caso è voluto) in una condizione di “non strumento musicale”, nel senso che vien meno alla sua funzione (unica) per cui è stato costruito. Rimane l’oggetto di arredamento, senz altro di raffinatissima fattura.

Un restauro integrale (sostituzione somiere) è l’unico modo per porre rimedio in quanto non esistono metodi di riparazione alternativi efficaci riguardo a questa fondamentale parte strutturale del pianoforte. Restauro molto oneroso purtroppo che però andava fatto a suo tempo, rinunciando magari al ripristino del mobile..

Tasselli e altre riparazioni che ogni tanto vengono proposte sono da escludere.

Due anni fà andava valutato molto attentamente questo problema prima di procedere ad un costoso intervento (3000 euro..) di fatto inutile.

Questo naturalmente è solo il mio parere.

Cordiali saluti,
Stefano Rogledi

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »