Cassettone Direttorio

Fonte: Le pagine descrittive il restauro sono curate della Dott. Antonella Barbagallo.

L’ intervento di restauro è stato eseguito sotto la direzione degli insegnanti Dott. Antonella Barbagallo e Dott. Lando Fanfani all’interno del Laboratorio-Scuola di restauro ligneo e policromo , Piazza del Carmine , Firenze.


Allievo : Luca Serretti

Descrizione dell’opera

Materia : Struttura portante in legno dolce , Pioppo e Gattice, mentre le listre che compongono la preziosa impiallacciatura sono in Noce con intarsi a filetto in Acero marrone chiaro con venatura compatta e Palissandro .Le filettature ad intarsio intorno alle serrature dei cassetti sono in Ciliegio chiaro, rosa  crema .

Stato di conservazione: Il cassettone  Direttorio epoca di realizzazione fine 700,  – Approfondimento  – al momento del restauro presentava grossi danni sul piano di appoggio.

Le listre in noce costituenti l’impiallacciatura del piano di appoggio superiore erano completamente imbarcate con evidenti punti di distacco nella loro parte centrale .

La causa principale del danno era l’incuria dovuta al contatto con superfici bagnate o umide.

Inoltre, la struttura portante, presentava distaccamenti nelle parti di congiunzione oltre ad evidenti perdite della preziosa filettatura in Acero e Palissandro .

Procedimenti tecnici e fasi di restauro

 Gli interventi sono stati essenzialmente di consolidamento, reincollaggio e reintegrazione.

La prima fase di lavoro è stata lo smontaggio delle listre in noce danneggiate, costituenti  l’impiallacciatura del piano superiore del cassettone. Questa operazione è stata eseguita con l’interposizione alternata di ferro caldo e panno bagnato; l’umidità ed il calore insieme , hanno facilitato il distacco delle listre.

Successivamente, ogni singola listra , è stata numerata e pulita così come il piano di appoggio.

La pulizia è stata molto accurata in quanto fondamentale per il futuro recupero dell’originaria essenza lignea e per il migliore reincollaggio successivo della stessa.

La presenza massiccia di vecchie colle viniliche ha necessitato una profonda pulizia, parzialmente a caldo e meccanica con bisturi .

La fase successiva è stata la riduzione parziale millimetrica del perimetro di ogni singola listra ed i tagli sono avvenuti in punti precisi di venatura.


Questa fase è stata necessaria per un migliore contatto nel reincollaggio finale.

Si è anche provveduto ad una delicata pulizia degli intarsi in ciliegio intorno alle serrature di ogni singolo cassetto.

Il consolidamento delle principali spaccature delle parti impiallacciate è stato eseguito con colla a caldo di bue e si è provveduto alla miscelazione di uno stucco naturale permeabile con colla di coniglio, cera ambra e pigmenti per il riempimento di spazi di luce , intersecando ove necessario, piccole sverze di legno tenero per il ricongiungimento delle parti mancanti.

Successivamente , sono stati reintegrati  in essenza di acero e palissandro gli intarsi perduti .

Il reincollaggio delle listre è avvenuto solo dopo aver reso completamente piane le stesse con vapori , ferro caldo e apportando loro costante umidità con panni bagnati .

Le listre , una volta rese piane , sono state rincollate con colla a caldo e pressate in modo costante con morbidi panni e sacchetti di sabbia .

La rifinitura a gommalacca completa il recupero del manufatto ligneo e si è scelto di operare a piumaccio con l’ interposizione di finissima polvere di pomice .

Una leggera mano di cera vergine naturale completa il lavoro di restauro.


0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »