Comò del Settecento

Fonte: Restauro effettuato da Stefano Nespoli nell’ottobre – novembre 1999, studente dell’Istituto Lignarius

Tipologia di mobile

comò con due cassetti intarsiato e bombato sul fronte e i fianchi, gambe mosse Epoca metà del XVIII secolo

Provenienza: Italia (Napoli)

Dati tecnici: struttura e interni in legno di pioppo, rivestimento in legno di noce con intarsi di bois de rose, palissandro e legni pregiati, maniglie e calzari in bronzo dorato

Il mobile, di ottima fattura, si presentava rimaneggiato in alcune parti. Oltre a mostrare numerosi ed evidenti restauri subiti nel corso degli anni, era infatti mancante del “grembiule” del fronte e dei laterali. La linea del comò risultava quindi evidentemente snaturata (foto di copertina).

Restauro di un comò del 700: Ricostruzione del "grembiule"
Foto 2: Ricostruzione dei grembiuli

Erano andate perdute le fodere posteriori e il piano divisorio interno tra i due cassetti.

Restauro di un Comò del 700: Rivestimento del "grembiule"
Foto 3: I grembiuli impiallacciati

Dopo aver pulito il mobile con alcool, ovatta e lana d acciaio sottile, per restituire al comò la linea originaria abbiamo deciso di ricostruire i “grembiuli”, le fodere e di rimuovere i vecchi restauri.

Per la ricostruzione dei “grembiuli” abbiamo usato centine di legno di pioppo (foto 2)  che sono state poi rivestite di piallacci di noce e filettate in bois de rose (foto 3).

Dopo aver rimosso i vecchi restauri abbiamo applicato nelle parti mancanti, piallacci più idonei. Contemporaneamente abbiamo montato le fodere sulla schiena del comò (usando legname a recupero) e consolidato le guide dei cassetti.

Restauro di un comò del 700: Restauro terminato
Foto 4: restauro terminato

Siamo passati quindi a patinare le parti nuove a vista con olii e mordenti. Infine il mobile è stato lucidato a tampone fino alla specchiatura. Le applicazioni in bronzo sono state semplicemente pulite, le serrature registrate (foto 4).

In sintesi, abbiamo cercato di ottenere, a restauro ultimato, un buon risultato estetico e funzionale e nel contempo salvaguardare la “leggibilità” del restauro stesso. Infatti mentre le parti a vista sono state patinate per non essere identificate, gli interni (interni dei grembiuli, fodere, guide dei cassetti) sono rimasti grezzi per facilitarne l’identificazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »