Pianoforte verticale A.Prohaska

Domanda

Sto per acquistare un pianoforte verticale Bohemo costruito da A.Prohaska; e dei primi del 900 in radica; mi dicono che e stato suonato fino a poco tempo fa, e che e in buone condizioni.
Conoscete questa marca ? Quanto potrebbe valere (visto che devo contrattare il prezzo)? cosa devo controllare per accertarmi che sia tutto a posto ?
Quanto potrebbe costarmi mediamente un eventuale restauro ?

Vanessa

Grazie

Risposta

Gentilissima Sig.ra Vanessa,
in tutte le fonti consultate, ho riscontrato un costruttore viennese a nome “Prohaska, Franz”, anno di fondazione della ditta 1909, Vienna. Non credo però sia il Suo caso.
Purtroppo in questi casi l’occhio “clinico” è indispensabile per valutare le condizioni di uno strumento.
Non è facile del resto spiegare cosa e come andare a vedere e controllare…
Posso riassumere a grandi linee, in ordine di importanza:

-verificare innanzitutto che non si tratti di un pianoforte con il tipo di meccanica “a baionetta”. Si tratta di strumenti vetusti e inefficienti dal punto di vista meccanico, DA SCARTARE SENZA OMBRA DI DUBBIO (se non in casi specialissimi..)
(Questa meccanica si presenta con una barra di legno che sovrasta i martelli, che appaiono così dietro a una serie di piccole aste di ferro. Se i martelli si possono invece toccare agevolmente con le mani siamo in presenza di una meccanica di tipo moderno).

-controllare lo stato del somiere se del tipo a vista; deve essere assolutamente integro (il somiere è la parte che accoglie le caviglie di accordatura).
Se la tenuta delle stessa fosse precaria gli interventi di restauro sarebbero abbastanza onerosi.
Si provi a suonare in sequenza, una alla volta, le note, salendo e scendendo; se si notano accentuate scordature relative a qualche tasto in modo particolare, il somiere può essere danneggiato.

-Controllare lo stato delle corde (ossido o peggio ancora ruggine, corde rotte ecc…)

-Suonare con vigore (forte/fortissimo): la risposta deve essere ancora accettabile e deve seguire decentemente l’impulso dinamico.

-Controllare il ponte (parte sul quale sono appoggiate le corde); è di FONDAMENTALE IMPORTANZA che questo sia INTEGRO, privo di fessurazioni.

-controllare (ma qui è difficile per un utente non pratico) che i martelli non abbiano escursioni laterali accentuate e che non siano in cattivo stato.

-controllare poi tutte le parti in feltro, devono dare sensazione di “freschezza” per quanto possibile. Ogni sensazione di “vetustà” andrà certamente tenuta in considerazione.

-Tutta la parte meccanica deve dare impressione di ordine e pulizia (per quanto possibile)

Questi sono solo pochi suggerimenti che vogliono essere d aiuto per una valutazione. Non mi è possibile naturalmente quantificare, nemmeno a grandi linee, il costo di un restauro senza immagini dettagliate.
Cordiali saluti,
Stefano Rogledi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »