Diagnostica dei dipinti: Esame radiografico

Fonte: Studio Verdi Demma: Tecnologie diagnostico-analitiche e informatiche per l’attribuzione, l’autenticazione e la valutazione economica delle opere d’arte

Nella diagnostica dei dipinti l’uso dei raggi X è diventato una pratica comune tra gli autenticatori d’arte. Non solo rivela segreti sotto i dipinti, ma aiuta a stabilire l’autenticità. Tipi di carta, materiali, schizzi preparatori, modifiche alla composizione e altri indizi possono essere scoperti attraverso l’uso di una radiografia per dimostrare la natura e l’origine di un dipinto.

I raggi X possono anche essere utilizzati per rilevare tracce di minerali e altri elementi all’interno della vernice. Queste tracce possono essere un indizio su quando è stato eseguito il dipinto e dove. Ad esempio, questa radiografia de “La ragazza con l’orecchino di perla” di Vermeer rivela che c’erano tracce di piombo nella vernice che usava.

Ragazza con l’orecchino di perla” di Vermeer
X-Ray – “La ragazza con l’orecchino di perla” di Vermeer

Durante l’epoca di Vermeer, il piombo era un componente primario nella vernice bianca. Queste aree più luminose della radiografia mostrano dove Vermeer usava il bianco, creando così il bagliore luminoso per cui questa immagine è diventata famosa. Anche se questo è inequivocabilmente un Vermeer, questa specifica tecnica applicata conferma che il dipinto è stato prodotto al momento in cui il piombo era in uso.

“The Old Guitarist” di Pablo Picasso (1903)
X-Ray – “The Old Guitarist” di Pablo Picasso (1903)

Un altro esempio in cui la ricerca radiologica è stata utilizzata nella diagnostica dei dipinti è stato sul dipinto “The Old Guitarist” di Pablo Picasso (1903). Attraverso la ricerca radiografica, è stato rivelato che questo dipinto inizialmente era iniziato come una vecchia con la testa chinata. I raggi X rivelano anche la testa di una mucca nell’angolo in alto a destra.

Mentre gli esami Ultra-Violet possono essere eseguiti internamente; le radiografie pesanti devono essere eseguite a livello di laboratorio.

Gli autenticatori d’arte utilizzano i raggi X per identificare e autenticare i dipinti da oltre 100 anni. Il primo uso documentato delle radiografie nell’autenticazione artistica fu nel 1896 a Francoforte, in Germania.

Come funzionano i raggi X nel mondo della diagnostica dei dipinti e dell’autenticazione artistica? In realtà è un processo semplice.

Se hai mai fatto una radiografia presso lo studio di un medico, hai già una conoscenza di base di come funzionano; i raggi X sono usati per vedere diversi strati nel tuo corpo che non possono essere visti ad occhio nudo.

Esistono due tipi di raggi X utilizzati nell’autenticazione artistica: la stereoradiografia che funziona allo stesso modo delle radiografie mediche e l’autoradiografia che utilizza particelle beta. Ogni tipo di radiografia può mostrare cose diverse in un dipinto che altrimenti non sarebbero visibili.

Come nello studio del medico, i raggi X possono vedere attraverso diversi strati. Ma al posto della carne, queste radiografie vedono diversi strati di vernice. I raggi X possono mostrare dove sono stati fatti i ritocchi o dove sono stati dipinti i luoghi.

Al fine di creare una nuova immagine degli strati del dipinto, i raggi attraversano il dipinto e creano un negativo delle aree più scure del film. Pensalo come una fotografia al contrario. Dopo che i raggi sono passati attraverso il dipinto, è possibile vedere vecchi strati di vernice e iniziare le indagini. Ciò è coerente con il noto metodo di preparazione e pittura dell’artista? Le composizioni nascoste sono simili allo stile usato dall’artista?

Per trovare questi “dipinti nascosti”, il tecnico radiografico applicherà una certa quantità di kilovoltage. Il kilovoltage è fondamentalmente una misura di quanto intenso o debole sia il raggio radiografico. Più kilovoltage viene applicato, più rivela i dipinti sottostanti. Può essere paragonato alla modifica del contrasto di un televisore quando passa dal bianco al nero. Più chilovoltaggio viene utilizzato, meglio è possibile vedere l’immagine sottostante. È stato detto che il kilovoltage viene utilizzato dal radiografo per “dipingere” l’immagine (Graham e Eddie).

Il tempo è anche un elemento che i radiografi usano per effettuare esposizioni ai raggi X. Allo stesso modo in cui è possibile esporre sotto o sopra la pellicola in una telecamera, lo stesso si può dire per i raggi X. I radiografi usano una breve esposizione ai raggi X per mostrare gli strati più profondi. Più lunga è l’esposizione, più bassa sarà la radiografia.

In generale, i laboratori artistici utilizzano una serie di raggi X “morbidi” noti come raggi di Grenz. Queste lunghezze d’onda sono lunghe, ma meno intense, e sono ideali per gli autenticatori d’arte. Per produrre questi raggi Grenz e usarli in modo conveniente per gli autenticatori, in genere viene utilizzata una macchina come la macchina a raggi X Gilardoni Radiolite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »