Pianoforte Anton Tomaschek

Domanda

Gentile maestro Rogledi

Ho visitato con interesse il Suo sito.
Ho letto alcune consulenze sul pianoforte Anton Tomaschek di cui ho un esemplare da molto tempo.
Le chiedo gentilmente una valutazione.

Allego foto Tomaschek:
A – Vista di insieme
B – Tastiera completa montata
C – Scorcio tastiera e ribalta con scritta in madreperla
D – Tastiera completa smontata
1 – Scritte interne a matita con data ? o numero di serie ? (1888? 1868?) preceduta da un nome e seguita da una parola abbreviata.

2 – Vano tastiera senza la tastiera
3 – Sotto
4 – Dettaglio tastiera
5 – Dettaglio martelletti
6 – Corde

Come si vede, nel mobile manca una ruota.
Recentemente sono apparsi i tarli e ciò mi preoccupa.
Relativamente allo stato di conservazione dello strumento Le preciso che pur essendo solo uno strimpellatore maldestro
l’ho suonato per molti anni, con una certa soddisfazione, fino all’anno scorso,
accettandone le immaginabili imperfezioni.
Ora vorrei venderlo.

Grazie
Cordiali saluti

Vittorio

Risposta

Gentile Vittorio,
questo strumento è databile circa 1860, progettualmente identico a un esemplare che posseggo io.
Il valore commerciale non è rilevante in quanto il mercato ha una modesta richiesta di tali strumenti,  a fronte invece di una buona presenza e offerta degli stessi.

Le consiglio di procedere ad un trattamento anti-fungineo dei “piantoni”, (“travi” di legno) sotto allo strumento, lasciando stare la tavola di risonanza.

Successivamente un buon trattamento anti-tarli se presenti.
Su questo stesso sito, nella sezione apposita, potrà trovare validi consigli su come procedere.
Personalmente quando necessario, dopo il trattamento, che deve essee integrale, sigillo lo strumento e parti di esso per circa 1 mese.
Questa sorta di “camera a gas” provoca l’asfissia di questi poco amati insetti…rendendo quindi efficace il trattamento.  
Un controllo periodico poi è sempre necessario

Sotto alle corde, guardando lo strumento dal leggio, dovrebbe esserci il numero di “serie” di questo strumento (sicuramente di 4 cifre), indicato insieme alla dicitura “Op.—-” (opus).

La data 1888 scritta a matita si riferisce ad un intervento di qualche tecnico.

Attenzione ad estrarre e reinserire la meccanica.

Cordiali saluti,
Stefano Rogledi

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »