Google new 2018

Home Materiali e reversibilità
Materiali e reversibilità Stampa E-mail
Il Mobile - I Materiali
Scritto da Luciano Simonato   
Indice
Materiali e reversibilità
Stucchi e stuccatura
Colle e incollaggi
Coloranti e mordenti
Le vernici

 

Reversibilità o removibilità

 

Premessa

Anche se lentamente, sempre più nel settore del restauro del mobile antico ci si pone il problema della reversibilità di materiali come consolidanti, stucchi, colle, coloranti, tinte, mordenti, cere e vernici.

I materiali suddetti vengono applicati in forma liquida o in una consistenza intermedia tra quella liquida e quella solida. Tutti hanno un proprio tempo di solidificazione in dipendenza della densità di applicazione.
Il passaggio alla fase solida può avvenire per evaporazione dell'acqua di diluizione o del solvente oppure per reazione chimica di indurimento.
Nel primo caso si è in presenza di materiali chimicamente reversibili che hanno bisogno di acqua o di un apposito solvente per passare dalla fase solida o semisolida a quella liquida. Quasi sempre i solventi adatti a sciogliere questi materiali una volta applicati sono gli stessi che ne avevano modificato la consistenza per renderli applicabili.
Nel secondo caso tra i materiali usati o usabili nel campo del restauro non mi risultano casi di reversibilità chimica almeno con i solventi maggiormente usati.

Sembrerebbe dunque che i materiali chimicamente reversibili siano da considerarsi meno invasivi, più rispettosi dei materiali antichi e più adatti a un futura asportazione per un intervento migliorativo da parte dei nostri posteri.
Spesso però c è confusione a livello terminologico. Si pensa che un materiale possa venir eliminato facilmente per la sua reversibilità chimica. Bisognerebbe invece parlare anche di removibilità meccanica, intesa come possibilità di eliminare in un secondo momento un intervento effettuato.
E inoltre il solvente che scioglie un materiale solidificato può avere effetti deleteri sul materiale legno se esso viene applicato per immersione. Se poi infine un materiale è termofondente non sempre l'applicazione del calore è praticabile senza effetti negativi indotti.

È quindi opportuno analizzare singolarmente i materiali di restauro su menzionati per definire e chiarire nei dettagli quanto qui affermato. Si vedrà che il concetto di reversibilità può diventare rituale se considerato da solo e talvolta persino fuorviante per un restauro corretto e soprattutto rispettoso della storia passata e futura del mobile.

 

Consolidanti e consolidamento

Tradizionalmente si usava come consolidante per parti molto tarlate la colla calda "da falegname" piuttosto liquida e si cercava di farla penetrare nei forellini.
Questa penetrava poco nei fori sia perché il tempo aperto è piuttosto breve a causa del veloce raffreddamento sia perché la penetrazione avveniva quasi completamente per forza di gravità mediante un corretto posizionamento del pezzo da consolidare.  Di fatto nei rari casi in cui veniva fatto, questo consolidamento serviva solo per otturare la parte terminale dei fori e risparmiare sulla stuccatura seguente.

Un altro metodo di consolidamento era l'immersione in cera fusa. È evidente il limitato utilizzo di questo metodo: solo manufatti relativamente piccoli possono essere trattati in questo modo. Oltre a ciò la cera calda può avere negativi effetti sulla finitura ad esempio in gommalacca.

Mutuando un sistema in uso nel restauro dei reperti archeologici, dei tessuti antichi, della ceramica e terrecotte, delle pitture parietali e delle statue lignee dipinte, oggi si può adoperare come consolidante una resina sintetica sciolta in un apposito solvente.

Questo sistema non è recentissimo. Già negli anni 50 del Novecento la multinazionale chimica tedesca Höchst'commercializzava una resina vinilica denominata Mowilith da sciogliersi in acetato etile. Storicamente questa è stata la prima resina sintetica utilizzata come consolidante.
La variante Mowilith 50, un copolimero dell'acetato di polivinile, è la più adatta alla conservazione del legno e dei reperti ossei.
Viene ancor oggi venduto in cristalli trasparenti da sciogliersi in acetato etile (che è il solvente più adatto). Tra i solventi o diluenti in uso nei laboratorio di restauro, si scioglie bene (al 15 - 20 %) anche in acetone e diluente nitro. Non è invece solubile in acqua e alcol.

Negli anni 70 però delle prove di laboratorio a cura dell'Istituto Centrale di Restauro accertarono che la resina vinilica è attaccabile dai tarli come il legno e quindi questo uso decadde.
Fu preferito pertanto un prodotto denominato Paraloid B72.

Il Paraloid B 72 (marchio della Rohm and Haas) è un copolimero di durezza media di metacrilato di etile e metacrilato di metile (70/30) e si presenta sotto forma di perline o cristalli trasparenti. È solubile negli esteri (acetato etile e di amile), chetoni, idrocarburi aromatici, idrocarburi clorurati (tricloroetilene, ecc.). Solubile anche nel "diluente nitro".

Oltre ad essere inattaccabile dai tarli, a differenza delle resine viniliche come il Mowilith, è più flessibile, non produce deformazioni plastiche del manufatto ed è molto stabile.

Personalmente sciolgo questa resina in forma di cristalli in diluente nitro o acetone nella proporzione di 1 p.p. di resina e 6 p.p. di solvente. Ho verificato che 0,5 - 1 kg complessivi si sciolgono completamente in una settimana circa.

Le soluzioni diluite con entrambe le resine possono essere applicate per spennellatura, iniezione, "goccia a goccia" o immersione, con penetrazione ed efficacia progressivamente maggiore. Una volta penetrata all'interno del legno la resina si solidificherà conferendogli una certa consistenza. La solidificazione si produce per evaporazione del solvente. Da ciò deriva la maggiore penetrazione quando si sceglie ad esempio il diluente nitro e la maggiore velocità di solidificazione quando si preferisce invece un solvente più bassobollente come ad esempio l'acetone.

Fin dove è possibile io procedo con immersioni ripetute fino a completo assorbimento e successivo lavaggio delle superfici ad esempio con diluente nitro per impedire il depositarsi sulle superfici esterne di uno strato lucido di resina.

In alternativa si può procedere alla picchiettatura continua con pennello saturo.
Questo metodo è il più adatto quando non è possibile l'immersione. La picchiettatura dovrebbe essere ripetuta più volte, e cioè sempre sulla mano precedente ancora umida fino alla completa impregnazione del manufatto e ripetendo l'operazione fino al completo assorbimento. Dopo ogni fase è opportuno il lavaggio con il metodo sopra descritto.

Entrambe queste resine (Mowilith e Paraloid) fissano relativamente a lungo tutti i solventi. È perciò importante prestare particolare attenzione riguardo all'essiccamento e al magazzinaggio a causa dell'odore e della tossicità dei solventi.

È evidente che il consolidamento è una operazione che vuole conferire stabilità nel tempo ad un manufatto che altrimenti rischierebbe di sgretolarsi.
L operatore pertanto conduce questa laboriosa e dispendiosa operazione proprio per conservare il più possibile ciò che resta dell'originale e non pensa nemmeno lontanamente alla possibilità che in futuro qualcuno proceda all'eliminazione del suo lavoro. Il consolidamento infatti viene eseguito solo quando la situazione è molto grave e non ci sono alternative conservative.

La resina penetrata non subisce una trasformazione chimica come ad esempio i collanti termoindurenti e di per sé rimane reversibile. Di fatto però non sarà più possibile estrarla dall'interno del legno se non in minima parte, quella superficiale. In questo caso, a parer mio, non si può parlare né di reversibilità né di removibilità in quanto la non rimozione è condizione di sopravvivenza per l'elemento consolidato e questi due concetti sono da porre in secondo piano.


Diventa invece molto importante una corretta scelta del consolidante per le sue caratteristiche di buona penetrazione, compatibilità con in legno e i suoi "movimenti" e non attaccabilità da parte di insetti o agenti patogeni. Non è infine da sottovalutare il fatto che la penetrazione della resina rappresenta la fine certa di uova e tarli ancor vivi all'interno del legno.
E questi requisiti a tutt oggi sembrano ampiamente rispettati dal Paraloid B72.

 



 

Visite

mod_vvisit_counterOggi6
mod_vvisit_counterIeri1534
mod_vvisit_counterQuesta settim.4873
mod_vvisit_counterSettim. Preced.10515
mod_vvisit_counterQuesto Mese18476
mod_vvisit_counterMese Preced.47196
mod_vvisit_counterTotale visite5921902

Online : 22
Today: Dic 13, 2018

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, www.inforestauro.org e i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information