Sedia con traversa dalla spalliera rotta

Proseguiamo con alcune indicazioni su come è possibile procedere ad un altro dei numerosi guasti che si possono incontrare nel restauro della sedia.

Affrontiamo questa volta il caso della rottura di una delle traverse della spalliera e prendiamo il caso di una sedia in stile Luigi Filippo.


rest_sedia_07
Sedia dopo il restauro

Nell’immagine di copertina la sedia prima del restauro

Questa sedia aveva entrambe  le traverse della spalliera distaccate. Mentre quella intermedia era solo scollata, quella superiore, era spezzata sia nel punto estremo, in corrispondenza della mortasa ed inoltre su di un lato era spezzato anche la parte estrema montante.

rest_sedia_02

In questa foto, si nota che nel montante a sinistra (per chi guarda) si intravvede il piccolo tenone  a cui è incollato la parte frontale estrema della trversa, mentre il montante di destra risulta essere spezzato.

La sedia aveva subito in passato un altro intervento che riguardava la stessa rottura. Nel tentativo di rinforzare la parte era stata illusioriamente incollato sul retro una listarella di compensato che ha potuto far poco per contenere la rottura.

rest_sedia_03
Traversa superiore

Nella foto sopra, si nota sul lato sinistro (per chi guarda) della traversa superiore il punto dove il tenone si è spezzato e si intravvede la linea di unione originale tra montante e traversa, mentre sul lato destro, è evidente la mortasa spezzata (l’altro pezzo è ancora attaccato al montante) e la parte chiara incollata sul retro è la listra di compensato a cui si è accennato.

rest_sedia_04
Traversa intermedia

Nella foto sopra abbiamo invece la traversa intermedia che si è scolo scollata

Innanzi tutto ho scollato le parti di traversa che spezzandosi erano rimaste poi incollate sul montante, ho eliminato le listre di compensato sia dai montanti che dalle traverse.


rest_sedia_05
Fissaggio della traversa intermedia

Successivamente  ho incollato la traversa intermedia  tenedola in sede, in attesa che la colla asciugasse, serrandola con un cordino messo in tensione con un cavicchio (vedi foto).

rest_sedia_06
Incollaggio di due giunzioni allentate delle gambe

Mi sono poi preoccupato delle giunzioni delle gambe che erano allentate. Nel caso specifico, sedia con seduta imbottita da no eliminare, per rinforzare le giunzioni delle gambe, ho iniettato con siringa colla calda all’interno delle mortase e poi le ho serrate con cordino. Questo metodo di serraggio è ideale nel caso di queste sedie dove risulta complicato applicare morsetti.

Ricostruito poi uno dei due tenoni che erano andati distrutti, ho ricomposto così le parti che ho incollato assieme con colla a caldo.


A questo punto, avevo ripristinato la rottura ed ora il problema era quello di rinforzarla in quanto in queste condizioni, pur essendo ricomposta, la spalliera non sarebbe stata sufficientemente robusta per sopportarne il normale uso.

rest_sedia_11

Ho quindi eseguito uno scasso, sul retro della spalliera a cavallo dei punti di unione tra traversa e montanti. Lo spessore di  almento 5 mm e di altezza inferioree a quella della traversa al fine da non renderla visibile sul fronte.

rest_sedia_09

Ho poi costruito due tasselli di adeguata forma e li ho incollati nella loro sede come si nota dalle foto precedenti

Una volta asciugata la colla ho asportato la parte in eccedenza che avevo lasciato e dopo aver levigato i due tasselli si presentavano come nelle foto di sinistra .

E’ stato sufficiente poi intervenire armonizzandone il colore per ottenere un lavoro più che accettabile. Infine ho lucidato a gommalacca, mascherando l’imbottitura per evitare di sporcarla.

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »