13 – Cinque minuti di Antiquariato: Carlo Bugatti

Fonte:Sergio Salomone collaboratore esterno della ditta Studio Laboratorio di Antichità s.a.s.

I mobili di Carlo Bugatti si distinguono per l’accurata qualità dei materiali, per l’originalità delle linee, fortemente ispirate dall’arte giapponese e dal gusto esotico-moresco. Si può affermare che Carlo Bugatti si collochi agli albori del moderno Design.

La Famiglia Bugatti a partire da Luigi – e chissà, andando ancora indietro nel tempo – si distingue tra ‘800 e ‘900, per una genialità e creatività fuori dal comune. Oggi parleremo di Carlo e delle sue creazioni.

Cinque minuti di Antiquariato: Carlo Bugatti

Carlo Bugatti ebanista e disegnatore progettista nasce a Milano il 6 dicembre 1855. Il padre Luigi Bugatti, scultore e architetto lo iscrive prima all’Accademia di Brera e poi all’ École Nationale Supérieure des Beaux-Arts di Parigi.

Sposatosi nel 1880 con Teresa Lorioli, avrà tre figli: Ettore, fondatore della famosa fabbrica di automobili Bugatti, Deanice e Rembrandt, affermato scultore. Terminati gli studi in Francia, fa apprendistato presso il laboratorio di ebanisteria Mentasti, in via San Marco a Milano. Fin dai primi anni collabora con l’amico pittore divisionista, conosciuto a Brera, Giovanni Segantini che diventerà poi suo cognato. Attiva collaborazione sarà anche con il pittore Emilio Longoni e l’ebanista, Suo discepolo, Eugenio Quarti.

I mobili di Carlo Bugatti si distinguono per l’accurata qualità dei materiali, per l’originalità delle linee, fortemente ispirate dall’arte giapponese e dal gusto esotico-moresco. Si può affermare che Carlo Bugatti si collochi agli albori del moderno Design. Nel 1890 è con il laboratorio a Parigi, trampolino per la fama internazionale iniziata con l’Esposizione Italiana di Londra nel 1888, dove viene premiato con il Gran Diploma d’Onore; analogo successo riscuoterà all’Esposizione Universale di Parigi del 1900 e a quella di Torino del 1902.

Durante l’Esposizione di Torino l’allora Regina d’Italia, Elena di Savoia, desidera conoscere Carlo e si complimenta con Lui dicendo che Le piacciono molto i suoi mobili in Stile Moresco, Lui risponde orgogliosamente: “Si sbaglia, Maestà, questo è il mio stile!

Residente a Parigi nel 1903 incontra l’industriale Adrien Hèbrard che dirige l’omonima fonderia, il quale lo convince a misurarsi con la scultura, commissionandogli oggetti e soprammobili. Nel 1910, per difficoltà nel vendere i suoi mobili particolarmente costosi, lascia Parigi per trasferirsi a Pierrefonds sempre in Francia, di cui diventerà sindaco.

Negli ultimi anni della vita viene ripetutamente segnato da gravi lutti famigliari e nel 1935 decide di trasferirsi in Alsazia, a Molsheim, dove il figlio Ettore aveva aperto la famosa fabbrica di automobili. Morirà il 31 marzo 1940. Diversi musei di fama internazionale conservano le sue opere, ricorderemo: – Il Museo d’Orsay a Parigi – Il Victoria and Albert Museum di LondraIl Museo delle Arti Decorative del Castello Sforzesco di Milano – Il Brooklyn Museum di New York – Il Montreal Museum of Fine Arts di Montreal

Gli altri tutorials di Sergio Salomone

Vedi tutti gli articoli di Sergio Salomone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »